Menu

logo_mc_louis

Tandy 620

Diario di Viaggio in camper nel Friuli Venezia Giulia con tappa a Venezia

dal 14 al 24 settembre 2012

friuli con tappa a venezia

Ecco la vacanza di Paolo M., amico di Vacanzelandi@, che, con la moglie, ci porta alla scoperta del Friuli Venezia Giulia, passando per Venezia.
Componenti :

  • Paolo, pilota e addetto alla logistica
  • Maria Rosa, ideatrice e pianificatrice del viaggio, navigatrice e addetta alla cucina
Carburante 277
Pedaggi autostradali 60
Aree di sosta/campeggi/parcheggi 97
Chilometri percorsi km 1628
Consumo medio l/km 10
Ingressi musei 74
Traghetti e trasporti vari 96
Varie 35


Il viaggio alla scoperta del Friuli Venezia Giulia era già in programma da tempo, in quanto era una regione d'Italia che non conoscevamo e finalmente siamo riusciti a realizzarlo; ovviamente, ne abbiamo visto una minima parte, ma questo ci è servito per constatare che è una bellissima ed ospitale regione e che sarà opportuno ritornarci forse in tarda primavera o inizio estate.

Venerdì 14 settembre finito il lavoro verso le 18, caricate le ultime cose, lasciamo il rimessaggio e entrati al casello di Asti est della A21 puntiamo verso oriente.
L'idea è di viaggiare fino ad una certa ora e di sostare per la notte in autostrada in modo che domani saremo già prossimi alla meta.
Riusciamo ad arrivare nei pressi di Desenzano (BS), (km. 248), dove ci fermiamo per la cena e pernottiamo, la notte è stata un po' rumorosa come quasi sempre è sulle autostrade.
Sabato 15 settembre veglia verso le 7,30 , giornata bellissima dopo colazione riprendiamo il viaggio verso Pordenone che comunque non visiteremo, la prima tappa sarà :
Portobuffolè (TV) bellissimo centro medioevale posto ai confini della repubblica di Venezia dal quale transitavano via fiume le merci, merita sicuramente una visita.
Lentamenteci trasferiamo a:

portobuffole

Illustrazione 1: Portobuffolè

portobuffole_2Illustrazione 2: Portobuffolè

Sesto al Reghena (PN) dove ci attende un bel paese con una bellissima abazzia circestense, all'interno della stessa vi sono splendidi affreschi, il paese è contornato da canali e corsi d'acqua molto ben tenuti; in queste località e comunque in tante altre visitate del Friuli sono state realizzate bellissime piste ciclabili.

Sesto al Reghena - Esterno abbazia

Illustrazione 3: Sesto al Reghena - Esterno abbazia

Sesto al Reghena - Interno abbazia

Illustrazione 4: Sesto al Reghena - interno abbazia

Proseguiamo il nostro viaggio per Codroipo (UD) dove nella frazione, Passariano visitiamo la Villa Manin, bellissima struttura del 1700 dove all'interno sono stati allestite mostre e raccolte varie che meritano la visita. Sempre all'interno della villa nella cappella barocca assistiamo alla messa prefestiva .

Attigua alla villa esiste una area camper abbinata al parcheggio auto, l'area è discreta purtroppo non riusciamo a collegarci alla corrente ed effettuare c/s in quanto servono i gettoni che sono reperibili presso il locale bar ma quel giorno chiuso. Noi in realtà della corrente ne facciamo normalmente a meno. (km. 280)

Codroipo - villa Manin

Illustrazione 5: Codroipo - villa Manin

Codroipo - villa Manin - museo interno

Illustrazione 6: Codroipo - villa Manin - museo interno

Domenica 16 settembre sveglia verso le 7 giornata bella e temperatura piacevole, prima meta della giornata: Valvasone (PN), sicuramente quello che subito ci ha colpito all'arrivo, è l'area di sosta che abbiamo trovato, ai margini del paese presso un parco ben tenuto, dotata di illuminazione, c/s, utilzzo della corrente, complimenti a questa amministrazione comunale; il paese ha un centro storico molto bello, le case sono state restaurate con gusto, bellissime le pavimentazioni stradali. Nella valle del Tagliamento abbiamo visto immensi vivai di barbatelle esportate in tutto il mondo per la loro qualità.

valvasone_chiesa_san_pietro_e_paolo

Valvasone - interno chiesa san Pietro e Paolo

Illustrazione 7: Valvasone - interno chiesa san Pietro e Paolo

Valvasone - antico mulino ad acqua
Illustrazione 8: Valvasone - antico mulino ad acqua
Valvasone - centro storicoIllustrazione 9: Valvasone - centro storico

Il viaggio continua visitando il paese di Spilimbergo (PN), che ha un bel centro storico con palazzi di pregio ed un duomo in stile gotico.

spilimbergo_palazziIllustrazione 10: Spilimbergo: i suoi palazzi spilimbergo_interno del duomoIllustrazione 11: Spilimbergo: interno del duomo

San Daniele del Friuli (UD), paese molto bello, con una chiesetta tardo gotica intitolata a S. Antonio Abate nel cui interno si possono ammirare splendidi affreschi, ovviamente non sono mancati assaggi di quello che è tra i migliori prodotti al mondo “il prosciutto crudo” e come dicono da quelle parti, cosumato li è un'altra cosa.

San Daniele del Friuli - interno chiesa san Antonio Abate

Illustrazione 12: San Daniele del Friuli: interno
chiesa san Antonio Abate

San Daniele del Friuli - interno chiesa san Antonio Abate_1

Illustrazione 13: San Daniele del
Friuli: interno chiesa san Antonio
Abate

Gemona (UD) e Venzone (UD) una visita a questi due paesi a distanza di più di trent'anni dal terremoto, che li aveva distrutti, è stato quasi d'obbligo.
Il museo allestisto nel centro storico di Gemona documenta in modo perfetto il dramma e la volontà di ricostruire, di ripartire della gente del Friuli.

Gemona come si presenta oggiIllustrazione 14: Gemona : come si presenta oggi

Gemona_immagini_terremotoIllustrazione 15: Gemona: in quei terribili giorni Gemona_immagini_terremoto_1Illustrazione 16: Gemona : il disastro
dopo il terremoto.
Venzone paese ristrutturato post terremotoIllustrazione 17: Venzone: Un paese completamente
rinato dopo il terremoto

Venzone_museo_mummie

Illustrazione 18: Venzone: Museo delle
mummie

Tarcento (UD) la notte la passiamo nella funzionale area di sosta di questo bel paese, anche esso segnato da quel maledetto terremoto. (km. 117)
Lunedì 17 settembre dopo una notte trascorsa nella tranquillità e quiete, al risveglio ci attende una giornata , soleggiata e calda. La nostra prima tappa è
Udine, una citta ordinata e tranquilla purtroppo essendo lunedì troviamo quasi tutto chiuso, passegiando per le vie della città osserviamo i bei palazzi e l'elegante piazza della libertà, nell'oratorio della Purità scopriamo i meravigliosi dipinti di Gian Battista e Gian Domenico Tiepolo. Lasciata Udine ci dirigiamo a,

Udine - la loggia del Lionello

Illustrazione 19: Udine: la loggia del Lionello

Udine - Affresci del Tiepolo

Illustrazione 20: Udine: Affresci del Tiepolo figlio nell'oratorio della Purità

Cividale del Friuli (UD) antica capitale del regno longobardo, centro posto sulle rive del Natisone. Questo paese merita sicuramente un visita accurata in quanto riserva scoperte interessantissime tra le quali il “Tempietto Longobardo”, un gioiello sul quale merita soffermarsi e dedicarci tutto il tempo necessario. Verso le 16 riprendiamo il viaggio verso uno di quei paesi che ,come noi che siamo sulla sessantina, abbiamo sentito per diverse volte ripetere da parte dei nostri nonni:

Cividale del Friuli_ rocca_sul_fiume_natisone

Illustrazione 21: Cividale del
Friuli: Rocca sul fiume Natisone

Cividale del Friuli_ Palazzo comunale


Illustrazione 22: Cividale del Friuli: Palazzo
comunale

Caporetto (SI) oggi purtroppo Kobarid in quanto facente parte della repubblica Slovena. Prima di sera visitiamo il Sacrario dove riposano molti caduti morti nella 1° guerra mondiale. Anche se sono trascorsi quasi cento anni, chi visita questi luoghi non riesce a evitare una stretta al cuore e momenti di riflessione per quello che sono state e saranno sempre le guerre, li in quelle tombe migliaia di figli, migliaia di padri hanno visto sfumare la loro vita....... è ora che riflettiamo un po di più. La notte la passiamo nel vicino campeggio Koren posto sulla sponda sinistra dell'Isonzo. (km. 72)

caporetto_sacrario

Illustrazione 23: Caporetto:
Sacrario

caporetto_museo_prima_guerra_mondiale

Illustrazione 24: Caporetto: Museo
della 1° guerra mondiale

caporetto_fiume_isonzo

Illustrazione 25: Caporetto:
il fiume Isonzo

Martedì 18 settembre al risveglio un po' di nebbia avvolge il campeggio ma già nella prima mattinata scompare per lascire il posto ad un caldo sole. Io mi alzo abbastanza presto e dedico un paio di ore a visitare, lungo le sponde dell'Isonzo e sulle alture attigue fortificazioni e trincee fatte dai nostri alpini, meritano sicuramente la visita.
Una cosa che ho notato ed è bellissimo, è il colore verde smeraldo del fiume che scorre in un alveo che nei millenni ha scavato nella roccia, creando giochi d'acqua incredibili.
Nella stessa mattinata visitiamo il museo della grande guerra. Riprediamo il viaggio e percorrendo la verdissima valle dell'Isonzo ci dirigiamo verso Gorizia che, visitiamo abbastanza velocemente, in quanto la nostra meta è di raggiungere il Sacrario di Redipuglia (GO) in tempo per l'ammaina bandiera ed il silenzio. Non mi dilungo a descivere questo luogo, ognuno di noi visitandolo potrà trarre le proprie conclusioni, ma è certo che qui riposano centomila soldati.

redipuglia_sacrario

Illustrazione 26: Redipuglia: Sacrario

redipuglia_particolare_sacrario

Illustrazione 27: Redipuglia: particolare del
sacrario

redipuglia_Tomba del duca aosta

Illustrazione 28: Redipuglia: Tomba del
Duca d'Aosta

Riprendiamo il viaggio in quanto prevediamo di passare la notte alle sorgenti del Timavo (TS), fiume che nasce in Slovenia, si inabissa sotto le montagne e compare nuovamente a poche centinaia di metri dal mare a Duino fraz. San Giovanni  (TS) dove passiamo la notte, una piccola area, quasi un parcheggio, che un gentile signore li incontrato, ci ha consigliato ed inoltre ci ha indicato cosa andare a vedere il giorno successivo. (km. 104).

duino_sosta_consigliata

Illustrazione 29: Duino: Sosta consigliata

Duino il Timavo

Illustrazione 30: Duino: il Timavo

Mercoledì 19 settembre, sveglia verso le 7 e dopo colazione andiamo a visitare la chiesa di San Giovanni in Tuba, le sorgenti del Timavo e dopo una bella passeggiata il Villaggio dei Pescatori; al ritorno facciamo una breve sosta al sito paleontologico scoperto alcuni anni or sono. Posteggiato il camper vicino al Castello visitiamo attentamente il castello di Duino, molto bello ed interessante. Dopo pranzo facciamo la bellissima passeggiata Rilke, a strapiombo sul mare, che da Duino raggiunge Sestiana, purtroppo il ritorno abbiamo dovuto prendere l'autobus a causa di un forte temporale.

Duino Fossile di dinosauro

Illustrazione 31: Duino: Fossile di
dinosauro

Duino_il castello

Illustrazione 32: Duino: il castello

duino_il vecchio_castello

Illustrazione 33: Duino: il vecchio castello

duino_scala interna al castello

Illustrazione 34: Duino: scala interna al
castello

Duino_paolo_mussoIllustrazione 36: Duino: forse sia
il castellano?

Duino_Maria_rosa

Illustrazione 35: Duino: veduta della passeggiata Rilke
dal castello di Duino

Riprendiamo il camper e ci dirigiamo verso Trieste dove troviamo la possibilità di sostare tranquillamente in via Ottaviano Augusto a tre metri dal mare e a cinque minuti dal centro, per tutta la notte e parte del giorno seguente. (km. 32)
Giovedì 20 settembre, abbiamo passato una notte splendida anche se fino ad un certa ora vento ed acqua ci hanno tenuti allegri, la giornata è nuovamente splendida, con un bel cielo blu, dedichiamo la mattinata ed il primo pomeriggio alla visita della città, direi che ci è piaciuta moltissimo, veramente molto bella , una cosa da non dimenticare è la visita al museo Revoltella.

Trieste Piazza Unita d Italia

Illustrazione 37: Trieste: Piazza Unità d'Italia
in notturna

Trieste Interno chiesa di san Giusto

Illustrazione 38: Trieste Chiesa di san Giusto

 

Trieste  Interno chiesa serbo-ortodossa di san SpiridioneIllustrazione 39: Trieste: Interno
chiesa serbo-ortodossa di san
Spiridione

Trieste Interno chiesa di san Giusto

Illustrazione 40: Trieste: Interno chiesa di san
Giusto

Nel pomeriggio costeggiando sempre la costa facciamo una piacevole giro a Muggia, Piran (Pirano), Portoroz (Portorose) ed una più accurata visita alle saline di Sicciole (SI) dove abbiamo comprato prodotti ottimi, ovviamente a base di sale.

saline_sicciole

Illustrazione 41: Saline di Sicciole

FVG_tramonto_adriaticoIllustrazione 42: Tramonto
sull'Adriatico

In tarda serata ritorniamo in Italia e per la notte ci fermiamo in compagnia di altri camper in un parcheggio posto a pochi metri dall'ingresso del castello di Miramare (TS). (Km. 146)

Trieste_sosta_Miramare

Illustrazione 43: Trieste: sosta a
Miramare

castello_miramare

Illustrazione 44: Trieste: castello di Miramare

Venerdì 21 settembre sveglia verso le sette, anche oggi il sole illumina già il mare, verso le 9 ci avviamo a visitare il castello ed il parco di Miramare che sorgono in luogo bellissimo, terminata la visita, proseguiamo il nostro viaggio alla volta della riserva naturale della Foce dell'Isonzo (GO) che sicuramente per chi è amante della natura e della fotografia è un posto ideale da visitare.

Grado Parco naturale foce Isonzo Grado Parco naturale foce Isonzo_maria_rosa
Grado Parco naturale foce Isonzo_paolo_musso Grado uccelli acquatici e cavalli alla foce Isonzo

Abbiamo percorso i sentieri tra le paludi ed il fiume, ammirando uccelli acquatici di tutti i tipi e i famosi cavalli bianchi originari della Camargue; un piccolo ecomuseo descrive gli animali presenti e la storia del parco.
Pranziamo in un'area li allestita e dopo proseguiamo per, Aquileia (UD) , antico porto fluviale Romano. Parcheggiamo nella bella area di sosta a due
passi dal centro storico. Già nella serata visitiamo parte di questo centro che è sicuramente splendido. (Km.74)

Sabato 22 settembre, dopo una notte tranquilla in compagnia di altri camper, riprendiamo la visita agli scavi ed a quello che rimane del porto. Il programma prevede che nel primo pomeriggio dovremo trovarci a Venezia per incontrare nostro figlio con la fidanzata e quindi non ci resta che ad una certa ora riprendere il viaggio, sicuramente in questo luogo dovremo ritornarci.

aquileia_basilica

Illustrazione 49: Aquileia: basilica

Aquileia basilica in notturna

Illustrazione 50: Aquileia: basilica in notturna

Aquileia Interno della basilica

Illustrazione 51: Aquileia: Interno della
basilica

Aquileia pavimento a mosaico della basilica

Illustrazione 52: Aquileia: pavimento a
mosaico della basilica

Aquileia Pavimento a mosaico

Illustrazione 53: Aquileia: Pavimento a
mosaico

Aquileia Il foro romano

Illustrazione 54: Aquileia: Il foro romano

Le foto sono lo spunto per dare un'idea di massima di quello che sicuramente è un patrimonio unico al mondo, nel suo genere.

Aquileia Il foro romano

Illustrazione 55: Aquileia: il Foro romano

Aquileia resti del porto fluviale

Illustrazione 56: Aquileia: Quello che rimane del
porto fluviale

Verso le 13 siamo al bellissimo “campeggio Venezia”in via Orlanda di Mestre a 10 minuti di autobus da piazzale Roma. (Km.129)
Venezia, ovviamente non mi dilungherò sui due giorni passati in questa bellissima città che tutti sicuramente già conoscono ma che ogni tanto è comunque piacevole ritornarci.

venezia_piazza_san_marcoIllustrazione 57: Venezia: piazza San
Marco
venezia_scorcioIllustrazione 58: Venezia: una dei
tanti squarci di Venezia
venezia_burano_immagini_riflesseIllustrazione 59: Venezia: Immagini
riflesse a Burano
venezia_burano_i_coloriIllustrazione 60: Venezia: i colori di Burano

Lunedì 24 settembre verso le 10 lasciamo il campeggio e ci dirigiamo verso casa..Il viaggio si svolge senza problematiche ma consapevole che una bellissima vacanza sta per finire, peccato !!!! (Km.420)
Conclusioni
Quanto riportato vuole essere solo un piccolo spunto per una vacanza, lasciando a chi fosse interessato il piacere di scoprire curiosità ed aspetti piacevoli di queste località; a noi è piaciuta, il tempo è stato molto bello, è stata una bella e rilassante vacanza in posti che veramente meritano, noi non conoscevamo il Friuli Venezia Giuglia, sicuramente ci ritorneremo e ci sentiamo autorizzati di suggerire a tutti gli amanti della natura, della storia e dell'arte una vacanza in queste località.
Saluti a tutti ed alla prossima.
Paolo e Maria Rosa
da Asti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Alcuni dettagli utili:
Punti di sosta notturna

LOCALITA' TIPOLOGIA AREA SOSTA COORDINATE COORDINATE
Autostrada milano -Venezia Area di servizio

45°26'51.98”N 10°31'40.92”E
Codroipo ( fraz. Passariano) Area sosta camper 45°56'48.93”N 13°00'30.57”E
Tarcento Area sosta camper 46°12'52.21”N 13°13'31.27”E
Caporetto (Kobarid) Campeggio Koren 46°15'06.09”N 13°35'12.63”E
Duino Parcheggio 46°47'19.36”N 13°35'29.46”E
Trieste Parcheggio 45°38'48.18”N 13°45'20.91”E
Trieste (Miramare castello) Parcheggio 45°42'03.96”N 13°43'19.12”E
Aquilea Area sosta camper 45°76'57.83”N 13°36'93.83”E
Venezia Campeggio Venezia 45°28'49.69”N 12°16'29.52”E

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito 2 GUIDE gratis

appuntamento nella tua casella di posta elettronica il mercoledì

button restiamo in contatto newsletter 

x

Seguici su

facebook you tube instagram  telegram s

CAMP

camp vacanzelandia

CAMP è la nostra WEB APP per i camperisti e campeggiatori! Cerca la struttura più adatta a te... Scopri di più

banner NoiconVoiTOUR2020 450px

button gallery

button calendario

button meteo


button restiamo in contatto newsletter

Iscriviti alla Newsletter! 

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@


progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina