Menu

Capodanno sulle dune in camper: Tunisia e Sahara

Tunisia collage

Daniela e Vittorio condividono la loro esperienza di viaggio in camper alla scoperta del fascino della Tunisia. Un itinerario realizzato durante le vacanze natalizie: un perfetto connubio tra antiche tradizioni, il fascino del deserto, mercati colorati, luoghi storici e paesaggi unici ma soprattutto un viaggio che regala tante emozioni in questo Paese nordafricano.
Organizzatori e accompagnatori di questo viaggio è il tour operator Avventuriamoci.
 

“Dio ha creato terre coperte di acque perché l'uomo le abitasse, poi ha creato il deserto perché l'uomo vi trovasse la sua anima.”
(Proverbio thuareg)

25/12/2018

Partiamo subito dopo il pranzo di Natale da casa in direzione Civitavecchia (RM), ma strada facendo ci troveremo con Sergio, l'organizzatore di Avventuriamoci.com, Anna e Angelo (Torino), Wania e Claudio con i figli Mattias e Nicholas (svizzeri), Ivano e Roberta (parte dei nostri compagni di viaggio), ci fermiamo per la cena in Toscana a San Vincenzo in un autogrill, mentre aspettiamo l'arrivo di tutti ceniamo e poi ci troviamo tutti sul camper di Anna e Angelo per mangiare panettone e liquorini vari. Tutti arrivati andiamo a nanna domani dobbiamo essere in porto entro le 12.00 quindi 3 ore prima della partenza. Notte poco tranquilla eravamo vicino ad un canile, i cani hanno abbaiato tutta la notte (io ho dormito lo stesso, gli altri meno).

tunisia camper

26/12/2018

h. 8.00 siamo pronti per gli ultimi km che ci separano da Civitavecchia. Colazione tutti insieme al bar, si parte e arriviamo in porto con abbondante anticipo, troviamo gli altri compagni di viaggio, ci presentiamo, attacchiamo gli adesivi di riconoscimento e il numero che dovremo mantenere in viaggio. Ci imbarchiamo sulla Catania, nave della Grimaldi Lines, prima di salire nei saloni ci prepariamo pranzo in camper, pranziamo tranquillamente, la nave è piena di tunisini che tornano al paese, macchine tremendamente cariche, non ho idea di come abbiano potuto viaggiare in Italia con un carico di quel genere sopra e dentro i loro mezzi sia di persone che di oggetti. Saliamo alla reception e ci assegnano la camera, per terra c’è già di tutto, materassini, persone scalze, valigie, bambini urlanti, cibo, il decoro sicuramente l'hanno lasciato a casa, mi sa che sarà un lungo viaggio, qui siamo davvero in minoranza noi italiani. La cabina pulita e decorosa, ma la doccia me la farò nel mio camper. Partiamo in perfetto orario, il mare è tranquillo per fortuna, ma una dei nostri compagni di viaggio si sente male e sviene, prontamente soccorsa dal personale di bordo. Ceniamo tutti insieme al self service della nave, ma facciamo a turno sui tavoli perché intorno a noi intere famiglie di tunisini bivaccano sui divanetti e non si spostano per lasciare spazio a chi deve cenare. Dopo cena lasciamo spazio agli altri e torniamo in camera, devo fare la puntura a Vittorio per la schiena, poi ci rilassiamo comodi nei nostri letti che purtroppo sono separati. La camera ha l'aria condizionata sparata a 1000 dobbiamo dormire belli coperti fin sopra le orecchie. Buonanotte. Notte tranquilla.

traghetto tunisia mare

27/12/2018

Ci alziamo, svuotiamo la camera che la dobbiamo già lasciare libera, e andiamo a fare colazione. Compiliamo i documenti richiesti per lo sbarco sia personali che per il camper.
Arriviamo al porto di TUNISI La Goulette (TN) con 2 ore di anticipo, facciamo dogana e cambiamo gli euro in dinari tunisini, il cambio € 0,34=DT 1.00, cambio 350€ mi danno un pacco di dinari impressionante. Finito di sbrigare le formalità, che ci hanno preso oltre 2 ore, usciamo in colonna diretti al primo distributore tunisino per fare gasolio, siamo in riserva, facciamo il pieno con 120 DT=€ 35.00, imbocchiamo un primo tratto di autostrada e poi proseguiamo su strada nazionale, attraverso un territorio ricco di ulivi e mandorli. Ci fermiamo strada facendo per pranzare velocemente ognuno sul proprio camper. Km 170 - Arriviamo a KAIROUAN (TN) all'hotel Continental, dove parcheggiamo nell'area a noi riservata con corrente (prese multiple su singole colonnine) c/s. Visto l'anticipo della nave abbiamo il tempo di conoscere la nostra guida, Omran, che ci porta ad acquistare le carte telefoniche locali dato che i costi di utilizzo delle nostre sono proibitivi € 6,10 al minuto. Paghiamo DT 33 per internet 30 GB e voce Oredoo, utilizzeremo il mio vecchio cellulare come router comodissimo e sempre ben servita. Nel frattempo con 2 dinari compro anche banane mandarini e arance. Omran ci propone una cena a base di pesce in un ristorante di sua conoscenza, ma solo una parte di noi di aggrega, gli altri vanno in un altro locale con Sergio. Noi, Alessandra e Lorenzo, Anna e Angelo, Ivano e Roberta, andiamo a mangiare con Onmran, insalata tunisina, harissa (salsina rossa peperoni rossi e aglio molto piccante), tonno, olive, mechouia (salsina di peperoni verdi piccantissima) branzino alla griglia freschissimo con patate fritte e caponata tunisina, brick a l'oeuf, spremuta d’arancio, tutto buonissimo € 15.00 a testa. Torniamo in camper e finiamo la serata con il resto del gruppo fra amari, liquori e delizie.
Buona notte.

28/12/2018

kairouan

Colazione e poi assaggiano i macrud (makroudh), dolce tipico di Kairouan che ci porta Omran.
Andiamo a visitare la città che è famosa per i suoi tappeti ed i suoi dolci (macrud), è la quarta città Santa, in quanto è stata la città ad essere sede della prima moschea islamica del nord Africa, è sede di scuole islamiche e di numerose facoltà universitarie. Il tempo è scandito dal richiamo del muezzin alla preghiera per 5 volte al giorno. Visitiamo la moschea e, noi donne copriamo il capo con il foulard che è obbligatorio, chi non lo ha può prenderlo in prestito. Omran ci accompagna dentro la città vecchia, visitiamo anche un forno antico che fa il pane, a detta loro, più buono della città Kairouan.

kairouan citta vecchia sciarpe

Acquistiamo delle sciarpe di seta-cotone tessute con il telaio a mano, caduna DT 20, è inoltre conosciuta per il commercio dei tappeti, fabbricati da cooperative di donne e dalla produzione artigianale di dolci a base di mandorle, fichi, e datteri. Visitiamo una fabbrica di tappeti, ci offrono the verde alla menta, e intanto mi faccio incantare da un bellissimo kilim (tappeto tessuto a mano con motivi geometrici)  originale con tanto di certificazione statale €150.00 (dagli iniziali 500€ richiesti). Torniamo in camper pranziamo ognuno sul proprio e quando è ora di partire, scopriamo che un equipaggio passando su un tombino dell'hotel, con il proprio mezzo, è rimasto incastrato con
la ruota e quindi tutti quanti ad inventarsi un modo per aiutarlo. Si parte dirigendosi a sud/est dove raggiungeremo le straordinarie oasi di montagna (CHEBIKA) km 327. Ci sistemiamo in fila in un piazzale autorizzato ma senza servizi, diamo ad alcuni bimbi vestiti e scarpe che avevamo portato proprio da regalare. Bellissima vista, siamo nel deserto, nulla intorno solo montagne e palme, ceniamo e ci riposiamo in camper.

tunisia camper parcheggiati

29/12/2018

Dopo colazione visitiamo l’OASI DI CHEBIKA, scopriamo con grande sorpresa come l'acqua che sgorga dalle rocce calda possa creare un angolo di paradiso in questa regione arida e ostile.
Saliamo sulle rocce e ci infiliamo in anfratti stretti che superati ci aprono allo sguardo dei bellissimi scorci, scendendo in ogni angolo sbucano venditori di souvenir, quarzi ecc. Molto bello e suggestivo questo scenario. Torniamo in camper pronti per spostarci all'OASI DI TOZEUR, in un ex Campeggio sotto le palme e limoneti, sabbia finissima, con corrente c/s. Ci piazziamo e decidiamo di mangiare a pranzo tutti insieme, quindi giù tavoli e sedie e via alla condivisione.

oasi tozeur pranzo gruppo

Alle 15.30 con i calesh visitiamo il palmeto dell’oasi dove scopriamo come l'uomo ha saputo sfruttare al meglio il terreno, sfruttando l'ombra delle palme per coltivare altre numerose specie di piante.

tunisia tozeur
A TOZEUR si costruiscono a mano piccole tessere di terracotta che vengono utilizzate nella costruzione delle facciate delle case, hotel ecc questi mattoncini vengono disposti in modo da comporre versetti del Corano, la città assume un aspetto ordinato,quasi moderno, molto bello, questi mattoncini sono fatti da (mastri ceramisti) ragazzi che di generazione in generazione imparano e poi tramandano questa tradizione che troverete solo a Tozeur. Visitiamo il souk con i suoi negozietti di souvenir e di artigianato locale. Facciamo acquisti, i promessi narghilè (detto anche Shisha, è uno strumento per fumare tabacco) per le ragazze e poco altro. Ritorno in taxi 3 DT x 4 persone.
Ceniamo tutti insieme e poi chiacchiere sotto le stelle e le palme, ma la temperatura diventa molto fredda e torniamo in camper per la notte.

30/12/2018

Dopo colazione lasciata l'oasi di Tozeur, attraversiamo il lago salato, il bianchissimo CHOTT EL JERID, ci fermiamo in mezzo al lago a vedere i resti di un bus che si era impantanato fuori dalla pista segnalata, facendo il suo stesso percorso, ma noi lo facciamo senza che abbia piovuto e quindi la pista è compatta e sicura.

tunisia Chott el Jerid bus abbandonato

Raggiungiamo l'OASI DI DOUZ, parcheggiamo i camper al Camping Desert Club vicino al centro di Douz, ci piazziamo carichiamo acqua e scarichiamo dato che la prossima tappa del deserto non prevede questi servizi, facciamo pranzo tutti insieme ognuno porta qualcosa e il sole è bello caldo la giornata promette bene . Al pomeriggio
visitiamo questa piccola cittadina, la piazza del mercato con i suoi portici che danno ombra ad una miriade di piccole attività, acquistiamo piatti e vari souvenir, vediamo gli artigiani costruire sotto i nostri occhi le babouch (tipiche calzature in cuoio), dopo il tipico richiamo alla preghiera del muezzin, saliamo sulla terrazza di un bar per attendere il
tramonto sorseggiando un tè alla menta.

tunisia pezzi cammello

Al ritorno assistiamo alla festa di un matrimonio dalla parte della sposa, noi donne veniamo invitate a parteciparvi per loro è un onore, ci coinvolgono nei balli insieme ai loro invitati, gli uomini possono solo sbirciare attraverso la porta dalla strada, il luogo della festa è presidiato dai parenti maschili della sposa. Prenotiamo la cena in un ristorante in centro, tutti insieme, cena a base antipasto tunisino con l'imprescindibile harissa e insalata mechouia, cous cous, shorba e l'immancabile tè alla menta 20 DT a testa. torniamo a piedi in campeggio e ci fermiamo sotto il porticato a fare quattro chiacchiere insieme.

Poi tutti a nanna.

31/12/2018

Dopo aver fatto colazione. al mattino con i camper su strada asfaltata ci inoltriamo nel Sahara tunisino per recarci all'OASI DI KSAR GHILANE attorniata dalle Dune di sabbia punto il paesaggio diventa, man mano che ci inoltriamo nel deserto, surreale, sembra impossibile che in questa terra così inospitale che sia la presenza dell'uomo, poi all'improvviso in mezzo al deserto appare una grande macchia verde che ci indica che siamo in prossimità di un oasi e quindi di acqua! È un'oasi molto particolare in quanto non è un'oasi naturale ma bensì creata dall'uomo che durante la trivellazione alla ricerca di giacimenti di gas e petrolio a invece ho scoperto una grande riserva d'acqua, quest'ultima è ormai da circa 70 anni che raggiunge la superficie e irrigando la zona vicina a formato un palmetto e di conseguenza l'Oasi attuale.
Arriviamo al Camping La Source Ksar Ghilane parcheggiamo i nostri camper sulla sabbia finissima, intorno a noi solo dune di sabbia, dromedari, tende e centinaia di quad pronti a scorrazzare sulle dune.

ksar ghilane

Dopo aver parcheggiato il camper e sistemato la corrente, ci prepariamo il pranzo. Alle 14.30 ci attende un bellissimo giro in quad sulle Dune, il costo del quad per due
persone è di 80 dinari per un giro di un'ora. Fra le dune raggiungiamo anche la Fortezza della legione straniera ormai distrutta. Ci fermiamo a fare foto tutti insieme, punto il ritorno in quad è un po' più semplice ormai Vittorio ci ha preso la mano all'andata un paio di volte abbiamo rischiato di dare il giro fuori pista. Al ritorno gli uomini, non soddisfatti del giro con noi donne al seguito, decidono di prenotarsi un altro giro da soli, alle 16.30 cinque di loro prenotano un giro sulle Dune vergini e ripide, non sulle piste, con la guida costo di questo giro in quad per una persona 70 dinari, al ritorno sono tutti entusiasti della loro avventura, anche se qualcuno ha veramente dato il giro, ma non si fanno nomi. Ci vediamo al bar dell'Oasi di fianco al laghetto artificiale di acqua calda dove alcuni di noi fanno il bagno termale, noi preferiamo un aperitivo in attesa del cenone di Capodanno che ci aspetta sotto la tenda berbera.

cena capodanno tunisia
Ci prepariamo di certo non con vestiti da serata, ma con maglioni e pantaloni pesanti ci dirigiamo al tendone dove è stato approntato un grande braciere per riscaldare l'ambiente, ma che non scalderà per tutta la serata, tanto che ad un certo punto le temperature non saranno tanto alte. Il cenone di Capodanno sarà come al solito con i loro piatti tipici.
L’harissa con olive, la shorba, il cous cous di agnello e di pollo e un dolce portato da Avventuriamoci ed il dolce della casa, naturalmente il vino lo portiamo noi, qui non è consentito servirlo. La serata è inoltre allietata da uno spettacolo tipico tunisino, che all'inizio fa piacere seguire ma, dopo un po' di volte che passa vicino ai nostri tavoli diventa un po' pedante, ma ci divertiamo lo stesso soprattutto nel prendere in giro il tipo che balla. Tra balli, cena e risate ed anche qualche canto di gruppo in tipico stile da trattoria italiana, con annessa gara di canto con un tavolo di tunisini, arriva la mezzanotte festeggiamo anche con i tunisini ma alla fine la temperatura sotto il tendone è alquanto fresca, quindi decidiamo di comune accordo di tornare tutti ai nostri camper. Buon anno 2019 a tutti.

01/01/2019

Dopo gli auguri, colazione e giro a piedi fra le Dune, naturalmente con tutte le foto di rito che saranno di ricordo di questo viaggio nel Sahara.

deserto daniela vittorio

Alcuni si apprestano ai tour in dromedario, chi non l'ha fatto ieri, al Tour in quad, noi girovaghiamo per l'Oasi e facciamo acquisti di qualche souvenir. L'oasi e i suoi dintorni si presta molto bene per poter fare delle passeggiate a piedi, sotto le palme, oppure sulle dune, l'esperienza è indimenticabile.

Con Sandra e Massimo facciamo un giro e poi pranziamo al ristorante dell'Oasi, esageriamo un po' sull'ordine di piatti tipici, prenotiamo due piatti di cous cous, uno di montone e l'altro di pollo, due piatti misti con pollo e patate fritte, che si riveleranno enormi e anche due brick A l'oeuf, con tanto di birre e coca-cola il tutto per 46 dinari tunisini.

 

Alle  15:30 partenza per l'enclave di MATMATA e visita al museo. Rifacciamo al contrario la strada dell'andata passando di nuovo nel deserto, Matmata e i suoi dintorni è famosa per la caratteristica conformazione del terreno che ha permesso già nei tempi antichi di costruire le case sotto terra nel tufo, infatti è proprio qui che si trovano le case troglodita, fino a 20 anni fa la popolazione, che non aveva ancora la corrente e l'acqua in casa, viveva in queste case, perché la temperatura, sia in estate, che in inverno, era costante intorno ai 20 gradi.

matmata camper

Ogni casa conteneva diverse famiglie partendo dai nonni per arrivare ai nipoti, le nostre vecchie famiglie patriarcali, ogni casa era attrezzata per la completa autonomia, dal pozzo, alle macine per l'olio, avevano la stanza per la tessitura dei loro tappeti, delle loro coperte e dei tessuti per i loro vestiti. Scopriamo come l'uomo ha saputo adattarsi al clima del posto vivendo sotto terra per proteggersi dalle temperature proibitive fin quasi ai giorni nostri. L'area antistante il museo è attrezzata con carico /scarico e corrente per i nostri mezzi, ci colleghiamo con il camper e mentre fuori fa 4 gocce di pioggia (non di più) ceniamo in camper. Dopo cena ci trasferiamo nel camper di Massimo e Sandra per quattro chiacchiere e un po' di pandoro con liquore al cioccolato. Buonanotte.


02/01/2019

matmata bambina

Dopo i saluti con i bimbi dell'area di Matmata proseguiamo il nostro viaggio attraversando un nuovo tipo di Sahara di montagna, dopo l'erg i tipici paesini berberi simili a presepi viventi. Visitiamo un villaggio tipico berbero,TOUJENE, che collocato ai piedi della falesie sembra un paesino da presepe, qui la povertà di ogni cosa è tangibile, sembra di essere tornati all'Italia di 60 anni fa, ma il paesaggio è davvero uno spettacolo, abbiamo l'opportunità di vedere un antico frantoio dove ancora oggi vengono schiacciate le olive col metodo tradizionale per ottenere l'olio.

tunisia frantoio olio

tunisia tappeti

Qui alle 10:30 lasciamo parte del gruppo che continuerà il viaggio per altri 7 giorni, noi giovani lavoratori iniziamo il viaggio che ci porta sulla strada di ritorno. Lasciate le montagne, costeggiamo la costa, strada facendo troviamo una tempesta di sabbia, facciamo fatica a vedere il camper davanti a noi, raggiungiamo in tardo pomeriggio EL JERID, la cittadina è decisamente più evoluta.

camper tempesta sabbia

Parcheggiamo, nel parcheggio che è destinato e ci apprestiamo, visto che ancora presto, a fare un giro per la cittadina, facciamo qualche acquisto di souvenir e poi riceviamo la telefonata della polizia che ci chiede di spostarci in un altro luogo per la notte. La polizia ci fa spostare e ci scorta nello spostamento, perché dice che il parcheggio non è sicuro per la notte, ma è solo un modo per spillare più soldi e farci spostare nel parcheggio di un albergo Hotel ksar El Jem, dove invece che un dinaro richiesto per l'altro parcheggio ne pagheremo 5 trattando, ne volevano 20 a camper, inoltre il precedente parcheggio era a due passi dal centro mentre questo è a 5 km dal centro. Ma perché vedere tutto nero, tiriamo fuori un po' di cibarie e facciamo un'apericena tutti quanti insieme ormai siamo rimasti solo quattro camper, più Mafalda e Fabrizio che ci accompagnano in questo viaggio di ritorno fino a Tunisi. Cena e nanna in questo parcheggio che comunque si rivela tranquillo.

 

03/01/2019

Al mattino dopo la colazione ci apprestiamo alla visita del Colosseo e del museo di El Jem.

el jem colosseo

El Jem, grazie alla sua posizione strategica situata nella pianura, è stata all'epoca dell'Impero Romano una città molto importante per il commercio dell'olio che in questa regione veniva prodotto in grande quantità ed era per i romani un prodotto molto utilizzato come combustibile per l'illuminazione. I Romani si insediarono in questa piccola cittadina rendendola molto ricca e costruendo ville e un grande teatro, il Colosseo che tutt’oggi, grazie alle condizioni meteorologiche favorevoli, si è conservato in modo perfetto. Visitiamo il museo dove sono stati esposti dei grandi mosaici provenienti dalle numerose ville di nobili romani. La guida che troviamo al museo ci racconta dove sono stati trovati i vari mosaici che sono provenienti da numerose ville che erano nei dintorni, una delle quali è stata completamente ricostruita fuori dal museo con tutti i suoi mosaici è davvero spettacolare, sì, la visita ci è piaciuta molto, decidiamo di dare una mancia a questa guida dando 10 dinari a famiglia che per lui sarà il guadagno che solitamente ha in una settimana di lavoro.

el jem foto gruppo
Ripartiamo per il trasferimento ad HAMMAMET, abbiamo fretta di arrivarci perché vogliamo visitare a tutti i costi il souk e la Medina di questa città, siamo fortunati e arriviamo presto perché alle 18:00 le Medine chiudono. Parcheggiamo nel parcheggio dell'albergo, l'ingresso è reso difficoltoso dalle piante di ulivi, tanto che il primo dei nostri camper deve segare un ramo per passare, ci parcheggiamo e prendiamo un taxi (8dt) che ci accompagnerà le porte della Medina proprio davanti al mare, finalmente il mare!

tunisia souk

 

Girovaghiamo per la Medina e souk facciamo vari acquisti i souvenir borse, sciarpe, bracciali, cinture, calamite, e vari regali, facciamo anche un giro in un supermercato dove alcuni di noi compreranno il vero cous cous da portare a casa, facciamo foto con il mare e il tramonto, visitiamo anche la tomba di Craxi, poi decidiamo di fermarci a cena in città e cerchiamo un ristorante che ci faccia, questa volta, il cous cous a base di pesce. Questa volta il ristorante è decisamente di qualità superiore, ci sono tante qualità di pesce e tante specialità tunisine a base di pesce alcune sempre con il cous cous qui ci servono anche il vino il costo a famiglia è di 100 dinari. Torniamo in taxi all'albergo, siamo stanchi dalla giornata e andiamo subito a letto,
L'equipaggio svizzero passerà la notte al freddo perché ha problemi con il regolatore di pressione del gas quindi restano completamente senza riscaldamento ma non dicono nulla fino al giorno dopo.

tunisia tramonto

04/01/2019

Appena svegli scopriamo che Wania e Claudio con i ragazzi hanno passato la notte al freddo, quindi offriamo loro la stufetta per scaldarsi mentre fanno colazione e Mafalda prepara loro latte e the caldi, questa mattina salutiamo un altro  equipaggio che non tornerà a Tunisi con noi perché si imbarcherà con un'altra nave essendo loro di Roma.

autostrada tunisiaPrendiamo l'autostrada e ci trasferiamo a TUNISI giriamo molto per la città perché il parcheggio che solitamente viene utilizzato è completo, proviamo un altro parcheggio a circa un paio di chilometri da questo e ci posteggiamo. Ci prepariamo per la visita della città ma il tempo non promette molto bene.

love tunisi
Prendiamo un taxi e ci facciamo portare in centro alla Medina, nel frattempo inizia a piovere così in attesa che spiova ci fermiamo in un ristorante per il pranzo, per fortuna all'uscita del pranzo non piove più, visitiamo la sua antica moschea da fuori perché non si può entrare dato che non siamo mussulmani, il suo pittoresco e tradizionale souk, facciamo anche qui parecchi acquisti tra cui la tajine da regalare ad Alessia.

tunisi souk

In tardo pomeriggio raggiungiamo il porto di La Goulette per l'imbarco per Genova sono le 17:30 facciamo velocissimamente dogana sotto la pioggia, Mafalda ci aiuta per l'imbarco e poi proseguiamo da soli ma non abbiamo nessun tipo di problema in dogana, acquistiamo in porto 3 stecche di sigarette che però non dichiariamo 2 x 30 dinari è una x 10 dinari, la nave è la Excelsior di Grandi navi veloci. Ci imbarchiamo e durante le operazioni di imbarco delle altre vetture noi ceniamo sul nostro camper poi saliamo nei saloni ritiriamo le chiavi della nostra camera, la camera è bella e pulita, la nave è molto più grande di quella dell’andata e pretendono dai passeggeri il decoro che non era richiesto con l'altra, il mare non è per niente tranquillo ci troviamo al bar tutti insieme ma dopo un po' siamo costretti a ritirarsi in camera per evitare di stare male, da sdraiati il movimento delle onde si sente di meno. Buonanotte


05/01/2019

Anche se durante la notte il mare ha ballato parecchio siamo riusciti a dormire serenamente la camera ha un riscaldamento troppo potente fa caldo, ci vestiamo e andiamo a fare colazione al bar della nave la camera dovremmo lasciarla più tardi nel pomeriggio.
Passiamo la mattina "cazzeggiando" insieme agli altri, facciamo acquisti al duty free della nave, acquistiamo altre due stecche di sigarette ma questa volta in euro €27,90 per le Camel blu. il mare è un po' più tranquillo forse perché siamo fra la Sardegna e l'Italia e la corrente è meno forte, ci rechiamo al ristorante della nave per fare pranzo quando ci sediamo ad un certo punto la luce e i motori si spengono: completo blackout, il personale di bordo dice che è un problema tecnico momentaneo di stare tranquilli ma ogni volta che lo dicono la tranquillità se ne va un pezzo in più, finiamo il pranzo e dopo circa un'ora si riesce a ripartire. Il viaggio prosegue tranquillo. C'è chi legge, che gioca a carte e chi dorme in camera fino a quando ci dicono di lasciarle libere, sono le 21.40 Arriviamo in porto a GENOVA senza difficoltà, né più problemi, noi non dobbiamo più fare dogana solo i tunisini devono rilasciare ancora i documenti, quindi per noi l'uscita è abbastanza celere. Qui davvero finisce il nostro viaggio, salutiamo i nostri compagni e imbocchiamo la strada per il ritorno anche l'autostrada è libera.

RINGRAZIAMO I NOSTRI COMPAGNI DI VIAGGIO
CHE CI HANNO TENUTO COMPAGNIA, FATTO DIVERTIRE E LA COMPAGNIA È STATA DAVVERO MOLTO BELLA, il viaggio è stato davvero interessante ed emozionante il Sahara ha sempre il suo fascino all’ 1:10 siamo a casa dopo 42 ore di nave fra a/r, 2200 km sulle Dune del Sahara e in mezzo alla depressione salata.

 Spese viaggio  € 1.100,00  Scheda tunisina € 10,00
 Nave a/r.  €  755.00 Ristorante € 66,00
 Taxi/Quad  € 44,00 Tappeto € 150,00
Souvenir € 148,00 Gasolio € 170,00
       
 TOTALE   2.443,00    

  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito 2 GUIDE gratis

appuntamento nella tua casella di posta elettronica il mercoledì

button restiamo in contatto newsletter 

x

Seguici su

facebook twitter you tube instagram

CAMP

camp vacanzelandia

CAMP è il fedele compagno di viaggio delle vostre vacanze! Cerca la struttura più adatta a te... Scopri di più

banner NoiconVoiTOUR2020 450px

button gallery

button calendario

button meteo


button restiamo in contatto newsletter

Iscriviti alla Newsletter! 

GRATIS PER TE

le guide utili di vacanzelandi@


progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina