Menu

In Camper nei Borghi più belli d’Italia

Il camperista è il nuovo turista?

salone_camper_2012

Il Salone del Camper 2012 ha fatto da cornice ad un workshop organizzato dal Club de I BORGHI PIÙ BELLI D’ITALIA, in collaborazione con APC-Associazione Produttori Caravan e Camper, in cui si è parlato dell’importanza del camperismo come modalità turistica in grado di valorizzare e promuovere le peculiarità dei borghi della nostra piccola grande Italia, un Paese ricco di tesori tutto da scoprire. È stata, quindi, tracciata una fotografia del turista che sceglie di visitare piccoli comuni in camper e valutate le possibili azioni da attuare per incrementare ulteriormente la ricettività en plein air.

 

Una delle caratteristiche principali del viaggio in camper è la libertà di muoversi e di sostare in luoghi lontani dalle mete turistiche tradizionali visitando l’Italia più piccola e inesplorata, fatta di borghi e comuni con un patrimonio storico-artistico, naturale e enogastronomico tutto da scoprire. La crescita di interesse nei confronti di questo tipo di offerta turistica nazionale è chiaramente riscontrabile nei numeri sull’affluenza di turisti che ogni anno scelgono le strutture ricettive presenti nei comuni.

 

Nel 2008 sono stati registrati circa 7,4 milioni di pernottamenti per un totale di circa 860 milioni di euro di entrate. Nel 2010 i pernottamenti sono saliti a circa 10 milioni per oltre un miliardo di euro di entrate. Le visite al portale www.borghitalia.it nel corso degli anni sono decuplicate passando dai 550.000 del 2005 ai 5.400.000 del 2011. Per valorizzare ulteriormente questo circuito entro il 2012 verrà realizzata una mappatura delle produzioni enogastronomiche legate ai 211 borghi certificati, associati a “I Borghi più belli d’Italia”. Una moltitudine di vie del gusto che collegano un borgo all’altro.

 

Dopo un breve saluto introduttivo del Vice Presidente di APC, Leonardo Giotti, sono intervenuti il Presidente de I Borghi più belli d’Italia, Fiorello Primi, Umberto Desiderio, Direttore Editoriale della rivista Vie del Gusto

 

La scelta di fare questo incontro al Salone del Camper - ha dichiarato il Vice Presidente di APC-Associazione Produttori Caravan e Camper, Leonardo Giotti - è stata dettata dall’opportunità offerta da questa fiera ai camperisti: conoscere tutte le chance che il turista en plein air, sia italiano che straniero, ha a disposizione per scoprire il fascino di un’Italia ancora nascosta ai più, fatta di comuni e borghi dal patrimonio inestimabile. È importante quindi favorire questa collaborazione tra i borghi e APC in modo da realizzare sempre più spazi destinati ai camperisti e incrementare conseguentemente l’afflusso degli amanti del plein air. Il camper style può rappresentare una notevole risorsa economica per queste realtà nazionali più piccole grazie all’indotto riversato dai camperisti sui territori visitati”.

 

I Borghi Più Belli d’Italia rappresentano oggi - ha detto il Presidente de I Borghi più belli d’Italia, Fiorello Primi - un elemento importante dell’offerta turistica nazionale da esportare anche in ambito internazionale. L’interesse riscontrato da parte dei tour operators di tutto il mondo nei nostri confronti è sintomatico dell’esigenza di creare nuove offerte turistiche in grado di uscire dal tradizionale circuito che, pur mantenendo la propria notevole importanza, è rimasto uguale a se stesso per troppo tempo. Rappresento qui l’impegno di oltre duecento collettività che si sono assunte la responsabilità di preservare, migliorare e tramandare le proprie peculiarità e ricchezze territoriali e di fare della bellezza l’elemento trainante della propria crescita sociale, culturale ed economica. Il turista diventa, quindi, attore di questo processo di tutela e valorizzazione in quanto portatore di risorse e divulgatore della conoscenza acquisita in quel luogo”.

 

Come Vie del Gusto, il media concept dedicato al gusto - ha commentato Umberto Desiderio, Direttore Editoriale della rivista Vie del Gusto - abbiamo sempre lavorato per la promozione del turismo enogastronomico e questo ben si sposa bene con gli obiettivi che il club Borghi più belli d’Italia vuole raggiungere. Nel nostro Bel Paese esistono, infatti, delle peculiarità e delle tradizioni enogastronomiche che andrebbero valorizzate ulteriormente perché rappresentano la storia italiana, regionale, locale. Sono delle tipicità che non devono andare perdute perché rimanga intatto lo spirito dei luoghi e delle persone che li abitano. Tutti poi conosciamo l’importanza del settore vinicolo, una risorsa economica e un biglietto da visita importante nel mondo. Il vino rappresenta sempre più il made in Italy in Europa e non solo.”

 

L'incontro ha rappresentato anche un'occasione di confronto tra le Associazioni, che hanno espresso il proprio impegno per suggerire nuove strade da intraprendere in un settore, quello del Turismo, centrale per l'economia del nostro Paese. In particolare, sono stati presentati tutte le attività e i risultati ottenuti negli ultimi anni da l'associazione Borghi più belli d'Italia, con un'attenzione proiettata ai cambiamenti dell'offerta turistica, senza prescindere dalle specificità locali.

 

 

Il Club I Borghi più belli d’Italia nasce nel 2002 all’interno dell’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) per valorizzare e promuovere i piccoli comuni altrimenti condannati a rimanere ai margini dei movimenti turistici nazionali e internazionali. Si tratta di una rete di eccellenza che è stata costruita attraverso una rigida selezione determinata da un severo procedimento di certificazione basato su di una carta di qualità composta da circa 75 parametri.

Oggi il Club è composto da 213 piccoli comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti e con meno di 2.000 all’interno del Borgo certificato. Al nord ne troviamo il 35% , al centro il 45% e al sud e isole il 25%.

 

APC, Associazione Produttori Caravan e Camper, opera da 35 anni, dal 1977 in seno ad ANFIA e dal 2010 come Associazione autonoma, nel panorama italiano per potenziare la promozione del turismo en plein air e la rappresentatività della filiera del caravanning. Il cuore produttivo si trova nel distretto della Val D’Elsa, tra le province di Firenze e Siena, con alcuni stabilimenti nel Lazio (Pomezia) e in Abruzzo (Atessa).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

la guida utile
"COME SCEGLIERE IL CAMPER"

Trova campeggi, agricampeggi, aree attrezzate con

camp vacanzelandia s

Seguici su

facebook twitter you tube instagram

button gallery

button calendario

button meteo

button restiamo in contatto newsletter

GRATIS PER TE

la guida utile
"COME SCEGLIERE IL CAMPER"

SEI UN'AZIENDA? CLICCA QUAbutton vacanzelandia solutions attivita

progettare area attrezzata camper

button restiamo in contatto newsletter

button vacanzelandia solutions attivita

Vai all'inizio della pagina