Menu

L'Aquila in camper: una città che rinasce

LAquila fontana 99 cannelle 5

La nostra visita a quasi 10 anni dal sisma

di Marta Pavesi - blogger di L'Arca di Noi 3  

L'aria odora di calce in pieno centro storico a L'Aquila. Lo stiamo attraversando a piedi, perché vogliamo ammirare le 99 cannelle. Non avevamo in programma di visitareLAquila cantiere questa città, colpita dal terremoto nel 2009.
Tuttavia, la necessità ci ha portato qui, in una di quelle mete in grado di rapire da subito il cuore, anche senza averci mai pianificato un itinerario.
Arriviamo in questa città, così, perché abbiamo bisogno di fare carico e scarico dei serbatoi del camper. Troviamo nel capoluogo abruzzese, in Via Strinella 2, una sosta gratuita con camper service pronto a rispondere alle nostre esigenze. Per il resto, questo comune, il nono più vasto d’Italia, ci coglie impreparati. Non sappiamo cosa aspettarci, né tanto meno cosa visitare.
Qui, giunti per caso, quasi inconsciamente, veniamo subito trattenuti da alcuni labili segnali, che ci invitano restare. Già davanti alla fontanella del camper service, veniamo catturati dalla prima sorpresa. Ci guardiamo sbigottiti. Non crediamo ai nostri occhi. Coinvolgiamo anche Milka nella nostra scoperta, riempiendo, fino all’orlo, la sua ciotola d’acqua.
Un cartello ci segnala che l'acqua che sgorga da questa fontanella è minerale e ricca di proprietà organolettiche. Lo stesso nome della città in origine indicava un luogoLAquila proprieta acqua caratterizzato dall’abbondanza di acqua. Ne è tuttora testimonianza il simbolo del capoluogo, La fontana delle 99 Cannelle.
Improvvisamente, però, ci assale un dubbio spinoso. La domanda ci sorge spontanea pensando a quel terribile terremoto lontano ormai 9 anni nel tempo, ma così catastrofico da risultare ancora attuale nelle ferite e nelle cicatrici lasciate specie nel centro storico, che è stato completamente raso al suolo.
Ci chiediamo se sia poi così corretto visitare il centro oggi in ricostruzione con le nostre macchine fotografiche alla mano e l’animo carico di positiva curiosità. Non vogliamo strumentalizzare quella che è stata una vera sciagura, ma decidiamo, comunque, malgrado questa nostra incertezza, di visitare il cuore distrutto della città. Qui i pensieri vagano tra un edificio crollato e uno restaurato. Vagano più delle gambe.
La mente è suggestionata da tantissimi stimoli esterni. Gli occhi vedono macerie e rovine accostate a palazzi elegantissimi appena ricostruiti. Le orecchie si riempiono dell'incessante rumore dei martelli pneumatici in azione nelle instancabili mani di chi sta facendo risorgere un'intera città.
Attraversiamo questo immenso cantiere racchiuso nella città. La polvere si fa quasi palpabile, ma è l'olfatto il senso che più di tutti disorienta.
L'aria odora di calce in pieno centro storico a L'Aquila. È un'aria strana contraddittoria come un piatto cucinato in agrodolce. Sembra testimoniare istanti di distruzione. FaLAquila forte spagnolo pensare da una parte che quell'odore, amplificato per mille, fu lo stesso che respirarono gli aquilani quella notte del 2009. In realtà oggi, piuttosto che un odore, è più un profumo, perché è il segno di una città ferita, che si sta rialzando.
Nella parte più alta del capoluogo sorge il Forte Spagnolo, una grande fortezza costruita nel ‘500 per scopi difensivi, che, tuttavia, venne utilizzata, praticamente da subito, come residenza dal governatore spagnolo, che la fece costruire. Il terremoto ha danneggiato gravemente anche questo storico e massiccio castello. Il suo interno è sottoposto a LAquila ex universitarestauro e risulta ancora inagibile. Non ci resta che imitare i tanti cittadini, i quali, chiacchierando in tranquillità, passeggiano nel parco che circonda il Forte. Milka è entusiasta della scelta. Molti sono, infatti, i cani che incontriamo a passeggio con i loro padroni in questo parco pubblico, dove l'accesso ai nostri amici a quattro zampe non è stranamente vietato. Proseguendo oltre, incappiamo nella FontanaLAquila fontana luminosa Luminosa dove però la luce del giorno ci impedisce di godere della bellezza del suo magico, lucente e colorato spettacolo. Lasciato il parco alle nostre spalle, ci imbattiamo in alcune strade ancora chiuse. Siamo nella zona della vecchia Università, che oggi non è nient’altro che un palazzo impacchettato, puntellato e tenuto insieme da enormi cinghie. Ciononostante, L’Aquila è ancora prestigiosa città universitaria e la sede è ora in un nuovo edificio restaurato e sicuro.
Raggiungiamo, dopo essere stati rimbalzati da un paio di vicoli impraticabili, il Borgo Riviera e la bianca Chiesa di San Vito, appena recuperata.
In fronte ad essa, chiusa entro tre alte pareti adornate a forme geometriche bianche e rosa, si trova la nostra tanto cercata Fontana delle 99 Cannelle. La fontana è così chiamata perché l'acqua sorgiva qui scorre da 99 ugelli a forma di maschera. LAquila fontana 99 cannelle
Narra la leggenda, infatti, che questi 99 volti di pietra stiano a rappresentare i signori dei 99 castelli dalla cui unione si sarebbe formata L'Aquila. Si dice che ciascun castello avesse una piazza con una chiesa e una fontana. Per questo motivo L'Aquila, secondo la leggenda, avrebbe 99 chiese, 99 piazze e 99 fontane.
Ammiriamo in alto, sulla parete centrale, lo stemma cittadino: un'aquila sotto cui compare la frase, attribuita a Virgilio, “Immota Manet”, che vuol dire incredibilmente “Resta Ferma”.
Simbolo della città da tempi immemori, la Fontana delle 99 Cannelle fu il primo luogo ad essere ripristinato dopo il terremoto.
Capiamo, tutto ad un tratto, come questo luogo racchiuda in sé il senso di una città affascinante, coinvolgente, ma, allo stesso tempo, difficile da interpretare, come può essereLAquila stemma L'Aquila. Questa fontana è il luogo dove c'è tutto. C'è l'acqua sinonimo di vita e ricrescita. C'è tutta la storia della nascita di questa città. C'è il suo stemma. 

E c'è questo monito a restare immutata, come fosse un ordine di mantenere inalterato il suo valore intrinseco, nonostante tutto, nonostante i cambiamenti esterni, nonostante i terremoti.

 

Potrebbe interessarti anche

Itinerario di sei giorni tra Molise, Abruzzo e Umbria - in campervan -- in campervan -
Alla scoperta dell'ABRUZZO in camper
Diario di viaggio in camper: visita a città italiane di ritorno dalla Grecia
- Vacanze in Abruzzo

 

 Condividiamo con gli amici di Vacanzelandia qualche scatto di L'Aquila

  LAquila__fontana_99_cannelle_3.jpg LAquila__fontana_99_cannelle_4.jpg LAquila__fontana_99_cannelle_5.jpg LAquila__fontana_99_cannelle_6.jpg LAquila__liber.jpg LAquila__rinasce.jpg LAquila__strada chiusa.jpg

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

la guida utile
"COME SCEGLIERE IL CAMPER"

Trova campeggi, agricampeggi, aree attrezzate con

camp vacanzelandia s

Seguici su

facebook twitter you tube instagram

button gallery

button calendario

button meteo

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

la guida utile
"COME SCEGLIERE IL CAMPER"

SEI UN'AZIENDA? CLICCA QUAbutton vacanzelandia solutions attivita

progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina