Menu

Indice articoli

CAPO NORD in camper

Capo Nord giovannoni

È la meta che tanti camperisti e campeggiatori sognano, raggiungere quello che comunemente viene considerato il punto più a Nord dell'Europa (anche se leggendo il diario scoprirete che in realtà non lo è!). Vi domanderete: un altro diario di viaggio di viaggio di questo lungo viaggio a zonzo per la penisola scandinava? 

Daniele G, della provincia di Grosseto, se lo è chiesto pure lui, il suo obiettivo di questo racconto è di condividere la propria esperienza, una sorta di gratitudine a chi prima di realizzarlo è stato utile per compiere il "viaggione". 

Mi sono domandato se a qualcuno poteva ancora interessare un resoconto di un viaggio a Capo Nord, visto il gran numero di questi che ormai si trovano sui vari siti specializzati.
Poi mi sono ricordato che per organizzare il mio di viaggio, ho a mia volta consultato tanti diari di bordo, prendendo un po’ da tutti spunti che mi sono stati molto utili. Avendo poi la presunzione di andare a scovare spesso posti un po’ al di fuori dei normali circuiti turistici, ho deciso di rendere disponibile anche la mia esperienza, per ringraziare anche chi prima di me lo ha fatto facilitandomi la programmazione.
È un diario lungo, lo so; si svolge in un periodo di 45 giorni e ho ritenuto opportuno che le informazioni fossero il più possibile dettagliate per rendere al lettore il massimo della fruibilità per un eventuale viaggio.
Se non avessi raggiunto lo scopo, me ne scuso in anticipo. Prima del viaggio vero e proprio vorrei elencarvi alcune informazioni, che non sempre ho trovato in altri resoconti, ma che ritengo utili per chiunque voglia programmare questa avventura.

INFORMAZIONI UTILI

Abbigliamento Abbiamo affrontato il viaggio tra Giugno e Luglio, e nonostante la stagione, abbiamo avuto bisogno di equipaggiarci per affrontare qualsiasi clima; non solo a Capo Nord, ma anche più a Sud, abbiamo usato giacca a vento, cappello e guanti da sci, mentre da Bergen in giù le temperature sono diventate da maglietta e pantaloncini.

Valuta Danimarca, Svezia e Norvegia non hanno l’euro, ma ognuna le proprie Corone. Appena arrivato in Norvegia avevo prelevato una somma al bancomat corrispondente ad una cinquantina di euro, ma con il senno di poi è un’operazione inutile, in quanto tutti gli esercizi commerciali, compreso le bancarelle che si trovano lungo le strade, anche le più isolate, sono attrezzate per il pagamento elettronico (Carta di Credito o il Bancomat), indipendentemente dalla cifra. Noi abbiamo pagato con la carta di credito anche per poche corone che corrispondevano a poco più di un Euro.
Tenete in considerazione che alcune strutture addirittura non accettano contante.

Carburante Tutti i distributori sono automatici, vale a dire che si provvede da soli a fare il rifornimento. Il prezzo del gasolio è un caos, dato che abbiamo trovato distributori dove il gasolio costava 1,250 € e altri che arrivavano fino a 1,620 €. Non ho assolutamente capito perché, comunque consiglio di guardare bene e non fermarsi al primo distributore.
Questi comunque sono abbastanza numerosi da non creare problemi; l’unico inconveniente, che ho scoperto rientrando in Italia, è che alcune sigle mi hanno addebitato una commissione di 1 € a rifornimento (ho sempre pagato con il bancomat), mentre altri no.

Pedaggi Io ho un camper di 7 metri ed eravamo due persone a bordo. In Danimarca e Svezia si pagano due ponti, quello che serve per andare tra i due paesi e quello che unisce due isole della Danimarca. Il ponte tra Copenaghen e Malmoe, che ho fatto all’andata, ha avuto un costo impegnativo di 110 €, tanto che al ritorno ho deciso di prendere il traghetto Helsinborg-Helsingor, che credevo più economico, ma mi sono visto addebitare la cifra di 108€ (probabilmente per non farsi concorrenza).
L’altro pagamento lo ho avuto prendendo il ponte, peraltro bellissimo, che unisce le due isole danesi dove si trovano Copenaghen e Odense (statale 20), spendendo poco più di 60€ (all’andata avevo preso il traghetto da Puttgarden in Germania a Rodby in Danimarca per un costo di 130€). Il tragitto è più lungo, ma, se vi va di fare qualche sosta ristoratrice in Danimarca prima di effettuare il lungo viaggio di ritorno verso casa, questa potrebbe essere la soluzione migliore.
In Svezia nessun addebito per strade a pagamento, mentre in Norvegia si pagano molti pedaggi autostradali, così come ponti e tunnel. Questi pedaggi sono automatici in quanto vengono rilevati da telecamere al passaggio; non ci sono caselli e l’importo arriverà a domicilio.
Consiglio però di fare addebitare l’importo direttamente su carta di credito affittando un telepass valido in Danimarca – Svezia - Norvegia. È gratuito, si versano € 40,00 di caparra che vengono poi riaccreditati alla restituzione dell’apparato, arriva a domicilio in un pacco che contiene anche la busta per la restituzione e si richiedere al sito www.tolltickets.com, sito da cui si possono ricavare anche altre informazioni utili. Vi consiglio di farlo perché in questo modo sul pedaggio non viene calcolata l’iva, che in Norvegia è del 25%.

Per quanto riguarda i traghetti sono veramente tanti quelli che è necessario prendere e che incidono sul budget di spesa. Sono comunque ben organizzati ed i tempi d’attesa sono accettabili. Il pagamento avviene all’imbarco con gli incaricati che passano a chiedere le misure del camper ed il numero dei passeggeri (il conducente viene calcolato con il costo del camper) e si paga con carta di credito o bancomat

Gas Io sono partito con 2 bombole da 10 Kg piene e, nonostante abbia utilizzato spesso il riscaldamento, mi sono state più che sufficienti. Va comunque ricordato che è utile portarsi al seguito il kit di adattatori.
In Norvegia usano prevalentemente bombole in vetroresina che hanno attacchi a baionetta o a vite, ma più grandi e contrari dei nostri. Ogni distributore di carburante vende bombole e ci sono anche quelli automatici, ma il problema sono gli adattatori, infatti solo alcuni rivenditori ne sono provvisti e possono riempire le nostre bombole. Vi inserisco sotto gli indirizzi, tratti da un altro diario di viaggio, dei rivenditori che hanno gli attacchi compatibili con i nostri. Sul sito www.mylpg.eu si trovano tutti i rivenditori di gas in bombole.

In Svezia invece il sito dove trovare una mappa con i rivenditori è www.fordonsgas.se

Peso Ho letto in alcuni diari che in Svezia e Norvegia cominciano a pesare i nostri mezzi, ma io non ho trovato nessuno che lo facesse ed anche i camperisti italiani incontrati lungo il percorso non hanno avuto controlli di sorta. Comunque, sempre leggendo su alcuni diari, apprendo che la tolleranza al peso è stata di 200-300 Kg oltre le 3,5T.

Free Tax In molti esercizi commerciali dove vendono souvenir ed articoli da regalo si trova il servizio Free Tax, significa che al momento dell’acquisto di questi prodotti viene consegnato lo scontrino ed un modulo da compilare, dove devono essere inseriti i dati richiesti per poter usufruire del rimborso. Sono cumulabili e, prima di lasciare il paese, ci si deve rivolgere ad uno dei punti indicati sulla documentazione fornita al momento dell’acquisto per avere la restituzione dell’iva pagata (vedi il sito www.globalblue.com).
Attenzione però, il commerciante non vi rilascia spontaneamente la documentazione al momento dell’acquisto, perciò sta a voi richiederla per avere il rimborso, che a seconda degli articoli va dal 10 al 15% (sul modulo ci sono anche le cifre minime di spesa per avere il rimborso).

Negozi Normalmente sono aperti dalle 9.00 alle 18.00 (per i supermercati invece si arriva alle 20.00 e anche le 21.00), mentre il Sabato dalle 10.00 alle 14.00. Domenica chiuso.

Alimentari  La Norvegia, come il resto della Scandinavia, è veramente molto cara, e questo vale anche per i generi alimentari (soprattutto frutta e verdura) che vanno dal 25% al 50%, ed in alcuni casi anche 60%, in più dei nostri prezzi. Tanto per fare degli esempi nei discount (Rema 1000 ed altri) abbiamo trovato peperoni a 8€ al kg e pomodori a 5€, e, in alcuni casi, la frutta si pagava al pezzo singolo.
Ci sono però anche offerte, quando le trovate conviene fare il pieno della cambusa. Noi per evitare il balzello, dato che abbiamo un garage generoso, e in più un frigo portatile, abbiamo portato una scorta di alimenti dall’Italia, che ci ha garantito un’autonomia, per frutta e un po’ anche per verdura, di una ventina di giorni.
Comunque sotto vi riporto la nostra nota di spese, sperando che possa esservi utile.

DURATA DEL VIAGGIO 45 giorni

CHILOMETRI PERCORSI 14000

SPESA PER GASOLIO 1850€

SPESA PER TRAGHETTI E PEDAGGI 700€

SPESA PER PARCHEGGI E CAMPEGGI 230€

SPESA PER GENERI ALIMENTARI 300€

SPESA PER VISITE TURISTICHE 700€

Ed adesso il viaggio vero e proprio


 

20 Giugno 2019 Giovedì

Partenza in mattinata da Follonica (GR); fatto più chilometri possibili in modo da anticipare i tempi.
Percorsi poco più di 1000 chilometri, tappa per la notte in una area di servizio sull’autostrada nei pressi di NORIMBERGA (D).
Domani per l’imbarco a Puttgarden rimangono circa 730 Km.


 

21 Giugno 2019 Venerdì

Si riparte dopo una buona colazione e rapidamente percorriamo i chilometri che ci separano dall’imbarco.
Arriviamo a PUTTGARDEN (D) intorno alle 18.00 e decidiamo di recarci subito a prendere il traghetto senza attendere quello della mattina come avevamo preventivato. Le corse sono molto numerose quasi una all’ora e riusciamo velocemente ad imbarcarci; l’accesso avviene come ad un casello autostradale, si paga con carta di credito al casellante (131€ per un camper fino a 7 metri e 2 persone) e in 45 minuti di navigazione arriviamo al porto di Rodbyhavn in Danimarca, quindi prendiamo la E47 e attraverso un tunnel sottomarino passiamo lo stretto di Guldborgsund entrando sull’isola di Falster. Oltrepassato l’imponente ponte sullo Storstrøm, usciamo dall’autostrada per fare tappa all’isola di Farø (DK) dove ci fermiamo per la notte alla bella AA con servizi igienici e rifornimento di acqua N 54,949305 – E 11,986084.

mappa danimarca


 

22 Giugno 2019 Sabato

Percorrendo i 131 Km che mancano per il confine con la Svezia attraversiamo il ponte sull’Øresund da Copenaghen a Malmö. Il pagamento avviene una volta arrivati a Malmö, (SE) tramite un casello autostradale dove utilizziamo il telepass scandinavo prenotato per tempo. Il costo solo andata per un camper fino a 7 metri è di 106 € (vedere il sito http//se.oresundsbron.com).
A Malmö decidiamo di recarci presso il grande parcheggio di Hammars Park (coordinate N55.57606 E012.91340) con vista sul grande ponte che unisce la Danimarca alla Svezia.È un bel posto, dove la gente viene a passeggiare, a rilassarsi e prendere il sole; qualche temerario fa anche il bagno.
Anche noi ci rilassiamo al sole di questa calda giornata. Proprio questa ci induce a non ripartire subito, ma a decidere di dedicare qualche ora alla visita di Malmö.
Da questo parcheggio parte il bus 32 che porta direttamente in centro. Noi però decidiamo di spostarci con il camper nel parcheggio presso il centro commerciale Maxi, a due passi dal celebre palazzo Turning Torso (N55.610747 E012/981530) Da segnalare anche l’area camper Andelshamnen Lagunen in Vaktgatan 9 alle coordinate N55.59617  E12.93290, costo 180Nok con tutti i servizi.
Facciamo subito qualche foto a questa stravaganza architettonica, che comunque ci impressiona piacevolmente.

A piedi proseguiamo per il centro andando prima a visitare la cattedrale di San Pietro, in bello stile gotico (1 Km), poi per la zona pedonale arrivando nel cuore della città. Anche il centro fa la sua bella figura con quella mescolanza di antico e moderno. Una stranezza che abbiamo trovato è il grande parco in centro di Kungsparken, con al suo interno una zona adibita a cimitero dove la gente passeggia tranquilla, in modo sorprendentemente naturale, nei vialetti tra le lapidi nel prato in mezzo agli alberi. Da visitare anche la chiesa protestante di san Giovanni, vicino alla fermata omonima della stazione ferroviaria.

Da qui iniziamo il viaggio vero e proprio, prendiamo la E4 in direzione STOCCOLMA (SE) e verso le 20.30 ci fermiamo a dormire in un’area di servizio dell’autostrada dopo aver percorso circa 300 Km.
L’autostrada, che si snoda tra foreste di betulle, alterna lunghi tratti ad una sola corsia per senso di marcia con tratti a tre corsie con possibilità di sorpasso alternato.

mappa svezia

23 Giugno 2019 Domenica

Ripartiamo presto per percorrere i 350 chilometri che ancora ci separano dal Castello di GRIPSHOLM (SE), (619 Km in totale da Malmö tramite la E4 e poi la E20), considerato uno dei gioielli architettonici più importanti e raffinati del patrimonio culturale svedese, andando a parcheggiare nel suo grande piazzale sterrato N59.256468 E17.218443.

Castello di GripsholmCastello di Gripsholm

La visita al castello costa 13 € a testa. Il tutto sarebbe bello ed interessante, se non fosse che non ci sono audioguide nè cartelli esplicativi che indicano quello che stiamo vedendo. L’unica possibilità è acquistare una guida illustrata presso la biglietteria che però è solo in svedese, tedesco e inglese. Per quanto sia bello il posto, dal punto di visita turistico è stato molto deludente.
Prima di ripartire facciamo un salto a vedere la vecchia stazione del paese, che è la più vecchia della Svezia ed ancora funzionante. Volendo si può ancora fare un giro su vecchi vagoni trainati da una locomotiva a vapore.
Riprendiamo il viaggio saltando la visita di Stoccolma, in quanto tappa già inserita in un viaggio del prossimo Maggio con amici, dirigendoci verso l’area di sosta attrezzata di UPPSALA (SE) (106 Km) alle coordinate N59.84446 E17.65698. Sfortunatamente la troviamo chiusa e in stato di abbandono.
Consultando la guida di Campercontact troviamo un parcheggio dove si può sostare e passare la notte alle coordinate N59.89791 E17.6361. Ci dirigiamo li andando a parcheggiare con altri camper che come noi hanno avuto lo stesso problema. L’area non è il massimo, in quanto ci sono lavori di ristrutturazione in corso ed in più dista 4 Km dal centro. Passeremo qui la notte e domani vedremo di avvicinarci.

24 Giugno 2019 Lunedì

Ci svegliamo abbastanza presto grazie anche agli operai che iniziano a lavorare, ma la nottata è stata tranquilla e va bene così. Dopo colazione decidiamo di avvicinarci al centro per visitare la città. Ci sono molti parcheggi disponibili, quello che scegliamo noi è il grande parcheggio Q-Park, alle coordinate N59.863055 E17.638333, ubicato lungo la linea ferroviaria a circa 500 metri dalla cattedrale con costo di 20SeK all’ora (pagamento solo con carta o bancomat). Proprio dalla Dom Kyrkan, iniziamo la nostra visita; imponente cattedrale costruita in stile gotico. Insieme a quella di Trontheim è la più grande Cattedrale dell'Europa settentrionale. La cattedrale fu consacrata nel 1435, e più volte modificata nel corso dei secoli. L’interno è imponente e austero con in primo piano il sontuoso pulpito barocco settecentesco scolpito da Burchard Precht.

Uppsala cattedraleUppsala cattedrale

Uppsala cattedrale internoUppsala cattedrale interno

All’estremità del coro si trova la cappella sepolcrale e la tomba del re Gustavo Adolfo, ma qui nella cattedrale sono stati sepolti anche il botanico Carl von Linné, l’arcivescovo Nathan Söderblom e il filosofo Emanuel Swedenborg. Visitando la cosiddetta Camera d’argento ammiriamo i tesori della chiesa tra cui la teca dorata di Re Eric IX e una veste di broccato d’oro appartenuta alla regina Margherita, regina di Danimarca, Norvegia e Svezia.
Questa è la cattedrale dove vengono incoronati i re svedesi. Maestose le torri che raggiungono i 119 metri, misura che corrisponde anche alla sua lunghezza. Non ci sono molte descrizioni esplicative, se non siete attrezzati tanto vale acquistare la stringata guida in italiano al prezzo di 10 SeK allo shop della cattedrale.
Proseguiamo la visita della città recandoci al castello Uppsala Slott, del XVI secolo, che ci lascia un po’ delusi. Molto meglio l’adiacente giardino botanico, il giardino di Linneo, creato dal più famoso botanico del mondo. Qui si trova il museo, che una volta era la sua casa e che ospita una mostra dedicata alle sue ricerche oltre ad esporre gli effetti personali e gli oggetti che raccolse nel corso della sua vita. Gestito dal 1937 dalla Società Linneo, questo è un luogo integralmente dedicato all’opera del botanico e alla scienza.

Uppsala giardino botanico visto dal castelloUppsala - giardino botanico visto dal castello

Dopo aver fatto una bella passeggiata per il centro storico, torniamo al camper per proseguire il viaggio.
Ripartiamo da Uppsala prendendo la E4 verso nord per poi deviare ad ovest con la E16. Abbiamo deciso di allungare un po’ il percorso per andare a toccare una meta è un po’ diversa, FALUN (SE), a circa 172 Km da Uppsala, una vecchia miniera di rame.
Facciamo sosta nel parcheggio della miniera, attrezzato anche per i camper con carico dell’acqua, wc, docce e corrente (195 SeK,) ma se rinunciamo ai servizi accanto a questo c’è un parcheggio libero e gratuito alle coordinate 60.601874/015.614442.
La visita alle miniere è dalle 9.30 alle 17.30; la faremo domani mattina.

25 Giugno 2019 Martedì

All’apertura del centro visite ci presentiamo in biglietteria, ma poi rinunciamo alla visita guidata dentro la miniera perché solamente in lingua svedese; quella in inglese ci sarebbe da aspettare il pomeriggio. Facciamo quindi la passeggiata che si snoda all’esterno della voragine scavata per estrarre il metallo, che sembra l'inferno dantesco. Ci sono molti cartelli esplicativi (in inglese) che permettono di identificare e conoscere la funzione dei molti edifici che si trovano su questo sito e la storia della miniera dalle origini fino ad oggi. Ben conservate le antiche strutture.
La visita, sicuramente diversa dalle solite, è davvero interessante e meriterebbe l’ingresso alle gallerie.

Falun miniere rame

Dopo pranzo ci rimettiamo in marcia per affrontare la parte più lunga del viaggio, non prima di aver fatto una sosta presso il LAGO DI SILJANE (SE) dopo circa 50 Km, a RÄTTVIK (SE).
Ci fermiamo nel parcheggio del supermercato Coop all’ingresso del paese (N60.8825 E15.119722. Per chi interessato sul lago c’è anche il Siljansbadets Camping). Ci siamo fermati per andare a vedere un’opera moderna che avevamo scoperto su internet: il Langbryggan. Si tratta di un pontile che si inoltra nel lago per 600 metri e termina con una piattaforma su cui sono stati piantati alberi e posizionate panchine, tanto da sembrare un’isola, c’è anche una sauna solare.
Da qui partono i traghetti che portano sui paesi affacciati sul lago. Stare seduti su queste panchine a godersi il sole circondati dall’acqua è una bella sensazione.

lago Siljanelago Siljane

lago Siljane scorciolago Siljane scorcio

Purtroppo dobbiamo ripartire, i chilometri da percorrere sono tanti. Ne facciamo 350, e alle 20.00 ci ritroviamo a ÖSTERSUND (SE), dove c’è una bella area di sosta per fermarci. Ma prima di dirigervisi, Anna ha visto che qui in zona, a 7 km, a Brunflo, in località Stockevägen (N63.1791167 E14.520167) c’è una chiesetta consacrata a Sant Olaf, che ha la particolarità di avere accanto una chiesa con una grande torre difensiva completamente in legno e vale la pena perdere pochi minuti per visitarla.

Torniamo poi per la notte a ÖSTERSUND N 63.17495, E 14.63133 al parcheggio per camper, gratuito dalle 18.00 alle 9.00, direttamente sul lago (fuori da questo orario 20 Sek all’ora).

26 Mercoledì 2019 Giugno

Oggi abbiamo una lunga tappa di avvicinamento verso Nord: ben 554 Km, tutti percorrendo la E45 per poi andare a fare tappa in un sito che, con il senno di poi, giudico imperdibile per chi percorre queste latitudini.
Siamo arrivati alle CASCATE STORFORSEN (SE) (si parcheggia nel piazzale delle cascate N65.852197, E20.397315) vicino alla cittadina di Bredsel. Queste più che delle cascate con un unico salto sono, in realtà, delle rapide; con la lunghezza di 5 km ed un dislivello di 82 metri sono considerate le rapide più grandi d’Europa.
Dopo aver lasciato il camper percorriamo i circa 750 mt, attraverso un sentiero nel bosco fatto di passerelle di legno, per arrivare ad una scalinata protetta da un parapetto che porta a ridosso della cima della rapida, là dove il flusso è più intenso, dove un piano di legno si protende sopra le rapide per dare ai visitatori un colpo d’occhio privilegiato su di esse.

cascate Storfosen

Quello che ci ha lasciato piacevolmente stupiti è l’allestimento di tutto il sito; ci sono tante passerelle di legno che sormontano i rivoli delle rapide secondarie, dove sulle rocce scoperte dall’acqua sono state installate piattaforme con panche, tavolini e grandi barbecue e, udite udite, in appositi casotti si può andare a prendere la legna già tagliata e pronta all’uso per il fuoco.
Sembra la classica uscita fuori porta di italica usanza, a costo zero, visto che non si pagano le strutture e neanche la visita alle rapide, basta rifornirsi di fiammiferi e, naturalmente, delle cibarie.
Rimane da dire che siamo rimasti qui circa due ore a ritemprarci della fatica del viaggio.
Ceniamo nel parcheggio, e dopo decidiamo di avvicinarci alla FINLANDIA percorrendo 70 Km per andare sul mare, alla cittadina di LULEÅ (SE) dove ci fermiamo a dormire in uno dei tanti parcheggi sul porto, non avendo trovato prima un posto per passare la notte.


 

27 Giugno 2019 Giovedì

Oggi partiamo per la FINLANDIA. Attraversiamo il confine senza praticamente accorgercene, se non per i prezzi esposti per il carburante che ora sono in euro (1,40 € al litro).
Cambiamo fuso orario, qui siamo un’ora avanti, e ci dirigiamo verso ROVANIEMI (FI)

mappa finlandia

Vi arriviamo dopo 235 Km dal confine; siamo quindi al Circolo Polare Artico (da qui avremo 24h di luce tutto il giorno) e ci dirigiamo per una sosta al villaggio di Santa Claus o Babbo Natale che sia (www.santapark.com), che si trova a circa 8 km da Rovaniemi, il famoso Napapiiri; posto ideale per affrancare cartoline che arriveranno puntuali a Natale e concedersi acquisti di souvenir, foto ricordo e simili (la foto con babbo natale costa 30 €).
Parcheggiamo gratuitamente nel parcheggio del villaggio N66.53988 E25.85065 dove per chi volesse può anche trascorrevi la notte N66.54273 E25.84050 e andiamo a visitare la casa di Babbo Natale (il centro vero e proprio, quello dove si fanno le foto ufficiali con Babbo Natale chiude alle ore 18.00, ma tutti gli altri negozi rimangono aperti): è una costruzione con il tetto a punta, con la scritta Santa klaus is Hare; all'interno si procede fino ad incontra un'elfa che ci introduce in una stanza per la foto con Babbo Natale (cosa che abbiamo saltato perché ci sembrava troppo esosa la spesa). Visitiamo il Santa Klaus Office Main Post, dove è possibile acquistare cartoline che verranno affrancate con uno speciale francobollo e soprattutto timbrate con lo speciale annullo che si può avere solo qui. Sta a noi poi decidere se inviarle per riceverle normalmente o farle recapitare per Natale.
Al centro del villaggio c'è una piazza con una grande striscia bianca sulla pavimentazione. Segna proprio il Circolo Polare: è naturalmente d’obbligo fare una foto a cavalcioni della riga. È tutto molto commerciale, ma comunque godibile anche per noi che non abbiamo bambini al seguito.
Prima di fare ritorno al camper ci facciamo fare il certificato di passaggio con tanto di timbro del luogo.

Rovaniemi casa Babbo NataleRovaniemi casa Babbo Natale

Rovaniemi circolo polare articoRovaniemi circolo polare artico

Da adesso in poi non vedremo più tramontare il sole. È una situazione strana ed eccitante, ma spero che il nostro orologio biologico non ci faccia passare "notti bianche".
Riprendiamo il viaggio e percorriamo circa 90 km per andare a fermarci per la notte nell’area vicino al paese di SODANKYLÄ (FI) N 67.19347, E 26.64208 A differenza della Svezia dove era possibile fare scarico del WC nei bagni delle aree di sosta in quanto attrezzate con questo servizio, in Finlandia non ne abbiamo trovate, pertanto è necessario stare attenti alle necessità e usufruire delle aree attrezzate a pagamento o dei campeggi. Il carico dell’acqua invece è possibile farlo ai distributori, dove possibile. L’acqua è gratis, molte volte posizionata in un armadio con ante trasparenti perché non geli.

28 Giugno 2019 Venerdì

La luce solare stanotte ci ha dato un po’ fastidio e il risultato è stato che ci siamo alzati presto. Ripartiamo con il camper, ma ci fermiamo dopo solo 22 km a SODANKYLÄ parcheggiando in uno dei tanti parcheggi dei numerosi supermercati che si trovano qui N67.416111 E26.59388. In uno di questi acquistiamo della carne di renna per poter fare uno spezzatino stasera a cena.
Riprendiamo il viaggio ed entriamo in LAPPONIA, vasta regione che tocca quattro stati: Russia, Finlandia, Svezia e Norvegia. Sonoi Lapponi che hanno dato il nome al paese, ma oggi vengono chiamati "sami" e sono una minoranza di appena 75 mila persone. Parlano una lingua molto vicina al finlandese e sono di carnagione chiara. La loro cultura tradizionale è molto antica ed ha potuto contare sulla renna come unica risorsa. Questo animale ha fornito ai sami cibo, vestiario, coperte, calzature e copertura per le loro capanne di forma conica, le "kota".
I sami hanno abbandonato del tutto il nomadismo subito dopo la seconda guerra mondiale quando hanno iniziato ad integrarsi nella società scandinava, pur sempre mantenendo con fierezza la loro identità nazionale.
Percorriamo la strada per INARI (FI), dove incontriamo, dopo IVALO (FI) (327 Km da Rovaniemi), molti dei loro mercatini lungo la strada. Arrivati ad Inari andiamo a SIIDA, per visitare il Museo Sami (www.samimuseum.fi) che offre una bella sintesi di questa antica cultura artica e dell'ambiente naturale in cui si è sviluppata, con esempi della flora e della fauna nelle diverse stagioni (N68.910103, E27.013788). Ci sono due parti da visitare: all’aperto sono state ricostruite abitazioni originali lapponi in uso fino al 1960, al chiuso del museo si osservano fotografie della zona nelle varie stagioni dell’anno e pannelli esplicativi che illustrano i costumi, la vita e l’evoluzione della cultura sami. Durante la visita si assiste anche ad un filmato sulla spettacolare aurora boreale.

Siida museo sami


 

Riprendiamo il nostro viaggio in direzione Norvegia, ma invece di fare il classico itinerario verso capo Nord, noi ci dirigiamo in direzione UTSJOKI (FI) per andare a visitare un altro sito, meno conosciuto ma molto interessante.
Arrivati ad Utsjoki oltrepassiamo il confine norvegese: i paesaggi cambiano e diventano davvero molto belli, con prati verdi di muschio a contrasto con grandi pareti di roccia grigia.
La nostra prima meta è TANA BRU (N), dove c’è una area per lo scarico per Wc chimico e per le acque grigie (N70.20187 E28.19272). Dopo riprendiamo il viaggio in direzione VADSO (N), percorrendo il fiordo più ad est della Norvegia. Il paesaggio qui è incantevole. La costa sembra quella della Normandia con le rive che sembrano preda della bassa marea.È davvero un paesaggio meraviglioso e siamo soddisfatti di questa deviazione.
Per la notte ci fermiamo in una area con altri camper poco prima di VESTRE (N) (N70.11597 E29.20922). Siamo con vista fiordo e ceniamo guardando lo spettacolo della natura dal finestrino del nostro camper.

28 Giugno 2019 Sabato

Riprendiamo il nostro viaggio verso la cittadina di VARDØ (N)(327 Km da Inari), un villaggio di 2mila anime nella contea di Finnmark, con case sparse tra le rocce dove l'Europa si getta nel Mare di Barents, è l'ultimo lembo di Norvegia, con vista sulla Russia. Sorge su una piccola isola e per arrivarci percorriamo un tunnel di 3 chilometri che si chiama Ishavs, tunnel sotto il Mar Glaciale Artico. Lo scavo è un'opera imponente per una manciata di persone che per secoli hanno usato il traghetto. Andiamo a parcheggiare alle coordinate N70 22 28 E31 05 35, comodo per la visita alla fortezza. Questa è stata edificata nel 1737 per ordine diretto di re Cristiano VI, sovrano di famiglia tedesca che abitava nella reggia di Copenaghen. Oggi questa è la fortezza più settentrionale del mondo costruita su una struttura precedente del XII secolo. La fortezza ha la forma a stella, l’ingresso è libero, ma viene chiesto un contributo di 50 Kor o 5 €, che è possibile dare al custode, quando presente, o lasciare nell’apposita cassettina all’ingresso. Ci sono alcune sale che raccontano della vita nella fortezza, con delle belle fotografie. Da vedere anche il memoriale dedicato a coloro che sono stati condannati a morte ed uccisi attorno al 1600 vicino a Vardø per stregoneria: 91 persone, la maggior parte di queste donne, alcune di loro Sami. La lapide racconta una breve storia su ciascuno, chi erano, cosa hanno dovuto confessare e come sono morti. Molte bruciate, alcune torturate a morte. Molte di loro hanno subito la "prova d'acqua" cioè furono gettate in acqua profonda con mani e piedi legati. Se riuscivano a galleggiare, erano additate come streghe, innocenti se fossero annegate.

vardoe vardohusVardo, Vardøhus del 1.737

La visita termina qui, ma ora arriva la vera ragione per cui abbiamo affrontato questa deviazione. Rimontiamo sul camper e ci dirigiamo verso il villaggio di HAMNINGBERG (N).
Diciamo subito che questo è un itinerario molto impegnativo. Hamningberg si trova a 40 Km di distanza, tramite una strada a singola carreggiata. Bisogna prestare molta attenzione, la strada è tutta curve e c’è sempre il disagio di fare manovra per permettere lo scorrimento nei due sensi per le vetture che procedono in senso contrario, ma vi assicuro che ne vale davvero la pena. Il paesaggio è lunare, la strada, che per lunghi tratti costeggia il mare, sfiora rocce tagliate dal vento; ci sono laghetti e blocchi di ghiaccio che nonostante la stagione lambiscono ancora la strada. Sembra di stare in un’altra dimensione; ogni tanto gruppi di pecore e di renne, attraversano la strada rendendo necessario per il conducente ancora più attenzione. Per quanto un po’ in tensione per la guida non ricordo di aver visto un panorama altrettanto bello.

HAMNINGBERGHamningberg

Quando arriviamo a destinazione ci parcheggiamo nello spazio predisposto (N70.54416, E30.60333) e facciamo una passeggiata per le vie del paese, in realtà una sola centrale, sferzate da un forte vento che ha portato con sé anche un po’ di pioggia e nebbia. Scopriamo che questo villaggio è stato l’unico della Norvegia a non essere stato occupato dai tedeschi durante la seconda Guerra Mondiale perché troppo impervio da raggiungere.
Sul piccolo porticciolo fa bella mostra di sè una targa che indica che “Qui finisce l’Europa”. Se avete intenzione di visitare la Norvegia del nord, a nostro avviso, questa è una tappa che non dovete perdere non tanto per la meta quanto per il viaggio.
Pranziamo nel parcheggio e dopo riprendiamo la strada che ci riporta a VARDØ (N). Da qui torniamo indietro sulla statale 98 fino a fermarci per una breve sosta ad Nesseby (N70.153611,E28.856944), nel parcheggio della chiesa. Questa è una striscia di terra che si getta nel mare; assomiglia ad una brughiera ed è piena del suono prodotto dagli uccelli che vi dimorano. Un posto rilassante, frequentato dagli amanti del birdwatching, che ci fa propendere a fare il giro a piedi della penisola calpestando il morbido tappeto di licheni e muschio scattando numerose foto del posto.

Sono ormai le 20.00. Decidiamo di percorrere altri 30 Km per andare a pernottare nell’area di sosta di STORFOSSEN (N) alle coordinate N70.07814 E27.68404

 alci

 mappa verso capo nord

30 Giugno 2019 Domenica

Partiamo per KARASJOK (N), capitale della Lapponia norvegese e sede del Samediggi, il parlamento Sami istituito nel 1989 e trasferito nel 2000 nel bell’edificio dall’architettura moderna. C’è un’area di servizio alle coordinate N 69.46487, E 25.47505 ad 1,8 Km dalla città con carico e scarico, ma con l’apparente divieto di sosta notturna. Purtroppo già sappiamo che la struttura (che comprende anche una splendida biblioteca) che è aperta al pubblico nel periodo estivo con visite guidate di circa 30 minuti, in norvegese e in inglese, nel fine settimana è chiusa, ma vogliamo rispettare la nostra tabella di marcia.
Sulle guide consultate per preparare il nostro viaggio abbiamo letto del Sapmi Park, il grande parco tematico che include un insediamento sami con tende e vari tipi di capanne e il teatro magico, spazio multimediale dove vengono proiettati filmati - disponibili in otto lingue fra cui l'italiano - sulla storia e la mitologia dell'etnia sami e sul rapporto ancestrale fra questo popolo nomade e il suo animale simbolo, la renna (www.sapmi.no). Del complesso fanno parte l'ufficio turistico, un caffè, un caratteristico ristorante e un grande negozio di souvenir e artigianato lappone, adibito anche a punto di rimborso delle tasse per i turisti che lasciano la Norvegia (il confine con la Finlandia è a soli 18 chilometri). Spinti dalla voglia di acquisire altre informazioni su questo popolo che ci affascina, ci dirigiamo a questo museo con ampio parcheggio. Entriamo nelle grande struttura, facciamo un giro a curiosare fra i negozi, acquistiamo il biglietto di ingresso (10 €) e attendiamo una decina di minuti per entrare nella sala dove verrà proiettato, in lingua italiana, un filmato nostalgico sulla vita del popolo Sami. Questo sarà l’unico momento interessante della nostra visita perché il museo all’aperto, a nostro avviso, è veramente scarso, piccolo e poco curato, qui nella capitale lappone ci saremmo aspettati una esposizione più dettagliata. 10€ veramente buttati!!!!
Delusi decidiamo di fare la breve passeggiata per arrivare al parlamento, un moderno edificio rivestito di legno siberiano a forma di tenda sami e quindi una breve visita al piccolo abitato fino ad arrivare, attraversato il ponte sul Karasjohka, alla Gamle Kirke, la più vecchia chiesa in legno del Finnmark (1807). A Karasjok, vicino alla deviazione per Lakselv, c’è un camper service.

sede parlamento samisede parlamento sami

museo sami museo sami 2

Riprendiamo il camper e proseguiamo per Capo Nord sulla E6 fino al PORSANGERFJORD che costeggiamo. Dopo il bivio per Igeldas, si fa una deviazione per andare a fotografare i Trolls di Holmsund, (150 km da Vardø) enormi e strane rocce calcaree in riva al mare; una meta per lo più sconosciuta ai camperisti frettolosi. Si parcheggia alle coordinate N70.29916, E25.162222 nel parcheggio predisposto (normalmente ci sono molti camper). Il banco di rocce dolomitiche è stato eroso nel tempo e ha colonne curiose e molto sceniche. Dal parcheggio ci vogliono 25 minuti di andata e 25 minuti per tornare: camminata molto piacevole con a tratti leggeri saliscendi che si fanno senza problemi adatto anche per chi non è abituato a camminare. Comunque qui non è tanto la meta il bello, ma lo scenario in cui si svolge la camminata; un paesaggio da cartolina, assolutamente da non perdere.

Trolls di HolmsundTrolls di Holmsund

È pomeriggio tardi, ma decidiamo di percorrere i 160 chilometri che ci separano da Capo Nord, perché la serata si presenta con un cielo terso senza nuvole. Troppo bello per non andare a vedere il sole di mezzanotte in queste condizioni.
La strada che da Lakselv porta a HONNINGSVÅG (N), costeggiando il Porsangerfjorden, ci regala ad ogni curva panorami sorprendenti, una frastagliata scogliera a picco sul mare, una spiaggia, un piccolo porticciolo, una barca in secca per la bassa marea, un minuscolo villaggio o rosse case isolate, è il primo impatto con la bellezza dei fiordi che ci accompagnerà per tutto il viaggio. Avresti voglia di fare continue fermate per godere più pienamente di questo spettacolo. Molte sono le gallerie, una di queste è addirittura di 6870 metri, si inabissa sotto il mare fino a -212 metri e risale ripidissima dalla altra parte e mi costringe a percorrerla in seconda marcia allegra. Una volta questo tunnel era a pagamento mentre oggi è gratuito.

Arriviamo a HONNINGSVÅG (N), il centro principale dell'isola di Mageroya. Nella zona del porto, vicino all'ufficio turistico, ci sarebbe il Nordkappmuseet, un piccolo ma interessante museo che illustra la storia di Capo Nord, l'attività della pesca nell’Artico e la vita quotidiana nelle coste del Finnmark, lo saltiamo siamo impazienti di arrivare dritti alla meta.
Giungiamo in breve a CAPO NORD (33 Km) sono ormai le 22 e un cielo limpido e sereno ci ripaga del lungo tratto di strada percorso oggi. Capo Nord fu cosi battezzato nel 1553 dal comandante inglese Richard Chancellor mentre navigava nella zona andando alla ricerca del passaggio a nord-est verso la Cina. Si arriva ad un parcheggio sterrato dove si paga un bel balzello (1 camper + 2 persone 60 € per 24 ore, carissimo ma non c’è scelta); N71.7985, E25.781682.
Il famoso sperone roccioso (307 metri a picco sull’oceano) è considerato da sempre il punto più settentrionale d’Europa, ma in realtà questo titolo spetta al vicino promontorio di Knivskjelodden, la cui estremità si trova a 71° 11’ 08” di latitudine nord.
Tuttavia ciò non ha per nulla intaccato il fascino del mitico Nordkapp, a giudicare dalle frotte di visitatori che ogni anno si spingono fin quassù per una foto ricordo sotto al celebre globo metallico, alla luce del sole di mezzanotte (visibile qui dal 14 maggio al 29 luglio). I norvegesi ne hanno saputo fare un grosso business, con un pedaggio d'accesso che trovo esoso dato che alla fine è solo un parcheggio con struttura turistica dotata di ristorante, bar, museo, ufficio postale, piccola cappella e negozio di souvenir. All’interno vi è anche una sala cinema dove viene proiettato un filmato che presenta Capo Nord nelle varie stagioni.
Abbiamo trovato anche una sala di luci e suoni, che anch’essa rappresenta il passare delle stagioni ma che alla fine non ci ha entusiasmato più di tanto.

capo nord

Ma qui si viene per il sole e, schierati con un bel po' di turisti, aspettiamo la mezzanotte in silenzio, in un cielo dove non c’è una nuvola. Il sole va giù piano piano ma non tramonta: si ferma sopra la linea dell'orizzonte e dopo qualche minuto ricomincia a salire.
Come bambini eccitati da un bel giocattolo tiriamo tardi passeggiando per il promontorio godendo della calda luce crepuscolare. Solo alle due di mattina, ormai rimasti con pochissime altre persone, decidiamo che forse è il caso di andare a dormire.

capo nord promontorioCapo Nord - promontorio di Knivskjelodden

1 Luglio 2019 Lunedì

Ci alziamo alle nove di mattina e, forti delle emozioni provate la notte precedente, decidiamo di andare al vero Capo Nord geografico, al promontorio di Knivskjelodden, la cui estremità si trova a 71° 11’ 08” di latitudine nord ed è raggiungibile solo a piedi con un sentiero di 9 chilometri che si stacca dalla E69. Per arrivarci ripartiamo con il camper per fermarsi subito dopo, a circa 6 km, in un parcheggio da dove parte la camminata. Questa passeggiata di 18 km andata e ritorno porta nella punta più a nord d’Europa, (1,5 km più a nord del Nord Kapp turistico). La decisione si rivelerà azzardata. Ci eravamo fidati di alcune recensioni che davano il percorso lungo ma agevole, della durata di circa 3 ore per andare e altrettante per il ritorno.
In realtà il percorso è veramente impegnativo. Non è un sentiero battuto, segnalato da cumuli di pietra non sempre perfettamente visibili, che attraversa la tundra tra sassi, ghiaia, fango e pozze d’acqua generate dallo scioglimento della neve, che rendano estremamente difficile restare in equilibrio. Gli ultimi 3 Km poi sono sulla riva del mare tra scogli scoscesi e viscidi di acqua che rendano davvero impegnativo il camminare senza scivolare.

Per farla breve è stato un viaggio tra andata e ritorno di 8 ore che con il senno di poi non avremmo affrontato. Tra l’altro sfortuna vuole che a metà del percorso di ritorno mi si è rotta una scarpa, vi lascio immaginare l’ulteriore difficoltà e fatica. Comunque sia sul punto di arrivo si trova un piccolo obelisco in pietra con una teca e un libro dove porre la propria firma per testimoniare il raggiungimento.

Knivskjelodden

Knivskjelodden obelisco

Arriviamo al camper stanche morti e decidiamo di passare qui la nottata.

mappa versante atlantico penisola scandinava

2 Luglio 2019 Martedì

Inizia adesso dopo la visita di Capo Nord, la seconda parte del nostro itinerario che prevede tutto il versante atlantico della penisola scandinava.
Ci alziamo molto tardi, ancora impacciati nei movimenti per l’escursione di ieri. Percorriamo i 33 km che ci separano da HONNINGSVÅG (N), dove andiamo a fare la spesa al supermercato Rama che avevamo visto all’andata. Ne approfittiamo per dare uno sguardo veloce al centro di questo paese, e soprattutto al porto dove stanno sbarcando i turisti da una delle numerose navi da crociera che qui fanno tappa.
Dopo pranzo ci rimettiamo in marcia percorrendo la E69 fino a OLDERFJORD (N), da dove proseguiamo sulla E6 verso ovest attraverso un paesaggio di foreste e altipiani.
Passato Skaidi, la statale 94, che quasi totalmente percorre la costa, regala bellissimi scorci e frequenti avvistamenti di renne fino a HAMMERFEST (N)(206 Km).
Andiamo a parcheggiare all’area attrezzata di Hammerfest Havn, a 500 metri dal centro (280 Nok 24h) direttamente sul mare N 70.66337,  E 23.67637. La cittadina è adagiata su una baia dell’isola di Kvaloya (collegata da un ponte alla terraferma) e registra ogni estate un forte afflusso turistico, in parte proveniente dalle navi da crociera.
Facciamo un primo giro per la cittadina, sul porto e nel centro rimandando però la visita all’indomani dato che è ormai tutto chiuso.

3 Luglio 2019 Mercoledì

Iniziamo il nostro giro dalla zona del porto dove si trova la Royal and Ancient Polar Bear Society, che condivide la sede con l'ufficio turistico e comprende un interessante museo sull'orso bianco, la storia locale e la caccia nell'Artico. Dopo la visita, davvero interessante, rivolgendoci presso l'annesso negozio ci iscriviamo al club dell'orso polare versando una quota associativa di 220 corone norvegesi, una piccola parte della quale viene devoluta al WWF e destinata al finanziamento di progetti per la tutela del grande plantigrado. L’iscrizione ci dà il diritto di ricevere un diploma personale che attesta l’iscrizione, un piccolo stemma in argento dell’orso bianco e un adesivo con il simbolo dell’associazione. In più acquisiamo anche il diritto di partecipare attivamente all’assemblea dei soci che si svolge qui ogni Gennaio; privilegio che sicuramente non eserciteremo. Facciamo qualche foto alla splendida coppia di orsi di legno argentati, opera del l'artista Knut Amesen, esposta nella piazza del municipio.

panorama di Hammerfest dal portopanorama di Hammerfest dal porto

Sarebbe da raggiungere anche la sommità della collina di Salen, da cui si vede uno splendido panorama sull'intera baia (raggiungibile con un breve sentiero che sale a zig zag del centro città), ma il tempo estremamente nuvoloso ci sconsiglia l’ascesa. Andiamo a vedere invece a ovest del centro la Hammerfest Kirke, chiesa luterana dalla struttura moderna che ci colpisce per la grande vetrata dipinta dietro l'altare; poi dalla parte opposta la Sankt Michaels Kirke, costruita nel 1958 e caratterizzata da un esteso mosaico dedicato a San Michele, che si fregia del titolo di chiesa cattolica più a nord del mondo.

chiesa cattolicachiesa cattolica

Ripreso il camper, prima di lasciare la città, ci dirigiamo sulla vicina penisoletta di FUGLENES, dove s'innalza la Meridianstotten, una colonna di marmo eretta nel 1854 a ricordo della prima misurazione internazionale della circonferenza terrestre e inserita fra i siti dell'Unesco.
Prossima tappa ALTA (N), (140 Km) con il suo parco archeologico (aperto dalle 8 alle 20 dal 23 Giugno, alle 17.00 prima di questo giorno) con incisioni e pitture preistoriche rupestri, dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità.
Alta è il centro più grande della regione del Finnmark. Noi ci dirigiamo subito all’Alta Museum, ai margini occidentali dell'abitato, in un'area costellata d'incisioni rupestri risalenti a migliaia di anni fa (si parcheggia il camper N 69.94639,  E 23.18815 nel piazzale del museo, dove un bel cartello ricorda ai camperisti che il parcheggio è usufruibile solo per il periodo di apertura del museo).
Sulle pareti di roccia, le renne che vediamo pascolare pacificamente tutto intorno sono invece rappresentate trafitte dalle frecce dei cacciatori. La scoperta di questo immenso tesoro archeologico (finora sono state individuate 3.000 figure) è molto recente: è avvenuta in modo del tutto casuale attorno al 1950. La cultura che lo ha prodotto risale a un periodo fra i 7.000 e i 2.000 anni fa: erano pescatori e cacciatori e la rappresentazione sulle rocce è verosimilmente collegata a riti magici. Le figure rappresentano l'uomo, orsi, lupi, alci, grandi uccelli, pesci, navi affollate e naturalmente renne.
La visita segue un itinerario di circa tre chilometri su sentieri e passerelle di legno che parte dalla struttura museale e scende verso il mare. Sono disponibili tour guidati in inglese e norvegese, ma la cosa migliore è visitare l'area per conto proprio con l'ausilio di un bellissimo opuscolo in italiano che è compreso nel prezzo del biglietto (120 nok).

alta museum

I due percorsi che ci portano all’interno del parco ci offrono emozioni contrastanti. Il primo, il più corto, ha le incisioni scolpite nella roccia che sono state dipinte in colore rosso per permettere al visitatore di riconoscere facilmente i disegni eseguiti dagli artisti del passato, e emozionano fortemente nel farci riconoscere come intendevano la vita i nostri antenati. Ma questa tecnica sollevò molti dubbi tra i puristi, tanto che nella seconda parte del percorso le incisioni sono state lasciate al naturale e, con tristezza devo dire che, forse anche a causa della giornata con poca luce per le grandi nuvole, credo di essere stato in grado di individuare neanche il 10 % di quello indicato dall’opuscolo.
Capisco i dubbi, ma se non si riesce neanche a vedere ciò per cui si visita un sito, questo rischia di diventare ad uso e consumo solo per gli addetti ai lavori.
Il museo, dotato di negozio e ristorante con bella vista panoramica sul fiordo, offre al suo interno varie stanze sempre sull’arte rupestre, sulla storia locale, la cultura sami, l’aurora boreale e la pesca sportiva sul fiume Alta. Questa parte interna è fatta molto bene e ci lascia soddisfatti.
Terminata la visita, in loco ci sarebbe un’altra attrattiva da vedere. Alta ha un fiume che porta lo stesso nome e che scorre nelle profonde GOLE DEL SAUTSO, canyon fra i più grandi d'Europa, che diversi anni fa divenne oggetto di una lunga e accesa controversia legata alla costruzione di una diga alta 110 metri per realizzare una centrale idroelettrica. Nonostante le proteste degli ambientalisti e della comunità sami, l'opera fu portata a termine nel 1987 e oggi è diventata un'attrazione turistica visitabile con tour guidati. Purtroppo si trova a 50 Km percorrendo la statale 93, che ci obbligherebbe poi a tornare indietro per la stessa strada visto che la nostra prossima tappa è TROMSØ (N).
Lasciamo quindi Alta per affrontare la parte forse più spettacolare del nostro viaggio: fiordi e ghiacciai, isole e villaggi.
Il maltempo ci accompagna nel nostro viaggi a sud, e arrivati all’ora di cena ci fermiamo a dormire a BURFJORD (N) (N69.94038 E22.0466) in un’area di sosta dove è possibile anche effettuare le operazioni di carico e scarico. Per la prima volta dall’inizio del nostro viaggio dormiamo cullati da una consistente pioggia.

4 Luglio 2019 Giovedì

Dopo colazione ripartiamo alla volta di TROMSØ . La mattinata è come la giornata di ieri, piove, anche se è solo pioggerellina.

Lungo la strada incontriamo spesso tende con Sami, alcuni vestiti in abiti tradizionali, che vendono souvenirs. Noi ci fermiamo a OVERGÅRD (N)(316 Km da Alta) a fare acquisti in uno di questi shop N 69.272222 – E.19.936666

tendopoli Sami sulla E6 tendopoli Sami sulla E6 2

Tendopoli sulla E6

Nel pomeriggio inoltrato arriviamo finalmente a TROMSØ , (397 Km da Alta) la più grande citta della Scandinavia (circa 70.000 abitanti) a nord del Circolo polare Artico, che ci accoglie con un’altra suberba vista: una corona di montagne innevate. Dato il tempo uggioso, freddo e nebbioso ci chiediamo “ma in quale stagione siamo? Estate o inverno?”.
Prima di percorrere lo scenografico ponte che porta in città, notiamo la sagoma bianca e inconfondibile della Ishavskatedralen. Ci fermiamo per la visita facendo sosta nell’adiacente parcheggio N 69.64777 – E 18.988055. La visita è a pagamento, 5 €, con apertura dalle 9.00 alle 19.00 e la Domenica dalle 13.00 alle 19.00 www.ishavskatedralen.no; la cattedrale bianca realizzata nel 1965 dall'architetto norvegese Jan Inge Hovig è composta da undici strutture triangolari in calcestruzzo che ricordano i crepacci dei ghiacciai; la sua attrattiva principale è la gigantesca vetrata a mosaico dell’artista Victor Sparre, che occupa l'intera facciata orientale e raffigura il ritorno di Cristo sulla terra.

ishavskatedralen cattedrale biancala cattedrale bianca

cattedrale bianca facciata cattedrale bianca interno

Poco lontano, ad un chilometro dalla chiesa, ben indicata dai cartelli, ci sarebbe la Fjellheisen, una funivia che in quattro minuti porta sul monte Storsteinen (421 m) dove si trova una terrazza panoramica da cui partono diversi sentieri escursionistici e da dove la vista su Tromsø, le montagne e le isole circostanti dice essere davvero superba (c’è un parcheggio nel piazzale antistante la funivia, N 69.641666 - E 18.984166 dove però vige il divieto di sosta notturna). La cabina parte ogni 30 minuti, il biglietto di sola andata costa 55 NOK, andata e ritorno 105 NOK a persona. Il tempo, anche se ha smesso di piovere, è molto nuvoloso per cui decidiamo di saltare l’escursione e di dirigerci al parcheggio che abbiamo scelto per la sosta.
Questo è presso il teatro Hålogaland , alle coordinate N 69.64331,  E 18.94713, a pagamento (27 Nok all’ora fino alle 20.00 e 12 Nok fino alle 6.00 di mattina. Un bel balzello ma qui si paga tutto molto caro e questo ha il vantaggio di essere a 800 metri dal centro, vicinissimo al museo di Polaria. Nonostante si trovi quasi al 70° parallelo, la località gode di un clima mitigato dalla Corrente del Golfo che regala inverni non troppo rigidi, durante i quali è facile assistere al fenomeno delle aurore boreali ed estati gradevoli con giornate lunghissime. Il centro della città sorge sull’isoletta di Tromsoya, nel bel mezzo del fiordo, collegata da due ponti alle zone periferiche che si estendono nella vicina isola di Kvaloya e a Tromsdalen, sulla terraferma.
Visto che non piove, facciamo un primo giro per la città per prendervi confidenza, rimanendo favorevolmente colpiti dalle vie che percorriamo, tanto che rientriamo al camper molto tardi, anche se con la luce che c’è non si direbbe.

5 Luglio 2019 Venerdì

Alla mattina ci alziamo presto per dirigerci alla piazza centrale della città, dove da informazioni avrebbe dovuto trovarsi il mercato del pesce cittadino di cui non troviamo ombra. Parlando con la gente del posto scopriamo che di questo non sanno niente, ma ci indirizzano verso una locale pescheria, pescherie che scopriremo essere rarissime, che si trova in un centro commerciale nella stessa piazza. Ne rimaniamo molto delusi, in quanto a parte il salmone, fresco e affumicato, e l’immancabile stoccafisso, c’è ben poca varietà sul bancone.

Il resto delle attrazioni cittadine si trova dall’altra parte del canale, nel versante est di Tromsoya: numerosi edifici storici di legno del XX secolo, bei negozi, caffè, ristoranti, gallerie d'arte e parecchi musei interessanti.
Nel frattempo si sono fatte le dieci e ci dirigiamo al Polarmuseet (il museo polare aperto dalle 10.00 alle 19.00), ospitato in un edificio della prima metà dell'Ottocento affacciato sul mare a pochi minuti dal centro e utilizzato in precedenza come deposito doganale. Aperto nel 1978, custodisce su due piani una gran quantità di reperti, indumenti, oggetti, immagini e animali imbalsamati attraverso i quali viene raccontata la storia dell’Artico e dei suoi protagonisti.

esterno museo polareesterno museo polare

Alcune sale sono dedicate alla caccia della fauna nordica quali foche, trichechi, balene e orsi bianchi, dal 1600 ai giorni nostri, mentre altre illustrano le leggendarie spedizioni degli esploratori norvegesi Nansen e Amundsen. Quest'ultimo, famoso anche per aver conquistato il Polo Sud nel dicembre 1911, partì proprio da Tromsø il 18 giugno 1928 per prestare soccorso all’equipaggio del dirigibile Italia, guidato da Umberto Nobile e precipitato fra i ghiacci dell'Artico, ma perì nel tentativo.
Nel cinema del museo vengono proiettati, alternandosi ogni mezz'ora, emozionanti documentari sulle isole Svalbard e sull'aurora boreale, mentre il pezzo forte dell'acquario è rappresentato da alcune foche barbute che due volte al giorno vengono nutrite nella piscina del centro davanti ai visitatori che come noi hanno avuto la fortuna di trovarsi lì a quelle ore.
Accanto al museo c’è la fabbrica di birra Mack (Storgata 5-13), che è possibile visitare, ma che decidiamo di saltare visto che ne abbiamo già visitate un bel numero durante i nostri precedenti viaggi.
Il centro della città, culturalmente molto viva e sede tra l’altro dell'università più a nord del mondo, lo percorriamo tranquillamente a piedi.

Andiamo a visitare la Tromsø Domkirke, la cattedrale protestante, una delle chiese di legno più grandi della Norvegia, edificata nel 1861 (stesso anno di quella cattolica, che si trova nei pressi di piazza Stortorget) in stile neogotico sul luogo di un'antica chiesa del XIlI secolo andata distrutta.
Il costo della visita è di 2 euro a persona, soldi spesi male con il senno di poi dato ciò che offre l’interno. L’esterno invece è molto bello.
Ultima nota, arrivati su Richard Withs Place, piazza dove c’è anche la Chiesa Protestante, se come noi volete provare a mangiare delle bistecche di balena, c’è Emma’s, Kirkegata 8. Non ci hanno entusiasmato, ma comunque sono da provare.

mappa arcipelago Vesteralen

Riprendiamo il nostro viaggio con meta ora l'arcipelago delle VESTERÅLEN (N). Dicono i geologhi che queste isole rappresentano le vette di una catena montuosa sprofondata nel mare e che correva parallela alla catena scandinava attuale, quella che ci si presenta tutta intagliata dai fiordi. Anche le montagne della terraferma stanno pian piano sprofondando: i fiordi non sono altro che valli scavate dai ghiacciai e poi invase dall'acqua.
Prendiamo la E78 e poi la E6 dirigendoci verso l’isola di Senja, la seconda isola della Norvegia per grandezza. Una volta arrivati a FINNSNES (N)(157 Km da Tromso, facciamo una deviazione, che consigliamo caldamente, verso HUSØY (N)(61 Km da Finnsnes), un borgo che viene considerato uno dei più belli dal punto di vista paesaggistico.
La strada che percorriamo, la 861, è estremamente panoramica, anche se la sede stradale molto si restringe tanto che spesso ci sono piazzole per l’incrocio dei veicoli, ma quando giungiamo in vista del paese rimaniamo davvero entusiasti. Ripidi verdi crinali scoscesi che si tuffano in un mare azzurro intenso circondano l’isolotto che, collegato da un basso pontile alla terraferma, ospita il paese con il suo pittoresco porticciolo.

paeaggio arcipelago vesteralen

Sostiamo nell’area a pagamento (150 Nok) dove c’è il carico acqua e lo scarico del wc chimico, poco prima di entrare nell’abitato subito prima del molo N69.54395 E17.67105. Questo è un piccolo borgo di pescatori che sembra uscire da un altro mondo, poche case, un emporio sul porto, unico negozio del paese, accanto ad edifici per la lavorazione del pescato. Uno dei villaggi più affascinanti di tutta la Norvegia. Ne percorriamo le stradine scattando molte fotografie, aiutati anche dal tempo che si è rimesso al bello e ci gratifica di un bel sole brillante. È ormai tardi e ci riproponiamo di fare domani una escursione al faro.

6 Luglio 2019 Sabato

Stamani il bel sole di ieri ha lasciato posto ad un cielo nuvoloso e grigio, ma la bassa foschia non cancella la magica atmosfera del luogo. Abbandoniamo l’idea di fare l’escursione e partiamo quindi alla volta di GRYLLEFYORD (N).
Percorriamo i circa 80 km sulla statale 862 che ci separano dalla meta mettendoci però un’eternità perché ci fermiamo continuamente a scattare foto in ogni angolo, tanto è spettacolare il panorama che ci circonda e il cielo plumbeo nulla toglie alla bellezza di quello che vediamo. La strada, che si snoda seguendo quasi sempre la costa, ci mostra una serie di imponenti vette che si innalzano direttamente dal mare e remoti villaggi di pescatori.
Prima dell’arrivo facciamo tappa, per una brevissima sosta a SENYATROLLET (N), un punto ristoro lungo la strada che vanta il Troll in legno più grande del mondo, alto ben 18 metri (N 69.410555 - E 17.26277)
Purtroppo nel parco ci sono lavori di ristrutturazione, ed il troll è inaccessibile e invisibile. Ci consoliamo consumando una bella fetta di torta nel locale adiacente, peraltro molto carino, con sale contigue tutte arredate in maniera differente per far immedesimare i commensali nei vari ambienti a tema.
Arrivati a GRYLLEFYORD ci mettiamo in fila nel parcheggio del porticciolo N69.36308 E17.05203 per salire sul traghetto che porta ad ANDENES (Vesteralen). Il parcheggio è piccolo, calcolato sul numero delle vetture che il traghetto riesce a trasportare in ogni viaggio; noi siamo arrivati alle 14.30 con la partenza prevista per le 15.00 ed occupiamo l’ultimo posto disponibile del parcheggio.

Saliamo a bordo e paghiamo il ticket presso l’ufficio della nave dopo che questa è partita. Il costo non è a buon mercato, costo 185 €.

mappa arcipelago norvegeseLa traversata dura circa 2 ore e, una volta arrivati, notiamo subito il grande faro rosso che fino a pochi anni fa funzionava ancora con l'olio dei capodogli (adesso va con l'elettricità). Ci fermiamo in un parcheggio sterrato ma in piano insieme a molti altri camper, vicino all’imbarco, fronte mare, faro e pescherecci N 69.32378° E016.13296°.

faro andenesIl faro di Andenes

Andiamo subito a fare i biglietti per il Whalesafari (si possono prenotare escursioni in gommone per vedere le foche (wvwv.sealsafari.no) e in motobarca per andare incontro alle balene (www.whalesafari.com), che si trova a circa 600 metri dal parcheggio. Il personale per la prenotazione parla inglese ma ci sono anche dépliant in italiano (si può anche prenotare on-line in italiano). Troviamo posto sulla barca che parte domani alle 17.00 (costo 110 € a persona), e concludiamo la serata facendo un giro per il paese e lungo la costa anch’essa molto bella. Ci colpisce la rigogliosità dei terreni ad erbe spontanee veramente alte, molto più delle nostre (apprenderemo poi che questo è dovuto al particolare angolo di irraggiamento della luce solare a questa latitudine).

7 Luglio 2019 Domenica  

Ci svegliamo con calma e facciamo un bel giro per il paese gratificati dal tempo che ci sta regalando un cielo limpido con un caldo sole. Ci presentiamo ben prima della partenza, per accreditarci con il ticket, e prima dl imbarcarci, visitiamo l'interessante museo dove una guida in inglese (a volte ci sono anche guide in italiano) ci illustra la vita delle balene, le varie specie, le loro caratteristiche, l’alimentazione. Le balene vivono dai 40 ai 70 anni, raggiungono i 19 metri di lunghezza e possono rimanere in immersione a 2300 metri di profondità per 40/50 minuti, cibandosi alcune esclusivamente di plancton e piccoli crostacei, altre di pesci e di calamari giganti, per poi emergere a prendere aria e riposare.
Alle 17.00 partiamo: siamo a bordo di un moderno peschereccio dotato di apparecchio che capta il segnale che le balene lanciano per orizzontarsi e trovare le prede, quindi il capitano è in grado di seguirle fino a che non emergono e anche di avvisarci quando si immergono per riuscire a vedere il famoso colpo di coda. Vederle da vicino è un'emozione unica anche se, per tutelarle, la barca deve rimanere a notevole distanza da loro. Durante il viaggio vengono offerti tè, caffè e latte bollenti con biscottini per riprenderci dal freddo, anche se a causa del forte rullio della nave ben pochi coraggiosi approfittano del servizio (se non si vedono balene viene riproposto gratuitamente un nuovo giro il giorno successivo o rimborsato il biglietto, ma l’avvistamento è praticamente scontato).

WhalesafariWhalesafari

Whalesafari 2Whalesafari

Rientriamo soddisfatti verso le 19.30 avendo visto ben quattro balene e decidiamo di fermarci qui e riprendere il viaggio domani mattina.

8 Luglio 2019 Lunedì

Dopo aver fatto un salto al locale panificio per acquistare alcuni dolci che consumeremo stasera, partenza alla volta delle LOFOTON, le più belle isole Norvegia. Non facciamo la statale 82, la strada principale, ma prendiamo la secondaria 976 che percorre la costa ovest dell’isola; qualche chilometro più lunga, ma panoramica, che tocca i paese di STAVE-BLEIK (N) dove una splendida spiaggia bianca ci gratifica di un paesaggio da cartolina. Dopo essere ritornati sulla 82, invece di dirigersi verso Melbu per il traghetto, ci immettiamo sulla E10.
A SORTLAND (100 Km da Andenes) ci fermiamo ad una stazione di servizio N 68.70466,  E 15.41386 dove si può scaricare sia il wc chimico che le reflue gratuitamente. Dopo aver attraversato il lungo tunnel Sløverfjordtunnelen (6,8Km), entriamo nelle Lofoten, maestose, molto verdi con fiordi e acqua limpidissima, di un verde smeraldo magnifico.
Prima fermata a SVOLVÆR, il capoluogo delle Lofoten, sulla costa meridionale di Austvàgoy, rivolta verso il continente (prima di arrivare in paese c’è un ottimo punto sosta con belvedere alle coordinate N68.315833 - E14.715555). Dato che ci fermeremo solo poche ore, utilizziamo il Parcheggio della Cooperativa Mega N 68.234166 - E 14.559444 (l’area di sosta con tutti i servizi è vicino al porto, ad 1 Km dal centro, N 68.22735, E 14.55933, 300 Nok-31€).
Dinamico centro portuale che conta oltre 4.000 abitanti, il paese conserva l'originario insediamento di Svinoya ed è sovrastato dalla Svolvrrgeita, vetta per scalatori, violata per la prima volta nel 1910.
Passeggiamo lungo il molo del porto turistico, fra i negozietti del piccolo nucleo storico, andando a curiosare alla reception dello Svinøya Rorbuer, la cui annessa bottega era l'antico emporio del quartiere, rimasto quasi intatto dal 1828: ci sono ancora l'antica cassa in ferro, le insegne dei bei tempi andati e l'immancabile stoccafisso in scatola per chi vuole fare compere. Ci attirerebbe anche fare un salto al Magic Ice, un ex impianto di congelazione del pesce diventato bar dove i drink vengono serviti in bicchieri di ghiaccio.

SvolvaerSvolvaer

Ma si sta facendo tardi e temiamo che si possa trovare chiusa la nostra prossima tappa. Riprendiamo quindi il camper e facciamo i 6 km che ci separano da KABELVÅG (N), dove tra mare e montagna fa bella figura di se la monumentale Vàgan Kirke (www.lofotenkatedralen.no – (fermata al parcheggio della chiesa N68.216111 - E 14.483888, ingresso a pagamento 40 NOK), la seconda chiesa in legno della Norvegia, innalzata nel 1898 e in grado di accogliere oltre mille fedeli; quasi il doppio degli abitanti del villaggio.

Vagan KirkeVagan Kirke

Qui si potrebbe visitare il piccolo centro del paese, che dice trovarsi su una delle più belle rive delle Lofoten, ma abbiamo in programma una bella passeggiata che ci porterà proprio in paese domani, per cui ripartiamo alla volta di STORVÅGAN (N), 2 Km più a sud, insediamento peschereccio che secoli fa esportava pesce essiccato in mezza Europa.

Parcheggiamo nello spazio adiacente al museo Lofotmuseet N  68.207777 E 14.45388  fermandoci qui per la notte, in attesa della visita di domani.

9 Luglio 2019 Martedì

Aspettiamo l’ora di apertura del museo (10.00), paghiamo le 100 Korone a testa del ticket ed iniziamo la visita. Questo museo illustra le condizioni di vita dei pescatori del 800 fino alla metà del 1900 in quegli stessi edifici che poi sono diventati il museo di oggi.
La panetteria, lo spaccio, la rivendita di liquori, le fucine dei fabbri procuravano tutto il necessario alla vita quotidiana dei pescatori, che abitavano in case di legno con il tetto di assi o di zolle d'erba. Tra quegli edifici oggi dismessi, entriamo con curiosità, l'esempio più interessante di architettura ottocentesca al servizio delle attività ittiche e che più ci colpisce, è un'originale skrouaba del 1797, divisa in due ambienti: nel primo si stivavano reti e attrezzi da pesca, mentre nella stanza interna, adibita a cucina e soggiorno, vivevano fino a dieci o dodici uomini, con tutto l'equipaggiamento necessario per la stagione. Nella vicina rimessa si trovano alcuni esemplari di vecchie imbarcazioni del Nordland, come una ben conservata fembeding del 1860, capace di trasportare fino a sei pescatori, e una finoring, la più comune barca da pesca delle Lofoten, anch'essa risalente al XIX secolo.
Se siete fortunati come è successo a noi, nella fucina, un fabbro dei nostri tempi a volte è presente per far vedere e spiegare le tecniche di forgiatura degli attrezzi utilizzati per la pesca.
Accanto alla biglietteria del complesso è situata la casa padronale, costruita nel 1815, che fa bella mostra di arredi e oggetti dell'epoca. Vi risiedeva il nessekonger, ricco mercante che tirava le fila di questa assai remunerativa attività, dato che lo stoccafisso già nel Medioevo costituiva il principale prodotto delle isole. Il suo potere era quasi assoluto: era lui che affittava le case e le rastrelliere d'essiccazione ai pescatori, i quali erano obbligati a vendergli il frutto delle loro fatiche, naturalmente a un prezzo stabilito dal compratore. Gli introiti erano assai miseri, ma venivano compensati da ogni sorta di assistenza che in quei tempi di grande povertà non era da sottovalutare.
10€ per la visita a questo museo sono stati davvero ben spesi.
Prima di tornare al camper, imbocchiamo il sentiero ben segnalato, che in un paio di chilometri ci porta al centro di KABELVÅG (N). Il paese è molto piccolo ma è un piccolo gioiello immerso tra mare e montagna. Percorriamo il molo ad immortalare il superbo panorama, e poi ci rechiamo nella grande piazza del piccolo paese ad ammirare le ormai familiari case in legno.

Kabelvak faroKabelvak faro

Kabelvak scorcioKabelvak scorcio

Siamo talmente presi che ci accorgiamo solo ora che sono le 14.00 e così ritorniamo velocemente al camper per pranzare.
Riprendiamo poi il nostro viaggio, ma prima di lasciare questa isola una visita imperdibile che va assolutamente fatta è HENNINGSVÆR (N), 20 Km da qui, che si raggiunge tramite la statale 816. Una volta effettuata la deviazione dalla statale per il borgo, si entra letteralmente in un altro mondo. Sembra di essere nei Caraibi per i colori dell’acqua e per la superba spiaggia bianca affollata di bagnanti che fanno il bagno e che ci fanno provare un po’ di invidia. I pochi chilometri che ci separano dal paese sono un festival di emozioni; tutti gli slarghi disponibili della stretta strada vedono macchine o camper parcheggiati per gli immancabili scatti fotografici.
Non so descrivervi appieno le emozioni, ma è un paesaggio davvero stupendo. Nel borgo non si può entrare con il camper, quindi si parcheggia necessariamente nel grande parcheggio attrezzato con i servizi per camper alle coordinate N 68.15663, E 14.20755 dove si può anche sostare la notte al costo di 175 Nok.

Henningsvaer scorcioHenningsvaer scorcio

Henningsvaer spiaggiaHenningsvaer spiaggia

Henningsvaer paeseHenningsvaer paese

Questo paese è costruito su palafitte e, prima che il turismo lo scoprisse, era un borgo di pescatori. Oggi è affollato di turisti e le vie cittadine sono piene di negozi e attività commerciali che solitamente si trovano in questi posti. Devo però dire che il tutto non rovina comunque la piacevole atmosfera che si respira girando tra le sue stradine. Per i locali questo paese è una sorta di Venezia in miniatura, con i suoi canali che lo attraversano; paragone un po’ azzardato, ma che ben si adatta al 25% in più dei prezzi che qui si riscontrano. Se passate di qui non mancate di fare un salto al suo estremo penisolotto che si getta sul mare, dove abbiamo avuto la possibilità di vedere le famose rastrelliere con il pesce messo ad essiccare. Una visita straordinaria.

Henningsvaer pesce essiccareHenningsvaer rastrelliere con pesce da essiccare

Torniamo indietro per riprendere la E10. Prima di arrivare ad EGGUM (N), la nostra prossima meta, un cartello stradale ci segnala un punto panoramico presso un’area di sosta lungo la strada alle coordinate N 68.256666 - E 13.786111 Il posto gode di vista sul fiordo, ragion per cui decidiamo di fermarci qui a passare la notte in compagnia dei soliti immancabili altri camper nostri comuni compagni di viaggio.

10 Luglio 2019 Mercoledì

Ci svegliamo con un cielo molto nuvoloso che non va d’accordo con la nostra prossima tappa ma decidiamo comunque di raggiungerla. Percorriamo i 33 Km che ci separano da EGGUM. Si parcheggia, dopo aver attraversato il paese, sul mare, nell’area di sosta N 68.30923,  E 13.66671, con annessi servizi di fronte alla vecchia stazione radar installata dai tedeschi in tempo di guerra. Il costo per passare qui una notte è di 100 Nok, mentre per il solo parcheggio diurno si pagano 30 Nok che si depositano in una cassettina all’ingresso (per la notte il denaro va consegnato al bar che si trova nell’area di sosta). Alcuni camperisti ci dicono che la sera precedente hanno assistito ad un magnifico sole di mezzanotte.
eggum scorcioEggum scorcioVisitiamo la piccola fortezza che era stata la stazione radar tedesca, rimpiangendo il magnifico panorama che si sarebbe dovuto vedere da essa.
Seguendo le indicazioni che si trovano sul luogo, facciamo una passeggiata di circa 1 Km che, attraverso un’area faunistica protetta, a ridosso sul mare, ci conduce a un’enigmatica opera dello svizzero Markus Raetz; una testa di ferro e granito che assume 16 differenti forme a seconda di come la si guarda. Un’opera strana ma simpatica da vedere.

eggum opera Markus RaetzEggum opera Markus RaetzDato che la stagione ci consente poco altro, riprendiamo la nostra strada con il camper ritornando sulla E10 fino a BORG (N)(10 Km) dove andiamo a visitare il museo vichingo (www.vikingmuseet.no 200 NOK)- N 68.245555 - E 13.7575. In cima ad una collina, ben visibile dalla E10, svetta un’immensa costruzione a forma di barca rovesciata lunga 85 metri che riproduce fedelmente le antiche abitazioni del popolo nordico.

All’interno sono riprodotti usi, costumi e mestieri dell’epoca ed alcuni reperti rinvenuti durante le campagne di scavo tra il 1999 e il 2002. Sia il salone da pranzo che la stanza da letto sono stati ricostruiti nei minimi dettagli, fino alle decorazioni originali fatte a mano. Oltre al salone da pranzo, il museo offre mostre moderne che raccontano la loro storia millenaria, con audio guide in sei lingue, compreso l’italiano, utilizzando il proprio telefonino unito a della cuffie da loro fornite, per farci conoscere la storia vichinga, insieme a film e reperti archeologici unici. Da qui poi si prosegue lungo un sentiero di un chilometro e mezzo che porta alle fondamenta di Borg III, grande casa ad unico ambiente lunga 40 metri. Scesi sul mare c’è la Gokstadskip, riproduzione a grandezza naturale di una nave vichinga dove se il tempo e bello, ci si può anche imbarcare per una gita a colpi di remi.
La tappa successiva, che affrontiamo dopo pranzo, è a STAMSUND (N), per andare a vedere un villaggio fatto quasi interamente delle caratteristiche case rosse.

stamsund case rosseStamsund case rosse

Continuiamo sulla A10 fino a LEKNES (N) per poi prendere la 815. Prima della meta facciamo sosta all’area di servizio di HAGSKARVEIEN (N) N68.15803 E13.69526. Dopo aver effettuato carico acqua e scarico wc e acque grigie ci apprestiamo a ripartire, ma il nostro mezzo proprio non ne vuole sapere di rimettersi in moto. Dopo i primi istanti di caos e di “cosa facciamo”, chiamiamo l’assistenza stradale tramite l’apposita assicurazione che abbiamo da una vita. Spiegato il problema e, dopo non poche difficoltà per far capire il punto esatto dove ci troviamo (addirittura tramite una telefonata con il soccorso stradale stesso che non ci trovava, il cui dialogo tra italiano inglese e norvegese è stato una vera macchietta se non un dramma), alla fine arriva il soccorso che dopo un rapido esame individua il problema nella batteria che è improvvisamente scesa a zero!!! Rimessa in moto tramite il suo generatore, il tecnico ci dice che secondo lui la batteria è ok, ma che comunque necessita di essere ben caricata per almeno un’ora e che nel frattempo non va spento il motore. Dopo aver salutato il nostro soccorritore (non abbiamo pagato niente in quanto il conto verrà saldato dall’assicurazione), un po’ perplessi decidiamo di seguire senza indugio il suo consiglio e andiamo a fare tappa al vicino Lofoten Camp, a 2 km da dove ci troviamo.
Ci piazziamo in piazzola, ci colleghiamo alla corrente e speriamo che all’indomani tutto possa essere risolto.

11 Luglio 2019 Giovedì

I nostri timori sono reali, alla mattina il camper non parte, stesso problema. Nuova trafila, chiama assicurazione in Italia, aspetta l’assistenza (questa volta ci vogliono più di 2 ore) e, al suo arrivo, lo stesso signore di ieri, questo controlla, rimette in moto il camper con il suo generatore e ci ridice che secondo lui è tutto a posto.
Ma questa volta non ci fidiamo del verdetto e ci facciamo indicare l’elettrauto più vicino, che raggiungiamo dopo pochi chilometri. Qui acquistiamo una nuova batteria da 100 a/h che rimonto personalmente per risparmiare sulla manodopera che so essere particolarmente alta in questo paese (se anche fossi ricorso all’assistenza comunque avrei dovuto sostenere la spesa del ricambio più la manodopera).
Il tutto risulta andato a buon fine, il camper riparte come nuovo e buon per noi che abbiamo risparmiato sul lavoro visto che il conto della nuova batteria ammonta alla bella cifra di 480€.
Ripartiamo il viaggio più sereni ma anche più leggeri e, visto che siamo in zona, decidiamo di fare un salto a MORTSUND (N)(N68.08405 E13.63622), per andare a fare alcune foto alle famose case rosse di questo paese di ex pescatori, immerse in una natura fantastica.

mortsund case rosseMortsund - case rosse

Dopo aver pranzato in loco, riprendiamo il nostro percorso verso sud; percorriamo un tunnel sottomarino di 1780 metri e, dopo una deviazione di 6 Km dalla statale E10, arriviamo a NUSFJORD (N), andando ad utilizzare per la sosta il parcheggio prima dell’ingresso in paese, ben segnalato, N 68.03457,  E 13.34662.
Per entrare in questo pittoresco paesino da fiaba si paga un biglietto di ingresso di 100 nok a persona, che ci lascia un po’ perplessi, ma dato che la fama di questo posto ci è ben conosciuta, decidiamo di sottostare al balzello.
Visitiamo il villaggio costruito su palafitte che corre lungo tutto il contorno del fiordo, il porticciolo con le Rorbru, tipiche casette rosse su palafitte, che oggi dismesse dal loro uso di abitazione per pescatori, vengono affittate ai turisti per le vacanze. Visitiamo lo stabilimento dell'olio di fegato di merluzzo, con presentazione audiovisiva, la casa galleggiante rossa, la segheria, la stanza dove veniva e ancora oggi viene affumicato il pesce: sotto questa stanza c'è un camino dove ancora oggi si mettono a bruciare i rami di ginepro, dopodiché attraverso un foro il fumo arriva nella stanza affumicando il pesce.
Ci facciamo anche una buona scarpinata di 2 Km per andare a raggiungere il piccolo faro che si vede all’imbocco del fiordo. Nonostante qualche saliscendi, il percorso non è impegnativo e all’arrivo si viene ripagati da un panorama spettacolare.

Rorbru scorcioRorbru scorcio

È davvero un paesino da fiaba e lo lasciamo soddisfatti nonostante il balzello dell’ingresso.
Ritorniamo sulla E10 e prendiamo la direzione per REINE (N); prima di arrivare a Ramberg la costa inizia a mostrare un paesaggio caraibico ricco di lunghe spiagge bianche che ci costringono a fermarci in un punto panoramico (N68.10361 E13,28408,), fronte mare, nei pressi di Flakstad, per andare a passeggiare sulla battigia in compagnia di un buon numero di altri turisti.
La bella giornata di sole ci invoglia a restare per molto tempo su questa spiaggia e, solo a malincuore. decidiamo di riprendere il cammino.

Flakstad spiaggiaFlakstad spiaggia

Si è fatto comunque tardi, così ci fermiamo poco dopo in una bella e panoramica area di sosta con servizi sulla E10 dove ceniamo e passiamo sereni la nottata (N67.96216 E13.15218).

12 Luglio 2019 Venerdì

La mattina ci gratifica di un bel sole e, con questo come compagno. ci spostiamo di 4 Km fino a REINE (N). Qui alle coordinate N67.93468 E013.088180 c,è un’area di sosta a pagamento, ma noi, appena imboccato il bivio che porta al paese, notiamo un parcheggio prima del ponte, con già camper in sosta, e decidiamo di fermarci qui. Affrontiamo quindi a piedi gli 800 metri che ci separano dal centro del paese godendo di un bel panorama. Reine è una bella cittadina caratteristica con le sue tipiche casette rosse su palafitte, considerata uno dei più bei villaggi della Norvegia. A noi è piaciuto soprattutto l’ambiente naturale in cui la cittadina sorge; il classico panorama da cartolina che ti invita a goderti la splendida giornata di sole girando per le sue vie senza una meta precisa.

La tappa successiva è ad Å (N), 10 Km, piccolo ma meraviglioso paesino che si trova alla fine dell’isola (il suo nome rappresenta infatti l’ultima lettera dell’alfabeto norvegese). All'ingresso del paese, subito dopo l'ultima galleria, sulla sinistra c'è un grande parcheggio gratuito vista mare, dove è anche possibile pernottare sempre in compagnia di tantissimi camper N 67.879722 - E 12.9775.
Dal parcheggio un sentiero porta dritto nel centro abitato, che è organizzato come un museo all'aperto. Il villaggio è tutto pedonale e gli abitanti. che un tempo vivevano di pesca. ora devono il loro reddito al fiorente turismo che si è creato.

Norvegia A scorcioÅ - scorcio

Norvegia A case rosseÅ - case rosse

Se si vuole vedere alcune delle case e degli esercizi commerciali come erano al tempo in cui l’unica attività del posto era la pesca, si paga un biglietto per visitare questo villaggio/museo: c’è una rimessa per le barche con reti e attrezzi da pesca di ogni tipo, la ricostruzione dell'antica casa del pescatore, un vecchio panificio ancora funzionante, la bottega di un fabbro e, anche qui, una fabbrica di olio di fegato di merluzzo. Ci sarebbe da visitare anche il museo dello stoccafisso, dove vengono illustrate in un opuscolo in italiano tutte le fasi della lavorazione e l'utilizzo dei macchinari usati, ma decidiamo di saltarlo. Preferiamo fare una bella passeggiata sulle dolci colline circostanti per godere ancora appieno di questo magnifico panorama.
Pranziamo qui in camper prendendo la decisione di non tornare sulla terraferma tramite il traghetto che parte a 6 Km da qui, all'imbarco di Moskenes ferryport, direzione Bodø.
Le Lofoten ci sono rimaste nel cuore, e così ritardiamo la partenza con la scusa di andare ad imbarcarsi a SVOLVÆR (N) (130 Km da qui) per poter ripercorrere alcuni tratti di costa già fatti all’andata. Sempre complice la splendida giornata, gironzoliamo e ci fermiamo lungo il percorso così tante volte che arriviamo al molo quasi alle 21.30 con la nave che sta per attraccare (la partenza è prevista per le 22.00).
All’ora precisa ci imbarchiamo (1076 Nok circa 110 euro per un camper + 2 persone). La traversata è bellissima perché la nave passa in mezzo alle numerose isolette che si trovano tra qui e la terraferma ed in più fa scalo anche alla vicina isola di Skrova regalandoci ancora l’emozione di un passaggio in uno stretto canale.
Alle 00.20 arriviamo a SKUTVIK (N) e, subito dopo sbarcati, nonostante l’ora, decidiamo di percorrere ancora un centinaio di chilometri per avvicinaci alla tappa di domani, anzi di stamani, dove dovremo essere ad un’ora ben precisa.
Ci fermiamo a dormire presso l’area di sosta di TØMMERNESET (N)(N67.90013 E15.85666), con tutti i servizi di carico e scarico, compresa la corrente elettrica, gratuita. Subito a letto, perché domani la sveglia suona presto.

mappa bodo trondheim

13 Luglio 2019 Sabato

Sveglia alle sette e trenta, alle 10.40 dobbiamo essere a SALTSTRAUMEN (N), 150 Km da qui.
In questo posto si incrociano lo Skjerstadfjgorven e il Saltfjorden, due fiordi dove quando cambia la marea, 4 volte il giorno, 400 milioni di metri cubi di acqua si riversano dal mare dentro questo stretto canale di 150 metri di larghezza e lungo 3 Km, alla velocità di quasi 40 Km orari, formando dei gorghi spettacolari. Da internet avevamo visto che l’arrivo della alta marea di oggi è previsto per le 10.40 e quindi per quell’ora dobbiamo essere in zona. Arriviamo per tempo nell’area di sosta appositamente creata per permettere ai molti turisti che qui si riversano di vedere il fenomeno.
Questa è allocata sotto un ponte alle coordinate 67.232791/014.620193, che troviamo già molto occupata. Con molti altri turisti ci posizioniamo presso la riva del canale di ingresso dei due fiordi in attesa dell’evento.
Grandissima delusione. Del famoso gorgo che doveva raggiunge la dimensione di più di 40 metri di diametro neanche l’ombra. Solo qualche gorghetto che avrei benissimo potuto osservare stando comodo nella mia vasca da bagno.
La mia delusione è condivisa anche dagli altri spettatori ma poi, tramite alcune parole con i pescatori che numerosi si trovano su queste rive, veniamo a conoscenza che il fenomeno, che pure è frequentissimo, dipende molto anche dalla pressione, dalla posizione della lune e dalla temperatura e che ci sono alcune giornate no, rare secondo loro, dove il fenomeno non si avverte.
Questi ci invitano a visitare un locale vicino al parcheggio, che oltre che da ristorante e bar funge anche da cinema, dove tutte le ore viene trasmesso un filmato che mostra il fenomeno in tutto il suo splendore. Ma noi tra delusione e stanchezza per aver dormito poche ore, decidiamo di snobbare la struttura e levare le tende.
Riprendiamo il nostro cammino che deve avvicinarci alla nostra prossima tappa: TRONDHEIM (N), a più di 650 Km da qui.
Seguiamo la E6, con il tempo che da nuvoloso come era tende ad un bel sole, anche se ci sono sempre delle nuvole in cielo. Il paesaggio cambia e si apre in una prateria con montagne basse piene di neve che si avvicinano a noi man mano che saliamo di quota fino ad arrivare, 40 km dopo il paese di Storjord, al Circolo polare Artico, un grande piazzale pieno degli innumerevoli camper che hanno sempre accompagnato il nostro viaggio! Si parcheggia al posteggio dedicato dove è possibile anche passare la notte N 66.5500 E 15.321111. Visita al grande negozio e acquisto di souvenir!

Obbligatorio la cartolina postale con il timbro del circolo polare (tutto molto caro)! Poi passeggiata per andare a fare la "torre" di sassi che memorizzerà il nostro passaggio! (Ce ne sono a centinaia).

circolo polare articoCircolo Polare Artico

 circolo polare artico torri di sassiCircolo Polare Artico - torri di sassi

Il sole è caldo ed indugiamo in loco prima di riprendere il viaggio, d’ora in poi gradualmente torneremo ad avere il buio nella notte e ciò insinua già in noi un po’ di nostalgia.
Durante il percorso sulla E6, l’arteria principale della Norvegia, che da Oslo porta a Kirkenes, si incontrano molti cantieri che stanno ridisegnando il percorso: due pezzi di strada già terminati sono a pagamento, immaginiamo che prima dell’arrivo dell’inverno lo sarà quasi tutta.
Passato il paese di MO I RANA (N), decidiamo di fare sosta presso l’area Elsfjord alle coordinate N66.4878 E13.6112. Stanchi per la giornata ci ritiriamo abbastanza presto.

14 luglio 2019 Domenica

Ci svegliamo ancora con un cielo grigio. Oggi tappa di avvicinamento per arrivare a TRONDHEIM (N). Facciamo una sosta lungo la E6 per andare a vedere a LAKSFORSEN (N), (318 Km da Storjord) le cascate famose perché qui, quando è stagione, si può assistere alla risalita dei salmoni. Si parcheggia nel piazzale delle cascate alle coordinate N 65.62527, E 13.29183; Non è niente di eccezionale, ma comunque la sosta vale i pochi minuti persi per immergersi nel fragore dell’acqua che precipita sui massi sottostanti. Più avanti lungo la strada, per chi vuole, c’è un Laksakvarium, un vivaio di salmoni, dove ci si può dedicare anche alla pesca di questi magnifici pesci.

laksforsenLaksforsen

Lungo la strada ci fermiamo a scaricare il chimico e a fare rifornimento d’acqua presso una stazione di servizio a Levanger alle coordinate N 63.71798,  E 11.22735 gratuito.
Facciamo una deviazione dalla E6 per andare a visitare il Museo Nasjonale Kultursenter di STIKLESTAD (N) fermandoci nel suo grande parcheggio (N63.795277 E11.559722”).
Questo per i Norvegesi è uno dei siti più famosi, in quanto sorge nel luogo dove morì il re Norvegese Olav Haraldsson, martire e santo della fede cristiana e che oggi dà il nome ad un cammino sullo stile di Santiago di Compostela, che si snoda su un percorso di 900 Km da Oslo a Trondheim. In questo centro vengono raccontati gli avvenimenti della sua vita, in particolare la battaglia nella quale morì, anche con l’ausilio di strumenti multimediali.
Noi siamo venuti per visitare la chiesa in pietra del 1500, ricostruita sul luogo dove si presume sia caduto il re e dove in precedenza sorgeva l’originale chiesa del 1130. È la prima di un certo spessore che visitiamo qui in Norvegia e possiede all’interno diversi dipinti del 1500. La chiesa in sé stessa è davvero molto bella.
Da non perdere poi la visita a cielo aperto di circa 30 edifici storici sempre su questo sito, che vanno dall’umile podere alle botteghe degli artigiani, fino alla Molana, una fattoria signorile davvero notevole. Il tutto è impreziosito dal fatto che diversi edifici sono animati da figuranti in costume d’epoca. Tutto veramente ben fatto e piacevole.
Ripreso il viaggio decidiamo di non arrivare a Trondheim, ma ci fermiamo a dormire a circa 40 Km dall’arrivo, all’area di sosta gratuita di STJØRDAL (N) (N63.49061 E10.8819), completa di tutti i servizi.

15 Luglio 2019 Lunedì

Ci svegliamo di buon'ora con un tempo che promette pioggia. Arriviamo a TRONDHEIM (N), terza città della Norvegia per dimensioni e una delle più antiche della Scandinavia. Ci sono varie alternative per la scelta della sosta in città: il campeggio più vicino è il Flakk Camping, sul mare (Flakkvegen 49, Bosberg; a circa 10 Km dal centro sulla strada 715 –www.flakk-camping.no) N63.44510 E10.19310; collegato alla città dal bus 56 che copre il tragitto verso la città più volte al giorno,o un’area attrezzata, alle coordinate N63.4385 E10.4202, a 3 Km dal centro, con tutti i servizi compresa l’elettricità, a 250 nok al giorno.
Noi che non sapendo se ci fermeremo per la notte, ci dirigiamo verso il parcheggio della Katedralskole, dove l’estate viene permesso ai visitatori che giungono a Trondheim di parcheggiare nel piazzale della scuola a 100 nok dalle 7.30 alle 21.00 (coordinate N63.426944 E10.399166). Chi poi ha intenzione di fermarsi fino al giorno dopo può facilmente spostarsi al parcheggio molto tranquillo e sicuro N 63.42630,  E 10.38196 del campo sportivo Oya Stadium, vicino all’università e all’ospedale, che costa 23 Nok all’ora dalle 8.00 alle 20.00, ma che è gratuito di notte).

Il vantaggio del parcheggio della Katedralskole è che si trova a 50 metri dall’ingresso della cattedrale gotica di Nidaros.
Ed è proprio da questa cattedrale che iniziamo la nostra visita della città. L’ingresso avviene tramite il pagamento di 110nok, ma si può fare un biglietto cumulativo per visitare anche il palazzo arcivescovile (200nok). Il pezzo forte della cattedrale è sicuramente la facciata dove sono collocate più di 60 statue; ma anche gli interni, fortunatamente ben illuminati perché molto bui, sono raffinati e poderosi; la cattedrale, più volte ricostruita a causa di incendi e rimaneggiata, è interamente in pietra, unica in Norvegia ed è da molti considerata la più bella chiesa della Norvegia, oltre ad essere l’unica che vanti una nascita medievale. È in questa chiesa che dall’indipendenza fino al 1904 furono incoronati i sovrani norvegesi.

Trondheim cattedrale goticaTrondheim - cattedrale gotica

A fianco sorge il palazzo dell’arcivescovo, con due musei compresi nel biglietto cumulativo, dove si possono ammirare i gioielli della corona norvegese e i reperti trovati durante il restauro della cattedrale oltre ad alcune delle statue originali che facevano parte della facciata della cattedrale (quelle che vi si trovano ora sono tutte delle copie).
Percorrendo la strada principale, la Munkegata, si arriva alla piazza principale della città con il monumento in bella vista del suo santo Olav. Al numero 23 si ammira lo Stifsgarden, ovvero uno dei palazzi Reali, edificio interamente in legno, che viene utilizzato come residenza dalla famiglia Reale quando è a Trondheim.
La giornata è piovosa, ma non ci impedisce di continuare la nostra visita. All’ora di pranzo vi consiglio di fare una tappa al mercato del pesce, Ravnkloa, con vendita sia di pesce fresco che di piatti già pronti che si possono gustare, a buon prezzo, direttamente in pescheria: dai sandwich ai gamberetti alle crocchette di pesce, alle zuppe e alle cozze. Da leccarsi i baffi.
Con una passeggiata nel centro storico scopriamo la bella chiesa di Nostra Signora, dove rimaniamo piacevolmente sorpresi per essere accolti con una bevanda calda, preparata in una cucina che si trova proprio all’ingresso della chiesa stessa, ed il quartiere Bakklander, dai pittoreschi edifici colorati molto particolari perché su palafitte e ancora abitati; un tempo erano i magazzini del XVII e XVIII secolo, affacciati sul canale ora tutti ristrutturati. Da qui attraversiamo il Gamle Bybro, il vecchio ponte cittadino, per dirigerci, sempre con l’ombrello aperto, alla fortezza Kristiansen da dove entrando nel parco si gode di un bello scorcio sulla città nonostante il tempo (da segnalare che per arrivarci c’è da fare una breve ma ripida salita, dove si trova una curiosa funivia per biciclette che cattura l’attenzione di tutti i turisti).
Segnalo che alla fortezza si può salire anche in camper parcheggiando nell’ampio piazzale, dove non si può però sostare di notte, alle coordinate N63.42611- E10.3825 .

Trondheim scorcioTrondheim - scorcio

Passeggiamo nella Torget, (piazza principale), al centro della quale si erge un monumento a Olav I, fondatore della città, e dove tutti i giorni si tiene il mercato di frutta e verdura.
Intanto continua a piovere e, terminata la visita della città, decidiamo di ripartire con il camper. Riprendiamo la E6 in direzione di OSLO (N) per andare a fare sosta per la notte nei pressi di OPPDAL (N), in un area di sosta dietro un distributore che fornisce gratuitamente anche la corrente oltre ai servizi igenici.

mappa trondheim alesund

16 Luglio 2019 Martedì

Sveglia ancora con cielo molto nuvolo, ma durante la strada il tempo tende al bello col sole che riesce a fare capolino e quando ci fermiamo a KRISTIANSUND (N) a mangiare. la giornata è ormai voltata al bello.
Riprendiamo il nostro viaggio direzione RV64, la strada Atlantica. Paghiamo il pedaggio autostradale di 142 Nok (camper + un passeggiero) e entriamo sull’ISOLA DI AVERØYA(N).

ponte averoyaponte Averøya

ponte averoya scorcioponte Averøya- scorcio

Si percorrono 12 ponti spettacolari, costruiti in mezzo al mare, che collegano isole e isolotti, sono 8 Km di strada con panorama stupendo. Ci si può fermare nelle piazzole, studiate per godere del fantastica vista che la bella giornata esalta. Questa strada, che si snoda da un'isola all'altra, è da molti definita come il tratto stradale più spettacolare del mondo.
Inutile dire che per percorrere questi pochi chilometri abbiamo impiegato più di tre ore; molte sono state le fermate con varie escursioni sui promontori adiacenti per cogliere ogni possibile sfumatura del paesaggio.
A VEVANG (N) dovremmo continuare sulla 64 in direzione MOLDE (N), ma preferiamo prendere la 664 in direzione Bud per continuare a percorrere la bella costa che ci regala ancora scorci notevoli.
In serata arriviamo a MOLDE (N)(86 Km), la città delle rose, così chiamata per via dei suoi giardini, che in effetti notiamo rigogliosi nell’attraversarla. Ci dirigiamo verso il parcheggio a pagamento dietro una stazione di servizio, N62.733611 E7.141666, dove si trova anche il carico e lo scarico acqua e wc, (il parcheggio dalle 17:00 alle 8:00 di mattina è gratuito), e da dove con quattro passi si arriva in centro. Lo troviamo però pieno di camper e auto. L’area di sosta si troverebbe a 5 Km N 62.74923, E 7.13024, (gratuita); ma preferiamo invece andare sul belvedere di Varden da dove si domina l’intera città.
Sono 6 km di salita, su strada in parte non asfaltata, di cui gli ultimi 2 davvero impegnativi costringendomi a tenere sempre inserita la seconda marcia, ma arrivati al grande piazzale sterrato (N62.748333 E7.14000), lo sforzo è valso la candela. Il panorama è bellissimo e lo sguardo vaga dalla città sotto di noi fino alla costa lontana dove domani traghetteremo.

17 Luglio 2019 Mercoledì

La mattina inizia con il solito cielo nuvoloso, ma poi si metterà decisamente al bello come ci è capitato spesso in questa vacanza. Andiamo al porto e ci imbarchiamo per VESTNES (N) (430 nok per 30 minuti di traversata). A bordo ci concediamo una prelibatezza: uno sveele, tipico dolce di queste parti lievitato con sale ricavato dalle corna di cervo e farcito con una specie di formaggio scuro chiamato Brunost.
Se la descrizione può farvi storcere la bocca vi assicuro che il sapore è veramente ottimo; tanto che poi compreremo questo formaggio in un supermercato per mangiarlo con dei biscottini dolci durante tutto il resto del viaggio.

Sbarcati prendiamo la E39, in direzione ÅLESUND (N), città fondata nel 1793, uno dei porti più importanti della Norvegia, situata nella contea Møre og Romsdal, all'imbocco del fiordo di Stor.
Ålesund (74 Km di strada dal traghetto) si estende su tre isolette di cui le due principali sono collegate da un ponte. Essendo costruita tutta in legno, il 23 gennaio 1904 molti edifici furono distrutti da un incendio. Gli abitanti si diedero da fare per la ricostruzione, che avvenne in pochi anni, (ma in muratura) in stile art nouveau anche grazie a donazioni europee. Dato le difficoltà di parcheggio, ci dirigiamo alla bella area di sosta a pagamento, in riva al mare, vicinissima al centro, con servizi igienici, carico e scarico acque e docce calde N62.47581 E6.16047 (25 nok all’ora, o 250 nok per 24 ore).
Paghiamo per restare 4 ore e ci accingiamo a visitare la città.
Il centro storico occupa una penisola rocciosa a forma di amo e, poiché non era ampliabile in alcun modo, i nuovi abitanti che qui arrivavano si sono via via distribuiti sulle isole vicine a lei collegate da ponti.
La città e molto carina, dissimile da quelle viste fino ad ora, con molti punti che catturano davvero l’attenzione. Dopo la visita del centro, ci apprestiamo a dirigerci verso il punto panoramico sopra la città, la collina di Aksla, che si raggiunge con un percorso pedonale di 418 gradini, da dove si gode di una vista stupenda (il belvedere si raggiunge anche tramite strada con il camper, ma consiglio di fare la camminata a piedi, perché durante la salita si gode di alcuni punti panoramici imperdibili).

collina askla panoramaPanorama di Ålesund dalla collina di Aksla

Arrivati in cima ci viene da ridere. La terrazza panoramica di un bar che domina il panorama della città sottostante, chiede 30 nok di accesso per godere della vista. Anche per questo consiglio di fare la salita a piedi.
Ripreso il camper torniamo indietro per 108 Km fino ad ÅNDALSNES (N), da dove parte la mitica e tortuosa Strada dei Troll, statale 63. Prima di affrontarla ci dirigiamo alla stazione ferroviaria in Jernbanegata, dove avevamo letto su internet che c’è una - Cappella completa in una carrozza ferroviaria di un treno. - In effetti la carrozza c’è ma è chiusa e quindi niente visita.
E allora via per la mitica statale 63 verso il famoso passo dei troll. Questa strada è una delle attrazioni più spettacolari e visitate della Norvegia: prima di iniziare la salita facciamo le classiche foto di rito al cartello "Pericolo Troll", che si trova poco prima dell’inizio dei tornanti, che si dice sia l'unico cartello stradale di questo tipo di tutta la Norvegia. La strada è abbastanza stretta, con 11 tornanti e con pendenze che sfiorano il 10 per cento, il dislivello creato da un ghiacciaio ormai scomparso. La Strada dei Troll - che viene aperta solo durante i mesi estivi - fu inaugurata nel 1936 dopo otto anni di lavori, resi ancora più faticosi dalle difficili condizioni del territorio, e con i suoi tornanti sale dal livello del mare a più di 850 metri di altitudine.
Bellissima la cascata STIGFOSSEN (N) che lambisce il fianco della montagna, verso la valle di Isterdalen: qui c’è un piccolo slargo sul lato destro che permette una breve sosta per fare foto, ma lo troviamo occupato da molte auto e non ci possiamo fermare. Arrivati in cima parcheggiamo nel piazzale dove si trova un negozio di souvenir ed un ristorante. Ci sono i servizi igienici ed il parcheggio è molto grande tanto che inviterebbe alla sosta notturna, ma molti cartelli con espliciti disegni vietano tale possibilità. Tramite un breve percorso pedonale ci dirigiamo su due spettacolari terrazze panoramiche, le Utsikten, da dove si può ammirare il panorama e gli 11 tornanti appena percorsi. Le montagne che circondano la Trollstigen, che si trova nel centro del Romsdal, sono enormi e bellissime. Davvero uno spettacolo superbo e imperdibile.

strada dei Trollstrada dei Troll

Dopo aver nutrito gli occhi e osservato le difficoltà che incontrato i grandi mezzi quando ne incrociano un altro, dato i cartelli di cui detto sopra, percorriamo i 2,5 Km che ci separano da un bel parcheggio sterrato che si trova ai piedi di splendide montagne (N62.4324 E7.6575); ci fermiamo qui per la notte, in buona compagnia di numerosi camper.


18 Luglio 2019 Giovedi

Ci svegliamo con uno splendido sole che ci fa indugiare a scattare altre fotografie. Il viaggio poi prosegue verso VALDALL (N): la strada ora è molto dolce, non ripida e senza tornanti, l'ultimo tratto prima dell'abitato è disseminato da coltivazioni di fragole, con parecchia gente impegnata nella raccolta, tanto che questa vallata è detta anche la valle delle fragole. Ci sono molti banchetti che vendono il prodotto e anche noi ci fermiamo ad acquistarle (le consumeremo per cena e devo dire che sono davvero ottime).
Prima di arrivare a Valdall facciamo una breve sosta per vedere la gola di GUDBRANDSJUVET (N), N62.33083 - E7.470555 (circa 50 Km da Andalsnes) con l’omonima cascata, che si è scavata il percorso nella roccia e sopra la quale si passa con una comoda passerella che attraversa il bosco ad alcuni metri di altezza. È uno spettacolo nello spettacolo, con un gran numero di macchine e pullman che a volte rendono difficile la sosta (qui facendo un’escursione nei boschi abbiamo anche raccolto un buon numero di mirtilli che consumeremo con le fragole).

forra di Gudbrandforra di Gudbrand

mappa valldalen melkevoll bretun

Arrivati a Valdall (20 Km) proseguiamo per prendere l’ennesimo traghetto a LINGE (N) (N 62.28444 - E 7.18694, partenze ogni 30 minuti, che in 10 minuti di traversata al costo di 236 Nok ci fa sbarcare a EISDAL (N).
Superato il Norddalsfjord, si sale di nuovo fino ad affacciarsi su uno dei pochi siti naturalistici, al mondo, che hanno avuto l’onore di essere inclusi nel patrimonio Unesco. Lungo circa 15 Km e stretto tra pareti inaccessibili da cui precipitano cascate che sembrano uscite dalla matita di un disegnatore, il Geirangerfjord è il fiordo dei fiordi. Ci fermiamo su una terrazza panoramica, imprescindibile non fare sosta, per godere di uno scorcio sul fiordo (N 62.12583 – E 7.1677), che scopriremo essere quello riportato sulle locandine che pubblicizzano le crociere in Norvegia.

GeirangerfjordGeirangerfjord

Ci fermiamo anche a pranzare e dopo proseguiamo per la Ørnevegen, strada 63, la strada delle Aquile. Se pensate che il passo dei troll sia stato impegnativo, questo allora è superlativo. Si inizia a scendere con una pendenza costante del 10% che mette a dura prova i freni nei suoi 11 tornanti fino a raggiungere GEIRANGER (N). La strada è ripida e con tornanti stretti, ma a ogni curva il panorama è mozzafiato.
Arrivati a GEIRANGEN (N) 25 km da Eisdal, parcheggiamo gratuitamente nel piazzale affollato di camper, davanti al centro del paese, di fianco al campeggio N 62.10055 E 7.20611 e andiamo a fare una passeggiata per visitare il paese, che troviamo abbastanza insignificante essendo troppo commerciale, pieno di negozi per turisti. Ma l’attrazione principale qui è il fiordo, lungo 16 km, con le montagne che lo circondano, alte fino a 1500 metri.

Geirangen fiordoGeirangen fiordo

Andiamo a prenotare l’escursione, che parte diverse volte al giorno, ma l’ultima di oggi disponibile, quella delle 17.00, è al completo. Siamo costretti a prenotare la prima di domani, quella delle 8.45 (400 nok a persona), anche se ci dispiace molto dato che oggi è una giornata bellissima e le previsioni di domani danno nuvolo. Trascorriamo il pomeriggio visitando la fragorosa cascata del paese, che è possibile risalire grazie ad una scalinata costruita al suo fianco e passeggiando lungo le rive del fiordo.
Passiamo la notte nello stesso parcheggio dove abbiamo posteggiato quando siamo arrivati, anche se c’è un cartello con scritto no camping. Per una volta decidiamo di ignorarlo, visto che ci sono altri camper che sembrano intenzionati a passare qui la notte come noi.

19 Luglio 2019 Venerdì

Nottata tranquilla, con qualche scroscio di pioggia. Ci alziamo con un cielo grigio ma per fortuna senza pioggia. All'ora stabilita siamo al molo per iniziare l’escursione.
Il traghetto parte da Geiranger verso Hellesylt; a bordo veniamo forniti di audio speaker in italiano che ci spiegano quello che stiamo vedendo e raccontano la storia del fiordo, con molti riferimenti anche sulla vita della popolazione locale e sulle loro condizioni durante l’inverno; tutto davvero ben fatto. Nonostante il tempo grigio e successivamente la pioggia, il viaggio, che dura 1,5 ore, è spettacolare: il traghetto rallenta nei punti di maggiore interesse, non si vedono abitazioni ma solo fattorie utilizzate fino al secolo scorso e, ora abbandonate, destinate alla coltivazione di frutta. Ci rendiamo conto di quali dovessero essere le condizioni di vita in un ambiente sì così bello ma altrettanto difficile. L’unico accesso possibile era risalendo i pendii che ripidi si ergono dalle acque del fiordo. Ci viene mostrata la strada delle Aquile, prima della sua costruzione Geiranger era irraggiungibile via terra nei mesi invernali, e le cascate più famose, le Sette Sorelle, per via dei sette rivoli di acqua, il Pretendente e il Velo da Sposa.
Una bella escursione.

Tornati al molo prendiamo il camper per percorrere la statale 63. Il programma avrebbe previsto di fare la deviazione sulla 15 per DALSNIBBA (N)(1500 metri slm), una strada panoramica di 5 km (a pagamento), abbastanza impegnativa per i nostri mezzi, per godere di una splendida vista sui fiordi, su Geiranger e sulle montagne, ma il tempo ancora incerto ci fa desistere.
Proseguiamo quindi per arrivare a STRYN (N)(63 Km). Da qui prendiamo la 60 che costeggia il lago per arrivare dopo 20 Km ad OLDEN (N).
Il tempo intanto si sta mettendo al bello ed il sole ora sta uscendo dalle nuvole. Da Olden parte la strada che, dopo circa 25 Km, ci porta alla nostra destinazione finale, il ghiacciaio di Melkevoll.

La strada termina presso la reception del campeggio Melkevoll Bretun N61.66323 E6.81564, ma subito dopo c’è un parcheggio a pagamento per i camper che permettere di rimane per un massimo di 6 ore al prezzo di 50 nok, soluzione che scegliamo.
Presso la reception del campeggio si possono prenotare escursioni guidate sul ghiacciaio, con noleggio dell’attrezzatura, e con la possibilità di effettuare la prima tratta a bordo di furgoncini.
Noi invece, come la maggioranza dei turisti che vengono quassù, prendiamo il sentiero ben segnalato che dal parcheggio conduce fino ai piedi del ghiacciaio (un’ora per arrivare alle prime lingue di ghiaccio) affiancando e attraversando il corso di un torrente che si produce in impetuose cascate da togliere il fiato. Il sentiero non presenta difficoltà ed, anche se ci sono alcune salite e gradini, si percorre comunque con facilità. Dopo esserci fermati innumerevoli volte a fotografare le cascate da ogni angolazione possibile, arriviamo alle lingue del ghiacciaio che si specchiano su un laghetto dove galleggiano pezzi di ghiaccio da sembrare piccoli iceberg. È uno spettacolo imperdibile reso ancora più maestoso dalla bella giornata che si è venuta a creare. È sorprendente come a così bassa quota ci troviamo di fronte ad un ghiacciaio.

ghiacciaio di Melkevoll torrenteghiacciaio di Melkevoll torrente

ghiacciaio di Melkevollghiacciaio di Melkevoll

Sono ormai le 19.30 quando rientriamo al parcheggio e ci spostiamo ad un’aria di sosta che avevamo notato venendo su, N 61.75527 E 6.800277, a pochi chilometri da dove siamo, per passare la notte.

 mappa melkevoll bretun bergen

20 Luglio 2019 Sabato

Questa volta ci alziamo con il sole che preannuncia una bella giornata. Ritorniamo indietro verso Olden, proseguendo poi sulla statale 60 verso Utvik fino ad arrivare a BYRKJELO dove si prende la E39 e successivamente la 5, per arrivare all’imbarco del traghetto a MANNHELLER (N). In realtà giunti a Sogndal, facciamo l’ennesima deviazione per due mete, una culturale e una gastronomica. Prendiamo la statale 55 e percorriamo i 43 Km che ci permettono di raggiungere la cittadina di Luster.

Qui appena arrivati, ci fermiamo nel parcheggio per i clienti del panificio Lustrabui (impossibile non notarlo), considerato il miglior fornaio della Norvegia. È soprattutto per i dolci che qui la gente fa centinaia di chilometri per venirli a mangiare. Non ci sottraiamo neanche noi e oltre al pane compriamo vari tipi di dolci che mangeremo in seguito, oltre a quelli che, insieme ad alcune prelibatezze salate, consumiamo sul posto insieme a numerosi altri avventori.
Devo dire che la fama non è immeritata e consiglio vivamente la deviazione. Dopo aver nutrito il corpo, andiamo a visitare il secondo motivo della nostra venuta: la Dale Kyrkje. Questa è una piccola gemma medievale in pietra costruita nel 1250, per lo più in stile gotico. L’interno è molto bello, con vari dipinti risalenti al 500 e con un Cristo in croce che è il vanto della chiesa perché appartiene alla costruzione originale del 1250. Bellissima e da non perdere.

 Dale KyrkjeDale Kyrkje

Usciti dalla chiesa il tempo è nuovamente cambiato e tende a mettersi al brutto. Torniamo indietro fino a Sogndal e poi verso il traghetto di Manheller (50 Km), che in 15 minuti di navigazione - partenze ogni 20 minuti al costo per il trasporto camper fino a 7 metri 248 Nok – ci conduce a FODNES (N).
Prendiamo la E16 in direzione FLÅM (N). Arrivati presso Leardal, dobbiamo cambiare il nostro piano. Avevamo intenzione di andare a Flåm prendendo la via chiamata “strada della neve”, che le guide turistiche indicano come una delle più belle della Norvegia con panorami da favola e un po’ lunari, ma nel frattempo il tempo si è messo decisamente al brutto, con una pioggia insistente.
Dato che questa strada è data molto impegnativa e con pendenze davvero ragguardevoli, ripieghiamo imboccando il Lærdaltunnel, il tunnel più lungo del mondo, 24.500 metri (queste sono le coordinate di ingresso del tunnel N 61.06416 - E 7.50111). All'interno, ogni 6 Km ci sono delle aree di emergenza illuminate con luce di colore blu e altre sfumature, che danno l’impressione di essere fatte di ghiaccio.
Arrivati a FLÅM , 51 Km da Fodnes, andiamo a parcheggiare gratuitamente sul fiordo, in posizione splendida, N60,86506 E7,11735 (la notte non si può assolutamente pernottare, ci sono espliciti cartelli di divieto di sosta dalle 22.00 alle 6.00).
Il paese, situato nel braccio più interno del Sognefjord, non è gran che dato che è diventato un polo prettamente turistico dove si svolgono tutte le classiche attività per questo. Ma il suo interesse primario è dato dalla ferrovia Flåmsbana, conosciuta in tutto il mondo: parte da Flåm e termina a Myrdal; con i suoi più di 65 anni di vita e 20 Km di lunghezza, è una delle ferrovie più spettacolari essendo quella più ripida al mondo non trainata da fune o cremagliera. Attraversa 20 gallerie e supera cascate impetuose.
Vengono effettuate 9-10 partenze giornaliere con cadenza ogni 70 minuti con prima corsa alle 8.35 e ultima alle 19.45.
Andiamo ad informarci alla biglietteria, ma il costo di 590 Nok a testa ci fa riflettere sulla prenotazione per il giorno dopo. Se il tempo dovesse rimanere così non ce la sentiamo di buttare via 110 euro per non poter godere appieno dello spettacolo.
Decidiamo di rimandare ogni decisione all’indomani e ci spostiamo per la notte in un area di parcheggio sulla statale che avevamo visto venendo qui (N60.8725 E7.14444).

21 Luglio 2019 Domenica

Ci alziamo con un pessimo tempo, con nuvole molto basse che delimitano la visuale. Decidiamo così un po’ a malincuore di non fare l’escursione in treno ma altresì di provare a fare gli otto chilometri della famosa strada della neve che non fatta all’andata, che ci permettono di arrivare al punto panoramico di STEGASTEIN.
Qui le guide turistiche riportano la presenza di un belvedere che si sporge a strapiombo sul fiordo, con una passerella in vetro di alcuni metri che termina con una barriera trasparente inclinata di 30 gradi dove appoggiandovisi si ha l’impressione di precipitare. La strada è a tornanti stretti con le area per poter permettere il passaggio di mezzi che si incrociano; ha una pendenza di 8 gradi e quindi va affrontata con la giusta concentrazione.
Arrivati al piccolo parcheggio che troviamo già affollato di visitatori, parcheggiamo e ci rechiamo sulla pedana a sbalzo. Il panorama doveva essere davvero impressionante, doveva, perché delle basse nuvole impediscono la visuale oltre i 200 metri. Pensiamo di aver preso la giusta decisione a non fare il viaggio in treno, rammaricati però da quello che doveva essere lo spettacolo offerto, che gli squarci tra le nuvole ogni tanto ci fanno intravedere.

stegastein belvedereStegastein - belvedere

Tornati a Flåm , si riparte per Voss, fermandosi lungo la strada ad ammirare le belle cascate di Tvindefossen N60.725899 E6.490063.

Dopo qualche km e qualche galleria, accompagnati da una debole pioggia, si arriva a VOSS (N)(64 Km), per andare a visitare la sua chiesa medievale, che dicono essere la più bella di questa regione della Norvegia (si parcheggia nel parcheggio sul lago, accanto alla chiesa, N60.62777 E6.415).
Oggi non è giornata; l’orario di chiusura è alle 16.00 e noi siamo arrivati alle 16.15. Ci limitiamo a fare un giro intorno all’edificio e al suo cimitero, per poi ripartire alla volta di BERGEN (N)(106 Km).
Qui ci sarebbe una AA in Vilhelm Bjerknes vei 24, alle coordinate N 60.35462, E 5.35822; costa 200 Nok e si trova a 7 Km dal centro di Bergen. In alternativa c’è il Camping Bergen GPS:N 60.485223 E5.382318 /Travparkvegen 65, questo a 12 km dalla città, dove ci si sposta verso il centro con bus collegato, o anche il Camping Lone (N60,37373 E5,45759) sulla strada 580, ad alcuni km dal centro, collegato vicino al campeggio.
Dato che in ogni caso siamo comunque lontani dalla città optiamo per una soluzione alternativa, andando a fare sosta presso il grande parcheggio gratuito dell’Ikea di Asane, centro cittadino a 8 Km dal centro di Bergen (N60.4748 E5.33166)
Da qui tutti i giorni, ogni ora, con inizio ore 10.00, parte una navetta gratuita che porta con una sola fermata alla stazione centrale dei bus di Bergen in circa 20 minuti. Nel frattempo ha smesso di piovere ed è anche uscito un timido sole che ci fa ben sperare per domani.

22 Luglio 2019 Lunedì

Ci svegliamo con un tempo molto nuvoloso, ma comunque non piove, e ci accontentiamo. Alle 10.30 prendiamo la prima navetta disponibile della giornata che ci porta direttamente in centro.
La città di Bergen fu fondata nel 1066, si trova nella regione di Hordalan, tra il fiordo più lungo (Sogneford) e il più spettacolare (Handargerfiord). Bergen è detta la città più piovosa d'Europa, piove in media 270 giorni l'anno, per questo ci accontentiamo che ci sia solo un bel nuvolo.

Ci dirigiamo subito verso l’ufficio informazioni, dove acquistiamo la Bergen card, che oltre ai servizi di trasporto, fornisce anche molti sconti sulle visite turistiche. La tessera che facciamo ha valenza 48 ore e costa 360 nok (280 nok per 24 ore).
Iniziamo la visita della città fotografando i bellissimi edifici del quartiere Bryggen, un tempo al centro di un'intensa attività commerciale per essere stati la sede della lega Anseatica; tutto il quartiere è costituito da bellissime case di legno colorate ed allineate lungo la banchina. Anche se le case originali vennero per lo più distrutte da un incendio all'inizio del '700, le attuali mantengo la struttura e lo stile medievale.

bergen bellissime case colorateBergen - bellissime case colorate

Un tempo erano, come detto, la residenza di mercanti tedeschi, ora le sue stradine strette ospitano musei, ristoranti e negozi, frequentati da numerosi turisti che come noi qui si muovono affascinati. Visitiamo il Museo della Lega Anseatica, dove sono stati ricostruiti i luoghi della lavorazione del pesce, gli alloggi del mercante e le stanze dei lavoratori. La Torget, la piazza affacciata sul Vaagen (il porto), è il cuore della città; è molto animata grazie al grande mercato del pesce; in uno dei tanti ristoranti mangiamo un misto di pesce che comprende salmone, aringa e merluzzo. Buonissimo; domani replicheremo sicuramente. Bella la chiesa in pietra Maria Kirken: la visita è a pagamento, ma gratis per chi ha la card, come è a pagamento, ma libero ingresso per la card, il castello Hakians Hallen, e la Torre Rosenkrantz.
Visitiamo anche il Bryggens Museum che presenta un’ampia panoramica della storia della città, dalla sua fondazione alle trasformazioni avvenute nei secoli, soffermandosi in particolare sui vari aspetti della Bergen medievale, con ampia esposizione di reperti antichi trovati nei siti archeologici della città che mostrano oggetti e illustrano la vita delle persone che abitarono questa zona in passato.
Avremmo voluto visitare anche il museo più piccolo del mondo, il Thetamuseet, una stanza che ricostruisce il rifugio della resistenza clandestina all’epoca della guerra e scoperta dai tedeschi nel 1942, ma il museo è aperto solo di Giovedì, Sabato e Domenica.
La città e resa ancora più suggestiva dalla festa che vi abbiamo trovato, una manifestazione relativa alle scuole della marina. Nel porto ci sono circa una cinquantina di velieri di grandi dimensioni che provengono da paesi di tutto il mondo. È possibile visitarli salendovi a bordo ed è da questa posizione privilegiata che assistiamo anche alla parata delle varie scuole marittime che sfilano per la città cantando e ballando. Tutto il centro è addobbato a festa, in ogni angolo ci sono spettacoli musicali e di ballo. È stata davvero una giornata bella ed intensa.
Alle 19.00 riprendiamo la navetta gratuita che ci riporta all’Ikea, dove troviamo la zona adibita a parcheggio per i camper, praticamente piena.
Andiamo a letto soddisfatti, convinti che domani sarà ancora una buona giornata.

23 Luglio 2019 Martedì

Dato che oramai abbiamo la Bergen card, andiamo a prendere il bus N. 4 che passa a circa 200 metri dal parcheggio in modo tale da poter partire prima ed essere alle 10.00 all'ingresso del Museo della marina mercantile (anche questo gratuito perché compreso nella card). È veramente interessante e ve ne consiglio la visita. Proseguiamo poi per il Duomo o Bergen Domkirke, nato come Chiesa cattolica di Sant'Olaf durante la prima metà del XIII secolo e poi, visto che è arrivata l’ora di pranzo, ci dirigiamo al porto dove fa bella mostra di se il mercato del pesce (Torget Fisk).
Qui è possibile trovare il pescato del mare di Norvegia; c’è di tutto, dai pesci ai crostaci, ed inutile dire che è un gran via vai di persone. Ad ogni pescheria poi è associato un piccolo ristorantino dove è possibile mangiare quello che vediamo sui banconi. Siamo in Norvegia, e qui niente è a buon prezzo; ma per una volta ci lasciamo andare. Ci sediamo ai tavoli e ci gustiamo un enorme piatto di crostacei che vanno dall'aragosta alle cozze, dai gamberoni alle agostiniane e agli scampi, per finire con una grande testa di granseola che arricchisce il piatto.
È una esplosione di sapori, e neanche il prezzo (890 nok) ci toglie il buonumore.
Nel frattempo è arrivata una nave da crociera, e le vie della città sono diventate un “carnaio”, tanto che decidiamo di andare a visitare il Gamle museum, che si trova fuori città e che raggiungiamo con un comodo bus.
Questo è un museo all’aperto dove sono state riassemblate circa una cinquantina di abitazioni della fine del 700, e usate fine alla fine dell’800. All’interno si trovano tutti gli allestimenti originali dell’epoca ed in alcuni edifici ci sono anche dei figuranti che interpretano i ruoli della gente che vi abitò. Molto carino.

Gamle Bergen MuseumGamle Bergen Museum

Riprendiamo poi il bus per tornare in centro, e visto che la ressa è decisamente diminuita, saliamo sulla Fløibanen, la funicolare, che parte a 150 metri dal mercato del pesce e porta al punto più alto e panoramico della città. La Fløibanen raggiunge i 320 metri slm in 7 minuti.
Concludiamo la giornata assistendo ad alcune esibizioni di ballo che si svolgano ai margini della festa raccontata ieri. Alle 19.00 riprendiamo il bus gratuito dell’Ikea e ritorniamo al camper; stanchi ma ancora una volta soddisfatti.

24 Luglio 2019 Mercoledì

mappa bergen heddal

Lasciamo Bergen, ma in realtà ci spostiamo di poco (18 Km), per andare a vedere la chiesa in legno di Fantoft, (Stave church) che si trova a 6 km a sud della città N60,339495 E5,353429. Immersa in un bel bosco, è stata distrutta da un grave incendio negli anni 30 ma ricostruita rispettando l’originale. Il Cristo è l’unico pezzo datato 1300. Anche questa visita è compresa con la Bergen card e la visita risulta davvero interessante.

stavkirke di Fantoftstavkirke di Fantoft

Riprendiamo il nostro viaggio che dovrebbe condurci verso Oslo, ma naturalmente facciamo l’ennesima deviazione. Abbiamo letto di un posto che le guide turistiche giudicano come il più bel panorama della Norvegia e. quindi, non possiamo esimerci dall’andare a vederlo.
Prendiamo la 580 in direzione INDRE ARNA (N), per poi immetterci nella E16 e, giunti ad Vossevangen, la 13 fino ad Eidfjord. Da notare che per arrivare qui percorriamo un ponte ultramoderno che collega due lunghe gallerie dove al loro interno ci sono addirittura 2 rotonde che regolano il traffico (la strada è a pagamento – 150 nok). Giunti ad Eidfjord si devono percorrere ancora 6 km per arrivare alla nostra meta finale: KJEÅSEN (N).
Qui siamo davvero in un altro pianeta; ci sono solo due isolate fattorie e considerate che per arrivarci si deve percorrere una strada in salita con pendenza del 10%, attraversando una galleria di 2,5 chilometri di lunghezze ad una sola carreggiata che permette il transito in salita alle mezze ore, e quello in discesa alle ore.
Fino al 1976 qui non arrivava né luce né acqua e l’unica strada di accesso era una mulattiera che in alcuni punti era come le nostre ferrate. Talmente pericolosa che durante l’inverno, nel periodo scolastico, i ragazzi che abitavano qui e che la percorrevano due volte al giorno nel periodo estivo, erano costretti a rimanere al villaggio di EidfJord perché la strada diventava troppo pericolosa. Oggi qui vi abita solo una vecchia signora che vi vive isolata da oltre quarant’anni.
Una volta percorso il tunnel, si parcheggia in uno spazio adibito a tale scopo (N60.50583 E7.128611) abbastanza grande da non presentare problemi, per poi discendere un breve sentiero che si affaccia sul fiordo sottostante.

Kjeasen panoramaKjeasen - panorama

Sinceramente non so se questo sia il più bel panorama o meno della Norvegia, ma sicuramente si rimane incantati dallo spettacolo tanto che decidiamo di trattenerci quassù a pranzare un po’ dimentichi di tutto, passandoci anche buona parte del pomeriggio a passeggiare e raccogliere mirtilli.
A malincuore riprendiamo la strada percorsa, aspettando l’ora consentita per la discesa, e rimanendo attaccati ai freni più del consentito per la notevole pendenza della strada. A valle ci rimettiamo sulla 13 e subito dopo Odda, in direzione Sand, facciamo fermata obbligatoria ad ammirare le bellissime cascate Latefossen, 90 Km da Eidfjord. Si parcheggia nel piazzale apposito N59.948406 E6.583760 e si vanno a visitare le cascate. Queste non sono particolarmente alte, ma sono molto larghe ed il loro potente scroscio mette quasi paura. Data l’ora, sono le 19.00, decidiamo di trattenerci qui per la notte, come faranno alcuni altri camper, “cullati” dal fragore delle cascate.

cascate Latefossencascate Latefossen

25 Luglio 2019 Giovedì

Appena svegli percorriamo i pochi chilometri (7 Km) che ci separano dal camper service di coordinate N 59.90500,  E 6.61926 dove oltre allo scarico facciamo anche il pieno di acqua. 

Riprendiamo la E134 fino a Haukeligrend, per poi immetterci nella più piccola 9 e, 50 km dopo, nella Fv337.
Queste due strade sono quelle necessarie per arrivare al paese di LYSEBOTN (N), ma attenzione, sono davvero molto impegnative; oltre ad avere in alcuni tratti pendenza del 10%, sono anche a carreggiata ridotta, per cui è necessario utilizzare gli appositi slarghi per permettere l’incrocio con gli altri mezzi. Il traffico è sostenuto e ciò porta ad avere i nervi tesi; questa situazione dura per quasi 75 chilometri, con un viaggio, che in queste condizioni, dura più di 3 ore. Ciliegina sulla torta, a 12 Km dall'arrivo una vertiginosa discesa ancora del 10% corredata di 22 tornanti a gomito ed una galleria in forte pendenza che si avvita su se stessa, sono li a dare il colpo di grazia.
Se uno pensa che questa è poi anche l’unica strada per tornare indietro, verrebbe da dire che si ha piacere ad essere masochisti.
La verità è che, se si è disposti a sottostare a questo disagio, si viene ripagati da uno spettacolo indimenticabile, un paesaggio che mozza letteralmente il fiato, con laghi ovunque lungo il percorso, e dove non c'è acqua vi sono sassi arrotondati grandi e piccoli, con panorami suggestivi che invitano alla sosta e spiegano perché questa strada, nonostante così impegnativa, sia tanto trafficata; mai come questa volta la meta non è l’arrivo ma il viaggio.

LYSEBOTN scorcioLysebotn scorcio

Una volta poi arrivati a Lysebotn ci si rilassa nel piccolo porticciolo splendidamente affacciato sul fiordo godendo, se siete fortunati come noi, dello splendido, sole senza cercare di pensare al viaggio di ritorno.
Purtroppo però alla fine dobbiamo riprendere il percorso inverso con le stesse difficoltà rifacciamo la strada già percorsa, impiegando ancora una volta più di 3 ore per arrivare a Valle, sulla strada 9, andando a fermarci al campeggio Flateland (N59.24412 E7.47651) per godere di un meritato riposo.

26 Luglio 2019 Venerdì

Dopo un buon sonno partiamo prendendo la statale 45 che attraversa da ovest ad est la Norvegia, percorrendo 160 chilometri di sali scendi con discrete pendenze, per arrivare dopo circa 3 ore a HEDDAL (N) per visitare la più grande chiesa (Stavkirke, 8 € l’ingresso) duecentesca in legno della Norvegia (N59.57956 E9.17361 - divieto di sosta notturna).
La chiesa di Heddal si trova a 3 km dalla città ed è fuori dal comune. Dipinti e sculture sono piuttosto naif, riflettono una devozione rurale nella quale si mescolano la fede cristiana con le leggende norrene. Dentro è più piccola di quanto appaia da fuori, ma vale sicuramente il prezzo del biglietto.

Heddal StavkirkeHeddal Stavkirke

mappa oslo goeteborg

Siamo praticamente alla fine del nostro viaggio ed iniziamo l’avvicinamento verso il confine con la Svezia. Saltiamo Oslo, che avevamo già visitato in un precedente viaggio, e ci dirigiamo verso DRØBAK (N), parcheggiando sul porticciolo N 59.661388 – E 10.628055. Abbiamo ancora il tempo di visitare il centro dove c'è la piazza Torget con la casetta di Babbo Natale Tregaarden e l'ufficio postale dello stesso. Qui si trova la collezione permanente più grande della Norvegia in materia di Natale; si possono inviare cartoline con lo speciale timbro postale di Babbo Natale.

27 Luglio 2019 Sabato

Dopo tanto, prima nottata da bollino rosso, e la giornata che va ad iniziare sarà anche questa all’insegna del gran caldo. Ci apprestiamo ad effettuare l’ultima tappa del nostro tour in Norvegia: FREDIKSTAD (N).
Ci fermiamo presso l’area attrezzata Fredrikstad Gjestehavn, Dokka 1C, N 59.21417, E 10.92566, (150 nok per 24 ore ma è possibile pagare anche per le singole ore). Da qui, vecchio scalo portuale, percorriamo alcune centinaia di metri andando a prendere alla fermata dello stadio, il traghetto gratuito che ci condurrà nel centro della città e precisamente al quartiere di Gamlebyen sul fiume Glomma.
Questo era una città fortificata, nata come centro commerciale ma ben presto diventata presidio militare per difesa contro gli attacchi provenienti dal mare.
Il quartiere, fortificato nel 1700, conserva gli edifici di allora, che è possibile vedere percorrendo le sue larghe vie insieme agli innumerevoli turisti che provengono, anche per un solo giorno, da Oslo.
Personalmente sono rimasto ben disposto nel passeggiare per le sue vie alla scoperta degli edifici storici, ma assai deluso per come il quartiere è stato trasformato.
Tanto per intendersi, tutti gli edifici oggi non rappresentano più ciò che erano: nella vecchia prigione c’è un bar, il magazzino della polvere da sparo è diventato una galleria d’arte, la notevole casa Balaklava, stupenda con il suo tetto blu, residenza di un ricco mercante, è oggi un albergo. 

casa Balaklavacasa Balaklava

Tutto quello che vediamo è solo ciò che rimane esternamente, mentre non si può più accedere ai locali interni che sono stati riconvertiti. È vero che questo è ciò che è successo anche al famoso Bryggen di Bergen, ma là è rimasta inalterata l’atmosfera, mentre qui non è successo la stessa cosa.
Dopo essere ritornati al camper e aver pranzato, ci apprestiamo a sconfinare in Svezia, ma prima ci fermiamo poco prima della cittadina di frontiera SVINESUND (SE)(N59.129264 E11.272360), dove presso l’ufficio turistico è possibile, presentando la relativa documentazione, ottenere il rimborso dell’IVA per gli acquisti effettuati nei negozi che esponevano la dicitura “Tax Free”



Sbrigate le pratiche di rimborso, passiamo il confine con la Svezia e ci dirigiamo verso TANUM (SE), parcheggiando nel grande parcheggio vicino al museo N58.700748 E11.340148. Qui si trova la più grande roccia piatta di tutta la Scandinavia con incisioni rupestri dell’età del bronzo. Ci sono alcune delle incisioni più famose al mondo, tra cui quella dei due innamorati che sono riportate su tutti i libri di storia. Si visita poi la ricostruzione di un villaggio dell’età del bronzo, con molti figuranti che simulano la vita di allora.
È possibile fermarsi a parlare con loro e farsi spiegare le condizioni e i sistemi di vita. È stato tutto talmente interessante che ci siamo ritrovati alle 19.00 ancora stazionati qui.

Tanum incisioni rupestriTanum incisioni rupestri

Ripreso il camper ci spostiamo sull’autostrada e ci fermiamo alla prima area di sosta disponibile dove passare la notte.

28 Luglio 2019 Domenica

Ci rimettiamo in viaggio uscendo dalla autostrada e andando a percorrere la kustucigen, panoramica litoranea contrassegnata dalla segnaletica con un fiore bianco su sfondo marrone, raggiungendo FJÄLLBACKA (SE).
Ci sono diversi parcheggi misti, noi troviamo posto alle coordinate 58.598488/11.292522 e raggiungiamo il centro del paese. Questo è il gioiello di questa costa, nato nel XVII secolo come insediamento di pescatori di aringhe, è oggi meta balneare molto in voga fra gli svedesi. Il paese è dominato dalle pareti rocciose del Vetteberget, caratterizzato da una profonda spaccatura chiamata Kungsklftan, il "canyon del re", in onore del sovrano Oscar II che venne in visita nel 1887. Percorriamo la ripida scalinata di legno che conduce fino in cima alla collina, dove ci si presenta un fantastico belvedere su quest'arcipelago molto amato dall'attrice Ingrid Bergman, che possedeva una casa sulla vicina isola di Danholmen: Fjàllbacka le ha dedicato una piazza con tanto di statua proprio davanti al porticciolo, dotato di una bella passeggiata, che percorriamo dopo essere ridiscesi in paese. Accanto alla statua ci sono molte immagini fotografiche che raccontano la vita dell’attrice in riferimento ai suoi anni trascorsi qui.
Questi sono anche i luoghi dove la scrittrice Camilla Läckberg ambienta i suoi gialli. 
 
 FjallbackaFjallbacka
Subito dopo pranzo partenza per SMÖGEN (SE)(40 Km). Si tratta di una delle località più pittoresche di tutta la regione del Bohuslan, con file di casette colorate che spiccano fra le rocce in riva al mare ed un lunghissimo molo di legno sul quale si allineano negozietti, caffè e ristoranti. È davvero una piacevole passeggiata che conclude in modo degno la giornata. L’area di sosta si trova a 400 metri dal centro N 58.36325, E 11.23316, a pagamento, 200Nok, bella posizione ma manca il cs. Noi abbiamo parcheggiato nell'adiacente parcheggio (30 corone all’ora).

smoegenSmögen

Terminata la nostra passeggiata ci dirigiamo verso GÖTEBORG (SE), che visiteremo domani. Andiamo a fare tappa presso MÖLNDAL (SE)(50 Km), vicinissima a Göteborg, parcheggiando su uno splendido lago in un bellissimo ambiente 57.66232 12.05839. Quando arriviamo c’è ancora gente che fa il bagno e un po’ ci mette voglia di imitarli.

29 Luglio 2019 Lunedì

Partiamo per percorrere i 14 Km che ci separano da GÖTEBORG (SE), l’ultima nostra tappa in terra svedese. Siamo arrivati nella seconda città del regno e porto più importante del Nord Europa. Ci dirigiamo verso il campeggio Lisebergsbyn Karralund www.liseberg.se, a 7 km dal centro della città, ma risulta essere tutto occupato. Qui vicino c’è un’area attrezzata la Liseberg motorhome Park Skatås, dove ci sono 37 piazzole per camper con carico/scarico, corrente. N 57.70291, E 12.03460 (240 corone); ma mentre ci dirigiamo verso questa meta, notiamo un grande parcheggio dove hanno fatto sosta numerosi camper, anche con tendalino aperto.
Ci piazziamo qui, pagando il parcheggio fino a domani alle 10.00, 90 corone (9 € per 24 ore).
Al campeggio abbiamo comprato il biglietto giornaliero per poter usufruire dei mezzi pubblici di Göteborg (95 corone), e con questi ci presentiamo alla fermata del tram numero 5, 300 metri dal campeggio, in direzione stazione centrale.
Fondata nel 1621 dal re Gustavo II Adolfo in una zona acquitrinosa sulla foce del fiume Gota, da cui il nome, in origine la città era attraversata da numerosi canali oggi in buona parte interrati. Nel 1731 vi fu instituita la Svenska Ostindiska Companiet, Compagnia Svedese delle Indie Orientali, che in 82 anni di attività organizzò innumerevoli spedizioni in Cina per importare seta, tè, porcellane e mobili consacrando Göteborg nel ruolo di centro principale dei traffici marittimi nei paesi nordici, primato che detiene tuttora (la maggior parte del petrolio importato entra da qui).
Nell'800 nacque la vocazione industriale con l'apertura dei cantieri navali, che hanno giocato un ruolo determinante nell'economia locale fino alla chiusura avvenuta una trentina d'anni fa; e pur cessata la costruzione delle navi, l'industria di Göteborg continua a vantare grandi aziende come la Ericsson e la Volvo.
Pur contando oltre mezzo milione di abitanti, Göteborg mostra la rilassante atmosfera di un piccolo centro, che tiene alle proprie tradizioni ma allo stesso tempo è aperto al mondo. Una realtà decisamente a misura d'uomo e di famiglia, con numerosi parchi e giardini, servita da un'ottima rete di trasporti e caratterizzata da una grande vivacità culturale grazie alla presenza di due università, una ventina di musei e un modernissimo teatro dell'opera.
Prima di arrivare in centro scendiamo alla fermata di Liseberg, tappa imperdibile per chi viaggia con i bambini, in quanto qui c’è il parco dei divertimenti più grande e famoso di Svezia, inaugurato nel 1923, che attira ogni anno tre milioni di visitatori. La nostra meta è in realtà l'Universeum, uno spettacolare museo scientifico che ospita animali, la riproduzione di una foresta pluviale, acquari e divertenti postazioni per esperimenti pratici, anche questo un luogo di grande fascino per i più piccoli, ma che ha coinvolto anche noi grandi. Da qui con una breve passeggiata arriviamo alla Götaplatsen, su cui troneggia la fontana con la grande statua in bronzo di Poseidone realizzata dallo scultore Carl Milles: vi si trovano prestigiosi istituti culturali, fra cui lo Stadsteatern, la Konserthuset e il celebre Konstmuseet, il museo d'arte inaugurato nel 1925 che espone le opere dei più importanti artisti scandinavi, accanto a capolavori di Rubens, Van Gogh, Rembrandt, Monet e Picasso.

goeteborg paesaggioGöteborg paesaggio

Da qui riprendiamo uno dei numerosi tram per scendere poi sulla via principale di Göteborg, la Kungsportsavenyn (o più semplicemente Avenyn), costellata di negozi, caffè, ristoranti e gallerie d'arte, che punta diritta verso il porto ed è percorsa dai tipici tram bianchi e azzurri. Ci dirigiamo allo storico quartiere di Haga. Questo antico distretto, risalente alla metà del '600 e abitato originariamente da operai, negli anni '80 è stato completamente ristrutturato ed è oggi una delle zone più vivaci di Göteborg, con piccoli negozi di artigianato, ristoranti, deliziosi localini, strade acciottolate e le tipiche case a tre piani, il primo in pietra e gli altri due in legno.
Raggiungiamo Linnegatan, da dove prendiamo il bus 60 che sale verso la collina di Masthugget per andare a raggiungere l’imponente Masthuggskyrkan, una chiesa del 1914 da cui si gode uno splendido panorama sul porto e gran parte della città.
Per assaporare l'atmosfera della Göteborg marittima raggiungiamo il porto turistico di Lilla Bommen, al centro di una zona molto frequentata anche per lo shopping. A due passi si fa notare l’avveniristico Göteborgsoperan, il teatro dell'opera, uno dei simboli della vita culturale cittadina.
Dalla parte opposta dello scalo notiamo l'inconfondibile sagoma bianca e rossa del Göteborgs-Utkiken, un curioso edificio di 86 metri d'altezza che qui è conosciuto come Làppstiftet, "il rossetto". Sul lungofiume Packhuskalen si può invece salire a bordo del Maritiman, il più grande museo navale galleggiante del mondo, che comprende una ventina di navi storiche di vario tipo, fra cui un cacciatorpediniere e un sottomarino.
Ultima tappa, ma non la meno importante, la pittoresca Feskekôrka, la "chiesa del pesce", così chiamata per la sua architettura ma che in realtà è lo storico mercato ittico aperto dal 1874 sulla Rosenlundsgatan, e che entrando al suo interno ci si ritrova in una vera fantasia di sapori e odori che ti obbligano a fare spesa o farsi preparare piatti da consumare sul posto.

goetoborg chiesa del pesceGöteborg - chiesa del pesce

Stanchi ma soddisfatti ritorniamo verso la stazione centrale dove riprendiamo il tram n. 5, direzione Östra Sjukhuset, per andare a scendere alla fermata di Welandergaten, e È stata una giornata intenza ma soddisfacente.

30 Luglio 2019 Martedì

Dopo la sveglia andiamo a fare carico e scarico acqua alla vicina area di sosta ed iniziamo il percorso verso casa. Percorriamo la E6 fino a HELSINGBORG (SE), dove prendiamo il traghetto per HELSINGØR in Danimarca (101 €, praticamente la stessa cifra del ponte a Malmö fatta all’andata).
Dopo si prosegue per Kopenaghen, ma invece di andare a riprendere il traghetto per Puttgarden come all’andata, decidiamo di percorrere la E20 e fare il lungo e spettacolare ponte che da Korsør porta a NYBRO unendo l’isola di Zealand a quella di Fyn.
È davvero una grande opera di ingegneria la cui vista non ci fa pesare i pochi chilometri che dobbiamo percorrere in più.
Il resto del viaggio è solo routine, con l’entrata in Germania e rapide tappe di avvicinamento che ci riportano a casa.

 

Potrebbe interessarti anche

CAPO NORD in camper - il viaggio dei più -

Te la do io la SCANDINAVIA - estate 2017 -

Deep North in camper - 81 giorni on the road -

CAPO NORD E SCANDINAVIA - estate 2016

- Diario di viaggio in camper: Agosto 2015 alla scoperta di Capo Nord

Diario di viaggio in camper: Capo Nord, un sogno che diventa realtà

Diario di viaggio: SVEZIA E NORVEGIA del Sud IN CAMPER estate 2014

 

Commenti   

0 #2 Marzia 2020-11-12 15:34
Citazione Andrea C:
Apro il link per cercare info e qualche spunto (ho in programma di fare questo viaggio nel 2021) e cosa scopro?

Che lo ha scritto un mio concittadino!!!!! :eek:

E se ci trovassimo per fare due chiacchere e bere qualcosa? 8)


Inviamo un'email a chi ha redatto questo bel diario di viaggio e diamo il tuo indirizzo email per mettervi in contatto privatamente!
Citazione
+1 #1 Andrea Comin 2020-11-12 14:45
Bellissimo, avrei in programma il viaggio a Capo Nord la prossima estate (Covid permettendo :sad: )...
Sono di Follonica anche io, non è che potremmo scambiare due chiacchere assieme? :-* :lol:
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito 2 GUIDE gratis

appuntamento nella tua casella di posta elettronica il mercoledì

button restiamo in contatto newsletter 

x

Seguici su

facebook you tube instagram  telegram s

CAMP

camp vacanzelandia

CAMP è la nostra WEB APP per i camperisti e campeggiatori! Cerca la struttura più adatta a te... Scopri di più

banner NoiconVoiTOUR2020 450px

button gallery

button calendario

button meteo


button restiamo in contatto newsletter

Iscriviti alla Newsletter! 

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@


progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina